Edigita, l'e-book made in Italy

Feltrinelli, Messaggerie Italiane e RCS Libri avviano la prima piattaforma nostrana dedicata esclusivamente all'editoria digitale. Con l'ambizione di allargarsi anche oltreconfine
Feltrinelli, Messaggerie Italiane e RCS Libri avviano la prima piattaforma nostrana dedicata esclusivamente all'editoria digitale. Con l'ambizione di allargarsi anche oltreconfine

È stato annunciato l’avvio di Edigita (Editoria Digitale Italiana), il progetto che mira a creare la prima piattaforma digitale italiana dedicata esclusivamente alla distribuzione degli e-book. Promotori dell’iniziativa Feltrinelli , Messaggerie Italiane con GeMS , e RCS Libri .

L’obiettivo è quello di realizzare un’unica infrastruttura comune per la distribuzione online dei testi digitali , la più ampia repository di titoli italiani, in modo da favorire la creazione di un mercato alternativo a quello dei canali tradizionali per l’editoria. In base ai primi dati raccolti dagli editori coinvolti emerge infatti che il 7,5 per cento degli intervistati dichiara di aver già comprato (o di accingersi a farlo) un e-reader. Un altro 5,8 per cento aspetta solo un maggior numero di titoli in italiano e un altro 2,8 per cento la possibilità di leggersi col nuovo mezzo i best seller. Si prevede inoltre che il mercato italiano degli e-book possa raggiungere almeno i 60-70 milioni di euro nel 2015 con una quota non inferiore al 4-5 per cento rispetto al mercato tradizionale.

L’unione dei tre gruppi editoriali dovrebbe permettere di unire e potenziare gli sforzi per accedere al mercato digitale , che “richiede ingenti investimenti”, nonché di mantenerne il controllo anche nelle modalità distributive e di vendita restando protagonisti di questa evoluzione: per quanto l’ultimo anno abbia registrato una lieve flessione di questo nuovo settore, le prospettive degli analisti sono positive per 2010, come dimostrano per altro le numerose novità in tema di e-reader e le schermaglie sui prezzi degli e-book che vedono protagoniste gli incumbent (Amazon, Macmillian e Hachette) contrapposte a Apple, che ha appena esordito con iPad e il suo iBooks.

La nuova piattaforma si è avvalsa anche della consulenza tecnica di CEFRIEL , costola del Politecnico di Milano. I primi studi dovranno identificare la piattaforma tecnologica e i requisiti funzionali e tecnici per le operazioni di gestione, di distribuzione e di vendita dei contenuti. Le prime dichiarazioni parlano di disponibilità dei testi nei formati più diffusi (ePub e PDF) e di applicazione di DRM in opzioni differenziate secondo le necessità di ciascun editore.

Il servizio inoltre vuole agire come fornitore di servizi sia per gli e-retailer italiani (ibs.it, LibreriaRizzoli.it e laFeltrinelli.it in primo luogo) che per i siti di ecommerce stranieri , essendo in grado di distribuire i file archiviati, nonché di gestire tutte le procedure di interfaccia tra editori e retailer, comprese le relative transazioni amministrative.

Offrirà, inoltre, l’opportunità a tutti gli altri editori di accedervi: esordirà con più di quaranta sigle editoriali, ma sarà aperta a “tutte le case editrici interessate a uno sviluppo digitale parallelo alla distribuzione fisica e tradizionale dei libri e garantirà a tutti gli operatori editoriali la possibilità di aderire liberamente e a parità di condizioni. Tutti gli editori, italiani ma anche esteri, potranno usufruire dei servizi di Edigita allo stesso modo dei soci promotori”.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti