EPO, denunce da brevettare

L'Ufficio brevetti europeo minaccia un blogger di denuncia per un post considerato diffamatorio. Ospitava solo alcuni affondi, fra le innumerevoli critiche scagliate contro l'istituzione

Roma – Lo European Patent Office (EPO) ha accusato un blogger di aver pubblicato un post diffamatorio e lo ha minacciato di azioni legali.

I fatti risalgono ad ottobre, quando il blogger Roy Schestowitz – noto per avere posizioni molto critiche nei confronti dell’Ufficio brevettuale europeo e dell’attuale presidente Benoît Battistelli – ha pubblicato sul suo blog Techrights un post dal titolo “EPO: Aiding a racketeer” ( EPO: come aiutare un ricattatore ), in cui raccontava di una corsia brevettuale preferenziale per le grandi aziende come Microsoft, adottata dall’EPO tramite memo interno.

Secondo alcuni osservatori , comunque, il post non rappresenta che l’ultima occasione per Schestowitz per criticare l’organizzazione dell’EPO, accusata più volta dall’uomo di agire in maniera arbitraria, con una gestione al di fuori di qualsiasi legge, comprese quelle a tutela dei dipendenti e dei visitatori, spesso sottoposti a controlli di sicurezza approfonditi.

Ciò nonostante la minaccia di una denuncia nei confronti di un blogger da parte di un’istituzione cui partecipano governi appare assolutamente esagerata.

Schestowitz, figura nota online per migliaia di post spesso dal contenuto polemico, d’altra parte, ha colto l’occasione per rispondere alla denuncia rilanciando: “È incredibile che, pur essendo un organo pubblico, l’EPO sta intimidendo delegati nazionali, avvocati, rappresentanti ed addirittura giornalista e blogger. Questo mostra che non solo soffoca il dissenso interno, ma anche quello esterno”.
Per il momento EPO non ha commentato la notizia.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Intanto la MozFest a Londra...
    Persino la summa dell'ignoranza e della falsita' in rete, che per brevita' chiameremo repubblica.it, ha parlato della MozFesthttp://www.repubblica.it/tecnologia/2015/11/25/news/noi_nerd_pragmatici-128123109/E PI?
  • bradipao scrive:
    318 milioni di uscite?
    Sono un fedele utilizzatore di firefox da sempre, ma mi domando dove vadano 318 milioni di dollari di uscite (che non sono neppure minimamente giustificabili con i software prodotti dalla fondazione).
    • Passante scrive:
      Re: 318 milioni di uscite?
      - Scritto da: bradipao
      Sono un fedele utilizzatore di firefox da sempre,
      ma mi domando dove vadano 318 milioni di dollari
      di uscite (che non sono neppure minimamente
      giustificabili con i software prodotti dalla
      fondazione).In ottimizzazione no...Nello snellimento del codice no...Nell'aggiunta di bloatware ???
      • bradipao scrive:
        Re: 318 milioni di uscite?
        - Scritto da: Passante
        In ottimizzazione no...
        Nello snellimento del codice no......ho letto il financial report... 212 milioni in "sviluppo software" :| :| :|
        • Chromefox scrive:
          Re: 318 milioni di uscite?
          - Scritto da: bradipao
          - Scritto da: Passante

          In ottimizzazione no...

          Nello snellimento del codice no...

          ...ho letto il financial report... 212 milioni in
          "sviluppo software" :| :|
          :|Ma per "sviluppare" cosa? :| Ormai si stanno limitando a clonare ogni scemenza di Chrome! Il che è stupido, perchè se volessi qualcosa simile a Chrome, userei Chrome! :|
    • Matteo 1139 scrive:
      Re: 318 milioni di uscite?
      Mantenimento dei server, suppongo. Dopodiché organizzazione diu eventi, marketing e sviluppo non solo del browser, ma anche di Thunderbird, Firefox OS, Servo, Webmaker, Lightining etc.
Chiudi i commenti