DVD, la fine di un software

L'autore del celebre DVD Decrypter ha annunciato la dismissione del software e del sito corrispondente, e consiglia a mirror e simpatizzanti di rimuovere tutto. A qualcuno quel decrypting non piace


Los Angeles (USA) – “Lo scorso giovedì mi è stata recapitata una diffida” e “ora sono qui ad avvertirvi che l’ultimo download di DVD Decrypter che avete fatto è l’ultimo che farete mai”. Così ha annunciato la dismissione del proprio software l’autore di un programma molto noto e consigliato da altri celebri programmi di settore come DVD Shrink . DVD Decrypter, ha spiegato l’autore, è arrivato al capolinea.

In un post pubblicato su CdFreaks dallo sviluppatore, lightning uk! , si legge: “Speravo che questo giorno non arrivasse mai, ed è invece giunto (…) A causa di una legge modificata nell’ottobre del 2003, bypassare le protezioni sulla copia non è permesso”. Il riferimento dello sviluppatore è al progressivo inasprimento delle normative sul copyright e il diritto d’autore negli USA e all’applicazione sempre più ampia che negli anni ha avuto il Digital Millennium Copyright Act (DMCA), normativa assai criticata che ha giustificato l’apertura di numerosi procedimenti giudiziari e l’instaurarsi di una giurisprudenza decisamente restrittiva nei confronti dello sviluppo di software , della ricerca e persino dell’ assistenza tecnica .

DVD Decrypter è un software pensato sostanzialmente per consentire di copiare i DVD sull’hard disk e di farne una copia, anche convertendo i contenuti in altri formati. In regime di diritto alla copia privata questo non dovrebbe costituire un problema, se non fosse che proprio il DMCA, pur prevedendo tale diritto, stabilisce l’illegalità di qualsiasi strumento che possa aggirare le tecnologie di protezione .

“Una certa azienda – scrive l’autore del software – ha deciso che non le piace quello che faccio e mi sono venuti dietro come un branco di lupi. Non ho scelta se non dismettere DVD Decrypter”. “Da questo momento in poi – continua – non posso più fornire alcuna assistenza a gente che potrebbe violare i diritti di una certa azienda: quindi non più email, non più post sui forum, più niente, fine della storia”.

Sebbene non lo dica esplicitamente, per evitare pesanti conseguenze giudiziarie l’autore ha anche sottolineato come chiunque oggi disponga del software dovrebbe evitare di usarlo : “Ciò che voglio dire è che tutti voi dovreste astenervi dall’usare quel software per rispetto dei diritti di quell’azienda”. Allo stesso modo “chiunque pubblichi DVD Decrypter è avvisato di cessare immediatamente questa attività. Non credo che si fermeranno a me”.

Il sito ufficiale del software, dvddecrypter.com, è offline da diversi giorni (sebbene Google ne mantenga traccia in cache qui ) e secondo lo sviluppatore passerà ufficialmente nelle mani della società che lo ha diffidato dal continuare nella sua attività già nelle prossime ore. Non c’è dubbio, comunque, che sui circuiti del peer-to-peer se non proprio su web DVD Decrypter potrà circolare ancora per lungo tempo, così come le numerose alternative tuttora disponibili.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Supermercati CVS...
    Vuol dire che la telecamera te la devi assemblare tu?
    • Anonimo scrive:
      Re: Supermercati CVS...
      - Scritto da: Anonimo
      Vuol dire che la telecamera te la devi assemblare
      tu?Ma no, CVS vuol dire Cazzi Veri da Succhiare!
  • Anonimo scrive:
    Re: fuori di testa!
    eccone un altroti pare che i negozianti GETTANO le videocamerenon sarà forse che sono fatte per essere rivendute(cracker a parte)?
  • Anonimo scrive:
    Inquinare e sprecare!!!
    E bravi,che bella tecnologia,se va ad inquinare e specare di più!!!:DCome il DVD che si autodistrugge,invenzioni del piffero!!!perchè non si fanno anche il water che si autodistrugge,magari con gli inventori e investitori sopra!!!
  • Anonimo scrive:
    Una Telecamera come il cervello...
    degli americani. Usa ( poco, ma poco ) e getta.
  • ERMAC scrive:
    A che bello altro inquinamento...
    A che bello altro inquinamento...quante tonnelate di rifiuti elettronici ne verranno fuori sono proprio curioso...
    • Anonimo scrive:
      Re: A che bello altro inquinamento...
      "usa e getta" non nel senso che poi si gettano veramente..ma l'hai letto l'articolo?
  • Anonimo scrive:
    In Africa stanno ancora con le VHS!
    Ho visto con i miei occhi papa' africani riprendere i figli alla recita scolastica con pesanti telecamere che usano videocassette grandi così in formato VHS.Parlo di telecamere pesantissime che una volta messe in spalla procurano il colpo della strega a tanti giovani padri. Con batterie che durano 10 minuti e li costringono a tornare nel villaggio più vicino (circa 500 km) per ricaricarle tramite un impianto eolico, tempo previsto per la ricarica 2 mesi.E in america cosa fanno???Hanno la faccia tosta di fare delle telecamerine che prendi usi e getti!!!Non ho parole veramente!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: In Africa stanno ancora con le VHS!

      Con batterie che durano 10 minuti e li
      costringono a tornare nel villaggio più vicino
      (circa 500 km) per ricaricarle tramite un
      impianto eolico, tempo previsto per la ricarica 2
      mesi.Questo però non l'hai visto, vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: In Africa stanno ancora con le VHS!
        se fossi ricco, comprerei una bella quantita' e li porterei in africa .. -.-- Scritto da: Anonimo

        Con batterie che durano 10 minuti e li

        costringono a tornare nel villaggio più vicino

        (circa 500 km) per ricaricarle tramite un

        impianto eolico, tempo previsto per la ricarica
        2

        mesi.

        Questo però non l'hai visto, vero?
    • Anonimo scrive:
      Re: In Africa stanno ancora con le VHS!
      - Scritto da: Anonimo
      Ho visto con i miei occhi papa' africani
      riprendere i figli alla recita scolastica con
      pesanti telecamere che usano videocassette grandi
      così in formato VHS.
      Con batterie che durano 10 minuti e li
      costringono a tornare nel villaggio più vicino
      (circa 500 km) per ricaricarle tramite un
      impianto eolico, tempo previsto per la ricarica 2
      mesi.voglio fare anch'io viaggi così!!!Ti prego, dammi l'indirizzo del tuo spacciatore!
      • Anonimo scrive:
        Re: In Africa stanno ancora con le VHS!
        - Scritto da: Anonimo
        voglio fare anch'io viaggi così!!!
        Ti prego, dammi l'indirizzo del tuo spacciatore!Via XX settembre, devi scarpinare su è giù finché lo trovi perché non sta vicino a un numero civico preciso. Quando vai lì cerca uno nero con un cappello da baseball con scritto in inglese:"che sono venuto a fare in Italia quando potevo starmene dove stavo che stavo anche meglio, mah è la vita e dire che sono laureato in ingegneria, ma va che mi tocca fa' per tirà a campà".Se vuoi lo sconto famiglia devi farti fare la tesserina magnetica con la smartcard incorporata.
  • Anonimo scrive:
    Americani spreconi
    Il concetto dell'usa e getta è un sopraffine: così non potranno mai pensare di andare a scaricare le foto dalla concorrenza o stamparsele a casa. Poi se si getta veramente... gli americani sprecano tante di quelle risorse, non mi meraviglierei che il riciclo delle fotocamere/telecamere costi troppo e quindi si debbano buttare (come per i telefoni telecom italia guasti).
  • Anonimo scrive:
    Ma se quelli si comprano l'acqua...
    ...del rubinetto, trattata con metodi che la rendono cancerogena... per non dover sostituire il filtro alla brocca ogni mese.... ma vi state a stupire dello spreco enorme di queste macchinette?Aoh, 38% della fotografia è usa e getta... le videocamere sono solo al loro naturale evoluzione... poi dici "le guerre per il petrolio"... grazie al cavolo che gli serve di fare le guerre.ciaoWallace
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
      - Scritto da: Anonimo
      Aoh, 38% della fotografia è usa e getta... le
      videocamere sono solo al loro naturale
      evoluzione... poi dici "le guerre per il
      petrolio"... grazie al cavolo che gli serve di
      fare le guerre.

      ciao

      WallaceMa chheccazzo dici, comunista di m***a? La guerra non è stata fatta per il petrolio, ma per dare la libertà agli iracheni, anzi a tutto il mondo xché, come dice il grande George W. Bush, senza più Saddam Hussein ora il mondo è un posto + sicuro.Inoltre ne ha guadagnato anche il libero mercato, infatti mentre prima Saddam aveva il monopolio delle stragi in IRAQ, ora chiunque può farsi l'autobomba e farsi saltare per aria mietendo vittime in quantità...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
      Senza offesa, ma detto dal popolo che ha il più grande consumo di acqua in bottiglia, nonostante abbia la più grande disponibilità di acqua di fonte pulita, è un pò "incoerente".ciauz!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
        - Scritto da: Anonimo
        Senza offesa, ma detto dal popolo che ha il più
        grande consumo di acqua in bottiglia, nonostante
        abbia la più grande disponibilità di acqua di
        fonte pulita, è un pò "incoerente".

        ciauz!Ehi, io stò a Bologna. Non voglio più usare l' acqua in bottiglia.Mi dici dove la trovo, una fonte di acqua pulita, per poterla andare a prendere ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
          - Scritto da: Anonimo

          Ehi, io stò a Bologna. Non voglio più usare l'
          acqua in bottiglia.
          Mi dici dove la trovo, una fonte di acqua pulita,
          per poterla andare a prendere ?Confermo, neanche un miracolo potrebbe trasformare quel che viene giù dal rubinetto a Bologna in acqua bevibile...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
            vabbe bologna e meridione a parte...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
            Mettete un bel filtro... ci sono quelli normali da "avvitare" al rubinetto, che filtrano una buona quantità di tracce di escrementi che gireranno nelle vostre tubature. Costano pochi euro.Oppure potete farvi dissanguare per un impianto ad osmosi inversa, che filtra tutto (cloro incluso) dall'acqua.Io, onestamente, l'acqua in bottiglia non la compro... portarmela su per le scale, già solo questo, è una rottura di balle, figuriamoci tirar fuori i soldi. Poi con tutta quella plastica che finisce in giro... meglio lasciar perdere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
            - Scritto da: Anonimo
            Oppure potete farvi dissanguare per un impianto
            ad osmosi inversa, che filtra tutto (cloro
            incluso) dall'acqua.Sì ma quello ha delle controindicazioni mediche, non è il massimo per l'organismo.E poi molti dei sali minerali se ne vanno e l'organismo ne soffre un po', a volte una buona pompa con ingoio è molto più dissetante e nutriente soprattutto per il glucosio che la sborra contiene in enormi quantità. :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
            - Scritto da: Anonimo
            a volte una buona pompa con ingoio è molto più
            dissetante e nutriente soprattutto per il glucosio
            che la sborra contiene in enormi quantità. :DFemmine ascoltate questo uomo saggio !!! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
            Eja vieni a Cagliari a berti l'acqua del rubinetto e vediche il problema delle scale te lo levi per sempre .....ciaog.

            Io, onestamente, l'acqua in bottiglia non la
            compro... portarmela su per le scale, già solo
            questo, è una rottura di balle, figuriamoci tirar
            fuori i soldi. Poi con tutta quella plastica che
            finisce in giro... meglio lasciar perdere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
            A dir la verità, credo che l'acqua del rubinetto la paghiamo cara noi polli in Italia......non è raro sentirsi chiedere 1 euro per un bicchiere di acqua (di rubinetto) al bar. Nei nostri ristoranti, o locali pubblici che dir si voglia, l'acqua viene fatta pagare (e cara!!), anche se si tratta di semplicissima acqua di rubinetto. Da quello che so il 70 (forse 80) % delle acque pubbliche italiane è potabile, ma fa più comodo far credere che non lo sia....molti "amici degli amici" possiedono stabilimenti di imbottigliamento.....PURO rendimento a costo praticamente nullo!!!!!!!!!Non molto tempo fa, la trasmissione "Report" si è occupata di queta materia......cercate di rivedere la puntata.......Forse è ora che ci diamo una bella svegliata e iniziamo a reagire a queste "mungiture economiche umane autorizzate"..........Distinti saluti a tutti......proprio a tutti
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma se quelli si comprano l'acqua...
            sarà come dici tuma quando bevo la mia acqua imbottigliata mi sento piu pulito dentro e bello fuori
  • Anonimo scrive:
    Ma se costano solo 29 dollari...
    ...e sono quantomeno "usabili" dal punto di vista qualitativo: perchè allora non usarle piu' volte?In altri termini: perchè le videocamere non usa e getta consumer costano oltre i 300 euro?Bah... si baseranno su business plan incentrati sui grandi numeri; meccanismi che a me informatico sfuggono... ma a me pare tanto una presa per i fondelli.Voglio dire, oggi è possibile collegare una videocamera al computer e far partire la masterizzazione del filmato al plug del connettore usb... forse qualche software lo fa gia' (magari su osx)... quanto è complicato di infilare un dvd vuoto nel masterizzatore e collegare il cavo al computer che fa partire tutto in automatico?L'eventuale assenza di questo, puo' giustificare un rapporto costi 1 a 10 (usa e getta/non usa e getta)?bah...ciaoRenton78
    • ishitawa scrive:
      Re: Ma se costano solo 29 dollari...
      usa e "getta" nel senso che la riporti al negozio, l'unico che è in grado (ufficialmente) di estrarre il filmatoè sperabile che questo non butti via tutto ma che la telecamera venga azzerata e possa essere rimessa sul mercatoquindi se costa 29 dollari, più la fidelizzazione che devi andare da loro per masterizzare il dvd e fa 7-8 passaggi vedi che i costi si equivalgono
  • avvelenato scrive:
    bellissima, me ne compro quattro!
    un display a colori da 1,4" costa sicuramente molto di più, anche senza controller e inverter....!!!!
  • Anonimo scrive:
    Geniale...
    Ma chi li paga sti progettisti ???Ma proprio USB dovevano farla ?Bastava una interfaccia proprietaria per rendere difficile (anche se non impossibile) il cracking dell'apparecchio !!Mah... spesso certe cose sembrano proprio fatte a posta...
  • HotEngine scrive:
    L'assurdo...
    Il consumismo sta raggiungendo davvero livelli assurdi. Il digitale, nato proprio per contrastare gli sprechi, duttile, versatile, ridotto così... Castrato volutamente per poter essere buttato anzichè riutilizzato. Gente che inventa simili cose dovrebbe andare in un manicomio criminale, assieme a chi le vende.
  • Anonimo scrive:
    PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
    Considerate che per estrarre il filmato dalla videocamera bisogna per forza passare per gli addetti del negozio ;)Mi pare ovvio che la macchina viene recuperata :)
    • Anonimo scrive:
      Re: PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
      - Scritto da: Anonimo
      Considerate che per estrarre il filmato dalla
      videocamera bisogna per forza passare per gli
      addetti del negozio ;)

      Mi pare ovvio che la macchina viene recuperata :)Se è come dici tu il titolo dell'articolo e il contenuto dello stesso sono sbagliati, si doveva parlare di "prestito" o "a rendere"..OT: Peccato che il sito di CVS,"una delle più grandi catene di supermercati statunitensi" non supporti Opera :|
      • Anonimo scrive:
        Re: PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
        - Scritto da: manta
        esattamente..
        non è getta..
        è solo a noloLe macchine fotografiche "usa&getta" le abbiamo sempre chiamate così senza fare tutto questo baccano nonostante le ridiamo intere al fotografo che estrae il rullino e rispedisce l'apparecchio al produttore che recupera il recuperabile e ricicla tutto.Anche in questo caso è lo stesso, se volessimo potremmo spaccare il display prima di restituirla e non dovremmo pagare nulla (cosa che invece dovremmo fare se fosse a noleggio).
        • Anonimo scrive:
          Re: PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
          se spacchi il display il negoziante potrebbe "spaccarti" il filmato in testa :D
        • HotEngine scrive:
          Re: PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
          - Scritto da: Anonimo
          Le macchine fotografiche "usa&getta" le abbiamo
          sempre chiamate così senza fare tutto questo
          baccano nonostante le ridiamo intere al fotografo
          che estrae il rullino e rispedisce l'apparecchio
          al produttore che recupera il recuperabile e
          ricicla tutto.Devi vivere su un altro pianeta... Le macchine usa e getta (quelle a rullino) le sventrano per estrarlo ed il resto lo CACCIANO VIA.
          • Anonimo scrive:
            Re: PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
            sul mio pianeta no
          • Anonimo scrive:
            Re: PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
            - Scritto da: Anonimo
            sul mio pianeta noNeanche sul mio
          • Anonimo scrive:
            Re: PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
            - Scritto da: HotEngine
            Devi vivere su un altro pianeta... Le macchine
            usa e getta (quelle a rullino) le sventrano per
            estrarlo ed il resto lo CACCIANO VIA.Se per "CACCIANO VIA" intendi che lo buttano in un sacchettone che quando è pieno spediscono alla casa madre in porto assegnato allora ti do ragione, altrimenti hai ragione : vivo su un pianeta diverso dal tuo :D
          • Anonimo scrive:
            Re: PRECISIAMO: NON E' "& GETTA"
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: HotEngine

            Devi vivere su un altro pianeta... Le macchine

            usa e getta (quelle a rullino) le sventrano per

            estrarlo ed il resto lo CACCIANO VIA.

            Se per "CACCIANO VIA" intendi che lo buttano in
            un sacchettone che quando è pieno spediscono alla
            casa madre in porto assegnato allora ti do
            ragione, altrimenti hai ragione : vivo su un
            pianeta diverso dal tuo :DQuindi in entrambi i casi hai ragione :D :D :D
  • Anonimo scrive:
    Mamma che spreco
    E questi temono pure che la gente trovi un sistema per tenerle funzionanti.
  • Anonimo scrive:
    Dannato consumismo....
    .... ma quando finirà questa mania del consumismo? Ma la gente pensa veramente di vivere su un pianeta dalle risorse illimitate? Gli americani... sempre loro... non fanno altro che fornire modelli di vita sbagliati a tutto il mondo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dannato consumismo....
      - Scritto da: Anonimo
      .... ma quando finirà questa mania del
      consumismo? Ma la gente pensa veramente di vivere
      su un pianeta dalle risorse illimitate?
      Gli americani... sempre loro... non fanno altro
      che fornire modelli di vita sbagliati a tutto il
      mondo.Basta non seguirli, no?
      • Anonimo scrive:
        Re: Dannato consumismo....
        Se pero' la maggior parte del mondo compra, usa e getta qualunque cosa non basta starsene in un angolino per sopravvivere.Il mondo e' anche di quelli che vorrebbero un consumo responsabile delle risorse.E pensare che proprio ieri si parlava di e-waste e oggi ci tocca leggere sta notizia.Mah spero solo che sia un flop commerciale enorme.CoD
    • Anonimo scrive:
      Re: Dannato consumismo....
      riciclo, questo sconosciuto...E' tutta roba prodotta da plastica riciclata, destinata poi a diventare... altra plastica riciclata. D'altronde la raccolta differenziata e' abbastanza ben gestita, per non parlare del riciclaggio di rifiuti e rottami dove sono molto avanti. Ad esempio, calcola che circa la meta' del fabbisogno di metalli (in particolare l'acciaio) negli USA viene soddisfatta dai rottami che vengono lavorati in altiforni ad arco elettrico. Un tempo le acciaierie erano dislocate quasi unicamente in stati dove vi era una forte concetrazione di siti minerari. Oggi e' completamente diverso, le numerose acciaierie si trovano ovunque e la maggiorparte di esse si "nutre" unicamente di rottami, utilizzati a ciclo continuo. Questo discorso si applica anche alla carta, alla plastica e ad altri materiali.Che poi gli Stati Uniti siano dei grossi consumatori, nessuno lo mette in dubbio, anzi! Pero', bisogna anche calcolare quanto producono e quanto riutilizzano...E' inutile star li a criticare sempre gli USA ad ogni scorreggina quando la maggioranza della gente sguazza nella cultura americana, fa girare ogni minchiata sugli usa (che se fosse successa, chesso', in argentina, non avrebbe mai avuto alcuna eco), parla, sparla e straparla, insomma, e' un immenso gossips che intrattiene un po' tutti, senza hollywood... divertente eh? :-)Penso che internet senza le notizie (belle o brutte) da oltreoceano sia una palla totale! Si parla tanto di mondi ideali, di paradisi, ma non se li caca mai nessuno... per quanto mi riguarda, mi diverto una cifra a leggere i commenti sugli states, ahhh come mi diverto!Com'e' che si dice? Bene o male purche' se ne parli... gia' gia'...
      • HotEngine scrive:
        Re: Dannato consumismo....
        - Scritto da: Anonimo
        riciclo, questo sconosciuto...

        E' tutta roba prodotta da plastica riciclata,
        destinata poi a diventare... altra plastica
        riciclata. D'altronde la raccolta differenziata
        e' abbastanza ben gestita, per non parlare delE spiegami il vantaggio energetico di fare una videocamera, buttarla per riciclarla e rifarne un'altra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dannato consumismo....

      .... ma quando finirà questa mania del
      consumismo? Ma la gente pensa veramente di vivere
      su un pianeta dalle risorse illimitate? giusto, ma la risorsa principale e' il tempo oltre alla disponibilita' di denaro. una macchinetta semplice, di immediato utilizzo e che costi poco, per un uso sporadico va piu' che bene.insomma oggi compri il super tecnologico, non hai il tempo di studiarne il funzionamento, poi non hai il tempo di farti le vacanze e se capita non hai il tempo di dedicarti alla fotografia... domani il tuo ambaradan sara' superato, mai usato e di nessun valore: non sarebbe uno spreco?
      • Anonimo scrive:
        Re: Dannato consumismo....

        insomma oggi compri il super tecnologico, non hai
        il tempo di studiarne il funzionamento, poi non
        hai il tempo di farti le vacanze e se capita non
        hai il tempo di dedicarti alla fotografia...
        domani il tuo ambaradan sara' superato, mai usato
        e di nessun valore: non sarebbe uno spreco?questi si che sono problemi... altro che la fame nel mondo :ose guardi al passato vedi che la tecnologia era molto meno usabile rispetto ad oggi eppure nn vi erano tutti questi problemi.forse siamo noi che ci stiamo piano piano rincoglionendo, abituati sempre di + al tutto facile, tutto comodo, tutto subito, prendere in mano un manuale ed imparare come si usa quell' aggeggio è troppo difficile, che schifo!
      • HotEngine scrive:
        Re: Dannato consumismo....
        - Scritto da: Anonimo
        giusto, ma la risorsa principale e' il tempo
        oltre alla disponibilita' di denaro.
        una macchinetta semplice, di immediato utilizzo e
        che costi poco, per un uso sporadico va piu' che
        bene.Perfetto. Allora perchè me la rendi utilizzabile solo una volta?
Chiudi i commenti