eBay, l'identità di Banksy vale un milione di dollari

Un misterioso utente ha scatenato una folle asta online, promettendo al vincitore un pezzo di carta contenente il nome completo del re dei graffiti. La piattaforma ha cancellato la vendita

Roma – A cosa potrebbe servire un milione di dollari? Ad acquistare un elegante loft in centro o a viaggiare per tutta la vita, ma anche per scoprire la reale identità di Banksy , tra gli artisti metropolitani più famosi del mondo. Un milione di dollari per conoscere il nome completo del re dei graffiti , asceso alla ribalta internazionale per i suoi messaggi contro la guerra e il capitalismo di marca occidentale.

La vicenda è sicuramente tra le più curiose: un utente di eBay chiamato Jaybuysthings ha scatenato un’agguerrita quanto folle asta per ottenere un semplice nome completo. Jaybuysthings avrebbe scoperto la reale identità di Banksy mettendo in relazione le sue opere vendute (in particolare i relativi prezzi) con alcuni documenti fiscali facenti capo all’artista. L’utente ha poi rassicurato le menti più scettiche: l’identità sarebbe garantita e affidabile, veritiera al cento per cento .

Partita da una base di 3mila dollari, l’asta si è inaspettatamente accesa. Prima che i gestori di eBay la chiudessero per la mancata presenza di un bene tangibile. Ma Jaybuysthings ha poi avuto il colpo di genio, rimettendo all’asta un banalissimo pezzo di carta contenente nome e cognome di Banksy . Il vincitore avrebbe ricevuto il foglietto, con la presunta sicurezza di averlo nella più totale esclusività.

L’asta su eBay è dunque ripartita , arrivando – a 26 ore dal termine – alla colossale offerta di 999.999 dollari . Un milione di dollari per un nome su un foglietto di carta. Con una controindicazione piuttosto seria: non tutte le opere vendute farebbero poi capo a Banksy , che oltretutto ha più volte ammesso di non guadagnare alcunché dal merchandising a suo nome. Il sito d’aste fondato da Pierre Omidyar ha infine chiuso anche questa seconda, scatenata corsa online. Il segreto dell’artista pare sia ancora salvo.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enterprise Profession al scrive:
    Dura concorrenza
    Bella questa. Prima M$ è artefice della genesi degli sparagestionaliVB/.NET, poi si lamenta della loro dura concorrenza...
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Dura concorrenza
      - Scritto da: Enterprise Profession al
      Bella questa. Prima M$ è artefice della genesi
      degli sparagestionaliVB/.NET, poi si lamenta
      della loro dura
      concorrenza...Cosa c'entra con il CRM di SalesForce o di Oracle?
      • Giorgio scrive:
        Re: Dura concorrenza
        Significa che oramai sono a 90°
        • Davide scrive:
          Re: Dura concorrenza
          - Scritto da: Giorgio
          Significa che oramai sono a 90°Beata ignoranza.Piacia o non piacia il CRM di Microsoft è utilizzato in tantissime grandi aziende italiane, da vodafone,rai,fiat,iveco...Insomma è un prodotto che per tanti difetti che si possono trovare garantisce una produttività dal punto di vista implementativo e una buona intuitibilità da parte dell'utente finaleSulla parte cloud sono molto dubbioso riguardo alle performance.
Chiudi i commenti