Ekoore, Ice Cream Sandwich all'italiana

L'azienda campana propone due tablet con Android 4.0. Da 10 o 7 pollici, la parola d'ordine è: prezzi popolari, senza sacrificare troppo

Update 18:00 – Ekoore ci ha inviato le misure precise delle unità. Abbiamo aggiornato il terzo paragrafo di conseguenza.

Roma – Si chiamano Pike 7 e Pike 10 : magari non hanno l’aspetto raffinato dei gusci in alluminio Apple, ma sono una coppia di tablet Android con specifiche interessanti soprattuto se lette in rapporto al prezzo. Un Pike di Ekoore, azienda di Caserta, lo si porta a casa con meno di 200 euro.

ekoore pike 7
Ekoore Pike 7

Le specifiche tecniche dei due tablet sono le stesse: la CPU è un Cortex A8 denominato “Boxchip A10” che gira a 1,2GHz (non proprio l’ultimo grido, ma si tratta comunque di un SoC interessante), abbinato a 512MB di RAM e 4GB di memoria a stato solido per archiviazione. Ovviamente a bordo ci sono uno slot MicroSD e un paio di porte USB, e per completare l’I/O non manca l’uscita HDMI e il jack cuffie da 3,5 pollici. Sul piano di quello che c’e dentro non rimane molto altro da dire, se non che webcam e microfono lasciano intendere che il prodotto ben si presti anche alla videocomunicazione. La connettività è comunque limitata al solo WiFi. Sì accelerometro, no GPS o 3G.

Le differenze principali tra il modello da 7 e quello da 10 pollici la fanno batteria e risoluzione: il piccolo si deve “accontentare” di 800×480 pixel contro i 1.024×600 del secondo. Idem dicasi per l’accumulatore: 3.600mAh per il modello grande (un valore di tutto rispetto), 2.400 per l’altro. In ogni caso, si tratta di valori in linea con concorrenti di marchi più blasonati. Ovviamente anche le dimensioni fisiche dei tablet sono diverse: il Pike 7 quota 200x127mm, il Pike 10 270×165, con uno spessore rispettivamente di 7 e 10mm.

Quel che non va assolutamente sottavalutato è la voce “sistema operativo” e quella “prezzo”: entrambi i Pike montano Ice Cream Sandwich, alias Android 4.0, ovvero l’ultima release disponibile dell’OS di Google. Considerato che solo adesso i marchi asiatici, e neppure per tutti i modelli, hanno iniziato la transizione al nuovo software, si tratta di un vantaggio non da poco. Infine, per il Pike da 7 pollici la richiesta è 129 euro , e ce ne vogliono 159 per il modello da 10. Si tratta di prezzi validi per la prenotazione: le consegne sono annunciate a partire dal 1 marzo, quindi tra meno di 10 giorni. In ogni caso, ce n’è abbastanza per affermare che Ekoore punta a raccogliere consensi nella fascia bassa del mercato, senza sacrificare troppo sul piano delle dotazioni.

ekoore pike 10
Ekoore Pike 10

Infine, visto che non si tratta della prima escursione dell’azienda italiana nel reparto Android, c’è da aspettarsi che eventuali ingenuità siano state limate e che i due Pike siano dunque prodotti abbastanza maturi.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bor scrive:
    Copia ad uso personale
    Scusate, ma la Germania è diventata come il Belgio, dove uno non può più farsi manco una copia di backup dei propri dischi originali? Penso che una buona parte degli utenti di AnyDVD (tra cui il sottoscritto), lo usi per copiare su HD i film comprati legalmente. Pertanto non mi pare completamente corretto prendersela con la Slysoft o come in questo caso, ancor peggio, heise.de perché ha pubblicato un link...
  • Guybrush scrive:
    Ed ora una bella controquerela
    Dato che le major del disco hanno causato danni economici considerevoli con la loro azione.Spero di poter leggere presto una sentenza favorevole ad heise.deGT
    • ThEnOra scrive:
      Re: Ed ora una bella controquerela
      Visto che la causa è stata vinta, probabile che i giudici abbiano fatto rifondere le spese legali della difesa all'accusa... ma anche no.Sarei curioso anch'io di assistere ad una vicenda simile.
      • krane scrive:
        Re: Ed ora una bella controquerela
        - Scritto da: ThEnOra
        Visto che la causa è stata vinta, probabile che i
        giudici abbiano fatto rifondere le spese legali
        della difesa all'accusa... ma anche no.
        Sarei curioso anch'io di assistere ad una vicenda
        simile.Che fortuna...E invece il tempo di fermo non lo rimborsa nessuno ? Finisce come la tentata truffa alle aziende da parte della rai ?
        • ThEnOra scrive:
          Re: Ed ora una bella controquerela
          Fermo di che? Chi si è fermato o cosa hanno fermato?
          • krane scrive:
            Re: Ed ora una bella controquerela
            - Scritto da: ThEnOra
            Fermo di che? Chi si è fermato o cosa hanno
            fermato?I link verso AnyDVD + pessima pubblicita' per la casa editrice e per AnyDVD + mancati guadagni per AnyDVD, perdite di tempo e quant'altro si possa inventare per impedire alla gente di denunciare a caso.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Ed ora una bella controquerela
            - Scritto da: krane
            Ma che articolo hai letto?
            I link verso AnyDVDSe sono andati in causa evidentemente l'editore non aveva rimosso i link, torna?
            + pessima pubblicita' per la
            casa editrice e per AnyDVDPessima pubblicità di che cosa, se l'editore ha vinto la causa (per di più raggiungendo l'ultimo grado)?Pessima pubblicità per AnyDVD? Ma se il caso è scaturito proprio per la sua natura "illegittima"?
            + mancati guadagni per
            AnyDVD,Stai incomiando a capire?
            perdite di tempo e quant'altro si possa
            inventare per impedire alla gente di denunciare a
            caso.Eventualmente lo faranno, no?
Chiudi i commenti