Elon Musk ai dipendenti Tesla: tornate in ufficio (o dimettetevi)

Elon Musk ai dipendenti Tesla: tornate in ufficio

Al CEO di Tesla non piace lo smart working: Elon Musk avrebbe chiesto al proprio staff di tornare in ufficio o di lasciare l'azienda.
Al CEO di Tesla non piace lo smart working: Elon Musk avrebbe chiesto al proprio staff di tornare in ufficio o di lasciare l'azienda.

La posizione del numero uno di Tesla a proposito dello smart working è nota da tempo. Un’ennesima testimonianza è giunta sotto forma di una comunicazione che sarebbe stata indirizzata direttamente da Elon Musk al proprio staff, in data 31 maggio. Utilizzare il condizionale è d’obbligo, poiché al momento manca una conferma ufficiale.

Tesla non crede nel lavoro da remoto: parola di Elon Musk

In breve, il CEO avrebbe chiesto ai dipendenti di tornare in ufficio o, in alternativa, di lasciare l’azienda. Non è trascorso molto prima che la nota trapelasse sui social network.

Chiunque desideri svolgere un lavoro a distanza deve essere in ufficio per un minimo (e intendo un minimo) di 40 ore a settimana. Oppure può lasciare Tesla.

Questa una porzione dell’email in forma tradotta, stando a quanto pubblicato dall’account @WholeMarsBlog su Twitter.

È meno di quanto chiediamo a chi lavora nelle fabbriche. Se ci sono particolari eccezioni che lo rendono impossibile per i collaboratori, revisionerò e approverò direttamente queste eccezioni. Inoltre, per “ufficio” si intende un ufficio di Tesla, non un distaccamento remoto scollegato dagli obblighi lavorativi, ad esempio per essere responsabile delle risorse umane nella fabbrica di Fremont e lavorare dal proprio ufficio in un altro stato. Grazie, Elon.

La replica di Musk non si è fatta attendere ed è giunta, come prevedibile, direttamente sul social network: Dovrebbero fingere di lavorare da un’altra parte. Insomma: il CEO non ha confermato di essere il mittente della comunicazione né la sua autenticità, ma non ne ha preso le distanze né ha perso l’occasione per ribadire il proprio punto di vista a proposito del lavoro da remoto.

Sarà interessante capire come intenderà gestire il personale di Twitter dopo l’eventuale completamento dell’acquisizione in corso. L’attuale numero uno Parag Agrawal ha reso noto a inizio marzo che i dipendenti della società potranno continuare a lavorare da casa, se questo dovesse consentir loro di essere altrettanto produttivi.

Il luogo in cui vi sentite più produttivi e creativi è quello in cui lavorerete, anche se significa collaborare da casa a tempo pieno e per sempre.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Reuters
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 2 giu 2022
Link copiato negli appunti