Electronic Arts, Riccitiello non è più CEO

Il colosso dei videogiochi perde l'amministratore delegato, un uomo che si è sempre considerato un "giocatore" e che ha gestito l'etichetta negli anni più duri dal punto di vista finanziario
Il colosso dei videogiochi perde l'amministratore delegato, un uomo che si è sempre considerato un "giocatore" e che ha gestito l'etichetta negli anni più duri dal punto di vista finanziario

John Riccitiello non è più il CEO di Electronic Arts: il consiglio di amministrazione del publisher videoludico congeda l’amministratore delegato, appuntando Larry Probst – presidente del consiglio ed ex-CEO lui stesso – alla carica in attesa di un sostituto degno.

Riccitiello lascia dopo sei lunghi anni di “regno” che hanno visto EA capitolare in seguito alla recessione del 2008 e non riuscire a tornare mai ai livelli di capitalizzazione precedenti, un periodo temporale nel quale un publisher noto soprattutto per le sue serie sportive con cadenza annuale ha provato anche a scommettere su nuove esperienza videoludiche come Mirror’s Edge, Brutal Legend e Spore.

Sotto la guida di Riccitiello, Electronic Arts ha inoltre esteso il proprio possente braccio produttivo nel mobile e nella distribuzione dei videogiochi in formato digitale. Ma il publisher si è anche inimicato una fetta importante del suo potenziale pubblico, con il recente disastro del lancio di SimCity a rappresentare solo l’ultimo di una serie di incidenti che ora giustifica l’ umorismo tagliente dedicato all’ex-CEO nel momento della sua dipartita.

Nella sua lettera di commiato spedita ai dipendenti, Riccitiello si prende tutta la responsabilità di non aver raggiunto i risultati finanziari sperati: l’amministratore incensa il talento creativo di chi lavora con EA e dice che continuerà a essere un “fan” della corporation anche dal di fuori.

Al futuro CEO di EA spetterà un compito a dir poco arduo, vale a dire quello di riconquistare la fiducia perduta del pubblico e contemporaneamente di migliorare le performance del titolo in Borsa. Obietti per cui probabilmente non basterà regalare un gioco gratuito a chi si è scontrato con le palesi difficoltà di EA di fornire un servizio videoludico subito funzionante, come nel caso di SimCity.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 03 2013
Link copiato negli appunti