Editoria, meno burocrazia per l'online

Se l'emendamento al decreto sull'editoria verrà approvato le piccole testate verranno alleggerite dai vincoli sulla titolarità di impresa e dall'obbligo di registrazione

Roma – La Commissione Cultura del Senato ha approvato un emendamento all’art. 3 del decreto sull’editoria che, se verrà approvato da Camera e Senato, snellirà notevolmente le pratiche burocratiche per le piccole testate online .

In particolare , le testate periodiche “realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero online, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100mila euro” non saranno più obbligate a registrarsi presso il tribunale e al Roc (il Registro degli Operatori di Comunicazione).

Inoltre, tali testate sono saranno più vincolate alle misure previste dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62 e dalla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/ del 26 novembre 2008, i quali stabiliscono i vincoli sulla titolarità dell’impresa.

Il primo firmatario dell’emendamento, il senatore del PD Vincenzo Vita, spiega che si tratta di una delegificazione indirizzata a semplificare la vita di realtà come “blog e siti di piccole dimensioni”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    Re: E' un pazzo
    - Scritto da: uno nessuno
    Prima di tutto, notare la mentalità: sottolinea
    che al sud la questione è più generalizzata e
    strutturale - traduzione per chi non è abituato
    al linguaggio di chi non ha niente da dire e, per
    vigliaccheria, dice ancora meno: "più grave ma
    più facile da risolvere".Più facile da risolvere a topolinia. In quella cosa squallida che noi chiamiamo realtà vale il contrario.
    Ma poi fa capire che
    non gliene frega niente, a lui interessa il nord.
    In effetti a Barletta non risiede nessuna
    banca.Ma lo leggi l'articolo oppure guardi solo i banner?
  • Askadia scrive:
    Scrivo da completo ignorante
    Scrivo da completo ignorante, quindi potrei anche sbagliare completamente: ma essendo l'infrastruttura della Telecom ed essendo questa un'azienda privata (o mi sbaglio?), perché lo Stato deve metterci le mani (= soldi dei cittadini)?Dal mio punto di vista lo Stato dovrebbe incentivare e aumentare la competitività fra i vari gestori di telefonia; ma l'infrastruttura è di Telecom e se la dovrebbe sbrigare da sola (che ci metta lei i soldi x migliorare un servizio che lei fornisce e dal quale lei ricava profitto): se questa non ce la fa, che se ne vada in fallimento e che qualche altra azienda subentri. Se non erro è così che dovrebbe essere il "libero mercato". Non capisco quindi cosa centri lo Stato.
    • Francesco scrive:
      Re: Scrivo da completo ignorante
      Ritengo corretto il tuo commento, ed infatti secondo me lo stato dovrebbe riappropriarsi dell'ingrastruttura Telecom.Le reti sono il fondamento della civiltà tecnologia: corrente, gas, acqua, autostrade, ferrovie, tutte le reti sono di proprietà pubblica (non confondiamoci con la gestione) tranne quella più importante critica e necessaria di invenstimenti.In tutti gli altri settosi si è correttamente separata l'infrastruttura dal gestore e si è aperto ad altri gestori, nel campo telefonico no. E pagheremo questa scelta fintano Internet viaggerà sui cavi.
  • alvaro scrive:
    meglio la passera
    AL ministro passera preferisco la passera. Lui passera' l'altra mai.
  • harvey scrive:
    Re: E' un pazzo
    - Scritto da: uno nessuno
    Ma concludo con una riflessione: è veramente
    difficile mandare in recessione uno degli 8 paesi
    più industrializzati. Facciamo un elenco delle
    persone che non ci sono riuscite? Berlusconi,
    Craxi, Cirino Pomicino, D'Alema... invece Monti
    ci è riuscito in due mesi, pur partendo da buoni
    fondamentali (e non l'ha detto il fantasma di
    Lenin, lo dicevano tutti gli economisti italiani
    e
    non).Dai, pure da troll la stai sparando grossa :DMonti e' arrivato con l'economia in recessioni da anni, con un debito accumulato da tutti i precedessori (anche berlusconi ha sperperato tantissimo) e c'e' perfino gente che rimpiange i precedessori :DBello prendersela con il curatore fallimentare e rimpiangere chi ha ipotecato tutte le case che aveva ...
    • alvaro scrive:
      Re: E' un pazzo
      la colpa in italia e' sempre di quei teste di k di sinistra..corriere della sera e giornali di sinistra magistrati di sinistra etc che tolgono uno che faceva danni ma non troppi e mai come prodi and telecom serbia and company con un monti ex goldmansach amico della banche...e i sinistroidi difenderebbero il popolo...ma dove in quale film...indecenti....ecco con prodi e monti come c'hanno ridotto...altro che berlusca...non che mi sia simpatico ma sempre meglio di questa accozzaglia di questi delinquenti amici delle banche confindustria e tutto il resto..uno che ne capisce e dice la verita'http://www.youtube.com/watch?v=FEOXi8oL1H0
      • Franzo Storzetti scrive:
        Re: E' un pazzo
        Ahhaha sei ridicolo....- Scritto da: alvaro
        la colpa in italia e' sempre di quei teste di k
        di sinistra..corriere della sera e giornali di
        sinistra magistrati di sinistra etc che tolgono
        uno che faceva danni ma non troppi e mai come
        prodi and telecom serbia and company con un monti
        ex goldmansach amico della banche...e i
        sinistroidi difenderebbero il popolo...ma dove in
        quale film...indecenti....ecco con prodi e monti
        come c'hanno ridotto...altro che berlusca...non
        che mi sia simpatico ma sempre meglio di questa
        accozzaglia di questi delinquenti amici delle
        banche confindustria e tutto il
        resto..

        uno che ne capisce e dice la verita'

        http://www.youtube.com/watch?v=FEOXi8oL1H0
  • melda scrive:
    sono sicuro che Passera fara bene!
    Sono sicuro che il ministro Passera farà le cose per bene. Mentre noi paghiamo l'imu lui per combattere il digital divide magari donerà centinaia di milioni di euro PUBBLICI ad aziende PRIVATE che invece di potenziare le infrastrutture intascheranno i soldi ed offriranno un servizio ancora peggiore (mica sono SCEMI) di quello che viene offerto ora, un po come fanno per "salvare" le banche, le banche intascano ed in cambio non offrono niente. Con le aziende privatizzate è sempre peggio, privatizzi l'acqua e il prezzo per l'utente aumenta, privatizzi le poste ed i pacchi non arrivano. Per loro libero mercato vuol dire svendere beni pubblici ai privati e regalare denaro pubblico ad imprenditori incapaci (ma molto capaci di intascare i soldi della collettività). È così difficile nazionalizzare i principali fornitori di servizi di questo paese (acqua, elettricità/gas, telefonia) e smettere di regalare denaro pubblico ai privati? Per nazionalizzare intendo dire al 100% pubblici, non devono offrire servizi per lucrarci sopra, devono offrire un servizio sociale al paese, senza perderci ne guadagnarci, daltronde tutte ste tasse che paghiamo a cosa dovrebbero servire (a parte pagare mafie, tangenti, politici e privati)? Vabbè che noi siamo il paese in cui avere una 10mega costa 40 euro al mese a prescindere.
    • santo tricoli scrive:
      Re: sono sicuro che Passera fara bene!
      siamo alla solite, purtroppo, non riusciamo proprio a liberarci del malaffare, come dici tu, ma noi siamo anche dei pecoroni che paghiamo per un servizio che non ci viene garantito. Hai mai provato a distaccarti da una linea telefonica o altro e sei riuscì a fare tutto in breve termine? credo proprio di no. Noi siamo il paese delle complicazioni .
    • uno nessuno scrive:
      Re: sono sicuro che Passera fara bene!
      - Scritto da: melda
      combattere il digital divide magari donerà
      centinaia di milioni di euro PUBBLICI ad aziende
      PRIVATE che invece di potenziare le
      infrastrutture intascheranno i soldiNo no, questo è impossibile. Non hanno nemmeno i pochi soldi che hanno stanziato per lo sviluppo, figurati se possono trovarne altri. E non li hanno perché... appena gli sono entrate i soldi dalla prima manovra che hanno fatto, li hanno regalati tutti a JP Morgan, con la scusa di pagare il debito.Per la cronaca, il direttore italiano di JP Morgan è stato ministro di berlusconi. Ma quando c'era berlusconi non avrebbe mai potuto fare una cosa simile, perché sarebbe stato crocefisso da tutti i giornali, altro che trafiletto nelle pagine centrali del Fatto.Allora, se seguite la logica del meno peggio, dovete cambiare modo di ragionare oppure iscrivervi al berlusconi fan club. Perché la cosa è indiscutibile: tecnicamente, dovendo scegliere tra bianco e nero, 1 e 0, è meglio regalare le frequenze a Mediaset piuttosto che togliere soldi a tutte le classi medio-basse per darli a JP Morgan.
    • harvey scrive:
      Re: sono sicuro che Passera fara bene!
      Aspetta, chi e' che ha fatto il furto.. emm "privatizzazione" delle telecom?Governo Prodi?Se le strutture non le regalavano ma rimanevano statali a questo punto si poteva fare tutto meglio. Peccato che certa gente non viene mai punita :(
  • ruttolo scrive:
    4Mbps ?
    Avere i 100Mbps non serve a niente, basterebbe portare qualcosa come 4Mbps dappertutto. Il problema e che in alcune zone le centrali sono relativamente lontane dalle case e quindi pure installando l'ADSL si rischia di andare a velocita simi al 56k. Pero le soluzioni si trovano, basta volerlo e metterci dei soldi...
    • Sgabbio scrive:
      Re: 4Mbps ?
      - Scritto da: ruttolo
      Avere i 100Mbps non serve a niente, basterebbe
      portare qualcosa come 4Mbps dappertutto. Il
      problema e che in alcune zone le centrali sono
      relativamente lontane dalle case e quindi pure
      installando l'ADSL si rischia di andare a
      velocita simi al 56k. Pero le soluzioni si
      trovano, basta volerlo e metterci dei
      soldi...La fibra ottica copre distanze superiori.
      • Torna alla notizia scrive:
        Re: 4Mbps ?
        La fiber to the cabinet sarebbe un inizio?Almeno l'adsl risultante avrebbe un massimo di 300 metri da percorrere
  • sathack scrive:
    Cavolo però....
    Cavolo però quando i nostri politici parlano di tecnologie digitali alla fine viene sempre fuori una vocce di spesa...700 milioni in questo caso.Mi sembra proprio che il loro focus siano proprio gli investimenti da fare (e su cui mangiare) e non il problema da risolvere.Il caro WiMax dov'è finito ad esempio? E' una tecnologia poco costosa che avrebbe potuto essere utile...solo che c'era un po poco da rubacchiare!Il tutto poi per promuovere splendidi servizi come la PEC (hahahahhah) o i vari servizi 'on line' dello stato. Ricordate il modulo per il censimento della popolazione che addirittura richiedeva di inserire i propri dati personali in due paginate diverse? hahahahahaha
    • Sgabbio scrive:
      Re: Cavolo però....
      - Scritto da: sathack
      Cavolo però quando i nostri politici parlano di
      tecnologie digitali alla fine viene sempre fuori
      una vocce di spesa...700 milioni in questo
      caso.
      Mi sembra proprio che il loro focus siano proprio
      gli investimenti da fare (e su cui mangiare) e
      non il problema da
      risolvere.
      Il caro WiMax dov'è finito ad esempio? E' una
      tecnologia poco costosa che avrebbe potuto essere
      utile...solo che c'era un po poco da
      rubacchiare!
      Il tutto poi per promuovere splendidi servizi
      come la PEC (hahahahhah) o i vari servizi 'on
      line' dello stato. Ricordate il modulo per il
      censimento della popolazione che addirittura
      richiedeva di inserire i propri dati personali in
      due paginate diverse?
      hahahahahahaparli sensa sapere.Comunque il wimax va bene come alternativa, ma se permetti in certe zone dove c'è la possibilità, la fibra ottica, la si potrebbe mettere.
  • Skywalker scrive:
    No, eh?
    Mettere nero su bianco nella Licenza di Operatore che entro X anni dall'inizio dell'attività devi essere in grado di coprire il 100% del territorio nazionale con velocità non inferiori a Y, che verrà incrementato negli anni coerentemente con il progresso tecnologico?Pena la revoca della licenza...100%, non 95%.Vedresti che non c'è bisogno di augurarselo: si metterebbero subito d'accordo per coprire con il servizio minimo quel 5% non remunerativo con una Società Consortile ad Hoc. Magari via radio, sullo stile di Eolo.Ed i nuovi arrivati, al giorno 365*X - 1, si associano al Consorzio.Ora invece possono tranquillamente concentrarsi tutti a vendere fibra a Milano e Roma, ma in Alta Valsassina nemmeno l'ADSL...
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: No, eh?
      - Scritto da: Skywalker
      Ora invece possono tranquillamente concentrarsi
      tutti a vendere fibra a Milano e Roma, ma in Alta
      Valsassina nemmeno
      l'ADSL...La fibra costa, ci sono aziende che sono arrivate a un passo dal fallimento coprendo solo le grandi città.
      • ruttolo scrive:
        Re: No, eh?
        Vero, infatti la fibra nelle valli nei paesini sparsi per l'Italia puo anche darsi che non arrivera mai (ma tanto la maggior parte della gente non se ne fa niente). Pero esiste il serivzio universale, che gia gli operatori sono tenuti a fornire per la volce e volendo potersi connettere ai siti di eGovernment (quando ci saranno) e un diritto e tutti gli altri servizi sono cmq un'opportunita di sviluppo.
      • Sgabbio scrive:
        Re: No, eh?
        - Scritto da: Dottor Stranamore

        La fibra costa, ci sono aziende che sono arrivate
        a un passo dal fallimento coprendo solo le grandi
        città.Finalmente sei tornato a fare l'anti internet.
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: No, eh?
          - Scritto da: Sgabbio
          - Scritto da: Dottor Stranamore




          La fibra costa, ci sono aziende che sono
          arrivate

          a un passo dal fallimento coprendo solo le
          grandi

          città.

          Finalmente sei tornato a fare l'anti internet.È la verità, non è l'anti internet. Perché credi che una famosa azienda che dava la fibra ai privati a un certo punto abbia interrotto con la fibra e abbia iniziato a portare solo ADSL?
          • Sgabbio scrive:
            Re: No, eh?
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            È la verità, non è l'anti internet. Perché
            credi che una famosa azienda che dava la fibra ai
            privati a un certo punto abbia interrotto con la
            fibra e abbia iniziato a portare solo
            ADSL?Per ben altri intrallazzi, ma non mi risulta che abbia smesso con la fibra.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: No, eh?
            - Scritto da: Sgabbio
            Per ben altri intrallazzi, Gli intrallazzi c'entrano poco, stava andando troppo in perdita
            ma non mi risulta che
            abbia smesso con la
            fibra.Ti risulta male, la posa in fibra è ripresa molti anni dopo, ma non so a che ritmo, di sicuro non come quello iniziale.
          • Sgabbio scrive:
            Re: No, eh?
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: Sgabbio

            Per ben altri intrallazzi,

            Gli intrallazzi c'entrano poco, stava andando
            troppo in
            perditaMa se hanno pure indagato FASTWEB!

            Ti risulta male, la posa in fibra è ripresa molti
            anni dopo, ma non so a che ritmo, di sicuro non
            come quello
            iniziale.Ha no, non rigirare la frittata. Tu dici che hanno smesso, poi ti auto smentisci... :D
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: No, eh?
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: Sgabbio


            Per ben altri intrallazzi,



            Gli intrallazzi c'entrano poco, stava andando

            troppo in

            perdita

            Ma se hanno pure indagato FASTWEB!
            E due:che non c'entra una fava con il fatto che coprire in fibra costava troppo
            Ha no, non rigirare la frittata. Tu dici che
            hanno smesso, poi ti auto smentisci...
            :DVeramente tu hai scritto "smesso" io avevo detto "interrotto". Ora caro il mio giratore di frittate vedi di dire qualcosa di intelligente perché te e altri non fate altro che sparare sciocchezze a manetta, come uno vi spiega una cosa allora non è che dite "ah scusa non lo sapevo, grazie", ma semplicemente ne sparate altre ancora sperando prima o poi di cogliere uno in castagna.
          • Sgabbio scrive:
            Re: No, eh?
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            E due:
            che non c'entra una fava con il fatto che coprire
            in fibra costava
            troppoRigiri la frittata.

            Veramente tu hai scritto "smesso" io avevo detto
            "interrotto". Ora caro il mio giratore di
            frittate vedi di dire qualcosa di intelligente
            perché te e altri non fate altro che sparare
            sciocchezze a manetta, come uno vi spiega una
            cosa allora non è che dite "ah scusa non lo
            sapevo, grazie", ma semplicemente ne sparate
            altre ancora sperando prima o poi di cogliere uno
            in
            castagna.
            tattitca dello specchio riflesso gne gne gne.Smesso e interroto son la stessa cosa eh ? Tu hai detto che ha interrotto nel postare la fibra e va avanti con la sola ADSL, dopo ad una mia risposta smentisci quanto ai detto prima.
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: No, eh?
      - Scritto da: Skywalker
      Mettere nero su bianco nella Licenza di Operatore
      che entro X anni dall'inizio dell'attività devi
      essere in grado di coprire il 100% del territorio
      nazionale con velocità non inferiori a Y, che
      verrà incrementato negli anni coerentemente con
      il progresso
      tecnologico?
      Pena la revoca della licenza...

      100%, non 95%.

      Vedresti che non c'è bisogno di augurarselo: si
      metterebbero subito d'accordo per coprire con il
      servizio minimo quel 5% non remunerativo con una
      Società Consortile ad Hoc. Magari via radio,
      sullo stile di
      Eolo.
      Ed i nuovi arrivati, al giorno 365*X - 1, si
      associano al
      Consorzio.

      Ora invece possono tranquillamente concentrarsi
      tutti a vendere fibra a Milano e Roma, ma in Alta
      Valsassina nemmeno
      l'ADSL...la rete doveva restare pubblica. E data in concessione onerosa agli operatori in concorrenza tra loro.
    • harvey scrive:
      Re: No, eh?
      - Scritto da: Skywalker
      100%, non 95%.Gia che ci sei chiedi pure la prima figlia di ogni amministratore delegato :DIl 100% e' impossibile, non c'e' questa copertura nemmeno per l'acqua potabile, volerla per internet ...
  • Esprit scrive:
    Corsi e ricorsi storici
    Nella zona dove sono nato c'era una fiorente attività nel settore chimico. Poi iniziò una piccola crisi e tutti dissero che si poteva superare costruendo una superstrada per rendere il trasporto più veloce e abbassare i costi.Avevo allora 10 anni, la superstrada fu inaugurata quando ne avevo 40 ma non serviva più a nulla perche' tutte le fabbriche chimiche avevano abbandonato la zona o chiuso.Credo che la stessa cosa succederà con le superstrade "digitali".Siamo in Italia
    • Sgabbio scrive:
      Re: Corsi e ricorsi storici
      - Scritto da: Esprit
      Nella zona dove sono nato c'era una fiorente
      attività nel settore chimico. Poi iniziò una
      piccola crisi e tutti dissero che si poteva
      superare costruendo una superstrada per rendere
      il trasporto più veloce e abbassare i
      costi.
      Avevo allora 10 anni, la superstrada fu
      inaugurata quando ne avevo 40 ma non serviva più
      a nulla perche' tutte le fabbriche chimiche
      avevano abbandonato la zona o
      chiuso.
      Credo che la stessa cosa succederà con le
      superstrade
      "digitali".
      Siamo in ItaliaCon la differenza che la crisi di connettività esiste da decenni.
Chiudi i commenti