Elementor raccoglie 15 milioni di dollari

Elementor raccoglie nuovi fondi per scommettere sulla propria community e sulla possibilità di estendere i propri servizi per il mondo Wordpress.
Elementor raccoglie nuovi fondi per scommettere sulla propria community e sulla possibilità di estendere i propri servizi per il mondo Wordpress.

Centotrenta dipendenti, un nome consolidato e ora anche quindici milioni di dollari in cassa da poter investire nel futuro del progetto: Elementor è un brand ormai noto a chi sviluppa nel mondo WordPress, utilizzato con soddisfazione da una crescente community e alla base di un’offerta sempre più variegata. Il primo round di finanziamento si configura pertanto un successo su tutta la linea, riversando nuovo denaro all’interno di un progetto che aveva già di mostrato di poter essere profittevole fin dagli esordi. Ora, con il crescere della community e delle installazioni, le basi erano però troppo fragili per poter sostenere il peso della responsabilità: la crescita diventa un dogma, le prerogative ci sono, mancavano soltanto i capitali.

Elementor, 15 milioni di ambizioni

La raccolta di nuovi fondi si è resa ad un certo punto necessaria per quello che sembra voler essere un salto di qualità, una scommessa sulla capacità di incidere ad un livello ancor più elevato. La raccolta, guidata dalla Lightspeed Venture Partners, si è conclusa con successo mettendo nelle mani dei fondatori Yoni Luksenberg e Ariel Klikstein nuove ambizioni. Quello che nasce come un semplice plugin di WordPress sembra essere oggi molto di più: un moltiplicatore di possibilità, un elemento facilitante per raggiungere gli obiettivi di funzionalità e design che ci si prepone durante lo sviluppo di un sito.

Spiega Luksenberg:

Vogliamo utilizzare questi fondi per migliorare ogni aspetto del prodotto e della community. Questo significa rafforzare ulteriormente l’infrastruttura della piattaforma, sviluppare funzionalità innovative, investire nella community […] e costruire integrazioni sia con WordPress che con altri plugin.

L’obiettivo è quello di accelerare, quindi, perché il team vede di avere ulteriori opportunità di fronte a sé: oggi il servizio sfiora le 4 milioni di installazioni attive e conta una community sempre più ampia e proattiva a livello internazionale. Il tutto in salsa open source, focalizzato su WordPress, all’interno di un sistema che intende “democratizzare” l’approccio degli utenti alla realizzazione delle proprie idee creative.

Fonte: WPTavern
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 03 2020
Link copiato negli appunti