Etilometro, open source unica via

La Corte Suprema del New Jersey obbliga un'azienda a fornire il codice sorgente di un suo alcool test: i laboratori scoprono che le scuse di non divulgazione sono ingiustificate

Roma – Il codice sorgente degli etilometri statunitensi è “a rischio”. L’industria d’oltreoceano che ha fatto un business dell’analisi dell’alito degli automobilisti potrebbe essere obbligata a divulgare i “segreti” dei propri dispositivi per rispondere alle esigenze probatorie di trasparenza. Trasparenza che, si dice ora, solo un codice aperto può garantire.

Qualche giorno fa un avvocato del New Jersey è riuscito a convincere la Corte Suprema locale ad obbligare il colosso Draeger a fornire il codice sorgente di uno dei più noti etilometri presenti sul mercato, l’AlcoTest 7110. Una richiesta dovuta a più casi nei quali gli automobilisti analizzati avevano sostenuto che l’etilometro avrebbe potuto “barare” senza, per loro, alcuna possibilità di saperlo. Il codice è stato analizzato da un team di esperti della Base One Technologies : i timori iniziali sono stati completamente sconfessati: gli esperti hanno rilevato algoritmi comuni, e niente di “poco trasparente”.

Insomma, il segreto di almeno uno di questi dispositivi parrebbe essersi dimostrato “di Pulcinella”. Come riporta Slashdot , e in maggiore dettaglio Dui Blog , i timori delle imprese di settore sarebbero ingiustificati. Secondo cittadini ed esperti gli alcool test dovrebbero essere tutti obbligatoriamente open source per consentire trasparenza tecnologica.

Nel 2005 una sentenza del tribunale della Florida era stata chiara al riguardo: “Qualsiasi tipo di macchinario che possa comprovare la colpevolezza di una persona deve essere disponibile per verifiche e perizie dettagliate atte a verificarne la validità e l’assoluta attendibilità”. La proposta open source, quindi, appare come una soluzione percorribile; certamente non l’unica. Basterebbe, infatti, anche un ente di controllo indipendente che si occupasse di certificazioni e analisi sulla qualità dei prodotti. La questione delle conformità e della trasparenza, comunque, non possono che diventare sempre più importanti, soprattutto considerando il crescente impegno in questa direzione del segmento automotive.

Dopo l’ etilometro Nissan integrato come optional sui volanti delle nuove linee, infatti, anche Volvo ha deciso di proporre qualcosa di simile. Dal 2008 i modelli di automobile S80, V70 e XC70 disporranno come optional di un alcool test che abiliterà o meno l’accensione dei veicoli.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bordeianu scrive:
    testimonianza
    !!! NON IGNORARE, PRENDERE IL TEMPO DI LEGERE QUESTA TESTIMONIANZA!!! Il mio nome è signora VETA BORDEIANU ho 40 anni sono una madre di una figlia di 3 anni. Un mese fa mia figlia soffriva di cancro al cervello. Ho avuto 20000 per garantire il suo recupero così mi metto alla ricerca di prestito. Ma purtroppo per me io stavo frodare di essere creditore senza scelta che ho perseverato nella mia ricerca per fortuna che il mio coraggio mi ha messo sulla persona giusta Karen GARCIA PINTO di signora che mi ha dato un prestito di 47000 in 72 ore solo tramite bonifico bancario, che ha permesso la guarigione di mia figlia e l'apertura della mia piccola impresa. Questa prova è per te che sono stanchi di essere rifiutati dalle banche. Avete abbastanza sai dove mettere la testa che segue i vostri problemi finanziari. Avete bisogno urgente, veloce, affidabile e legittimo di un singolo indirizzo di finanziamento per essere soddisfare. Indirizzo email:pinto.karen01@gmail.com
  • veta scrive:
    vet.bordeianu@gmail.com
    !!! NON IGNORARE, PRENDERE IL TEMPO DI LEGERE QUESTA TESTIMONIANZA!!! Il mio nome è signora VETA BORDEIANU ho 40 anni sono una madre di una figlia di 3 anni. Un mese fa mia figlia soffriva di cancro al cervello. Ho avuto 20000 per garantire il suo recupero così mi metto alla ricerca di prestito. Ma purtroppo per me io stavo frodare di essere creditore senza scelta che ho perseverato nella mia ricerca per fortuna che il mio coraggio mi ha messo sulla persona giusta Karen GARCIA PINTO di signora che mi ha dato un prestito di 47000 in 72 ore solo tramite bonifico bancario, che ha permesso la guarigione di mia figlia e l'apertura della mia piccola impresa. Questa prova è per te che sono stanchi di essere rifiutati dalle banche. Avete abbastanza sai dove mettere la testa che segue i vostri problemi finanziari. Avete bisogno urgente, veloce, affidabile e legittimo di un singolo indirizzo di finanziamento per essere soddisfare. Indirizzo email:pinto.karen01@gmail.com
  • luigi scrive:
    carta di credito
    volevo avere una carta di crfedito
  • PippoPallo scrive:
    ancora..
    Ma perche', c'è ancora qualcuno che utilizza Second Life ?
    • AnoNiMo scrive:
      Re: ancora..
      - Scritto da: PippoPallo
      Ma perche', c'è ancora qualcuno che utilizza
      Second Life
      ?Io.....................no.
  • Fabio Metitieri scrive:
    Tutti schemi a piramide
    Dario, sul serio, soprattutto per gli utenti italiani, che sono spesso i piu' recenti e i meno informati, occorre sempre specificare bene che - almeno finora - tutto il mercato finanziario in Second Life si e' rivelato solo una truffa e continua a essere tale.A parte la banca Ginko, di cui mi pare abbiate gia' parlato, con il suo fantomatico proprietario che si sta intascando, parrebbe senza alcun problema, circa 750 mila veri dollari americani, il fatto e' che non esiste in SL alcun modo di fare gli stratosferici profitti finanziari necessari a pagare gli interessi promessi da banche e borse virtuali. Stop. Altrimenti tutti chiuderebbero i loro veri conti correnti e metterebbero tutto in SL, per prendersi un bel 60-80% di interesse netto all'anno e senza nessuna spesa.Tra l'altro, quelli citati sono sempre interessi composti giornalieri... rifai i conti... il cosidetto APY, il tasso annuale, e' molto piu' alto.APY=( [(1 + Periodic rate)^Number of periods] 1 )I pochissimi grandi imprenditori che stanno guadagnando un po' di soldi in SL non si fanno di certo prestare nulla dalle banche virtuali (che fanno tassi da usura, fino al 100% annuo); preferibilmente usano soldi veri e non i linden (hanno societa' vere, nel mondo reale, con obbligo di tenere una contabilita' e di seguire la normativa fiscale); e se e quando hanno incassato un importo rilevante di linden convertono il tutto in moneta reale.Ora, dato che dopo Ginko fregare i residenti e' diventato piu' difficile, i nuovi banchieri hanno ridotto un po' i tassi di interesse da pagare, raccontano di aver fatto dei calcoli probabilistici sul rischio e su come coprirlo, si sono inventati le assicurazioni sui conti correnti, o tirano fuori qualche servizio per giustificare la loro esistenza, come questa carta di credito.Ma anche questa e' una scommessa molto azzardata. A parte il fatto che in SL non c'e' alcun bisogno di banche, perche' i tuoi contanti sono sempre li', acquistabili in un secondo e scaricabili su Paypal in ogni momento, e tanto meno di carte di credito virtuali, se o la percentuale degli avatar che li frega e' piu' alta rispetto alle loro previsioni (aprono un alt, prendono i soldi, fanno sparire l'alt, per esempio), o se i residenti usano poco il loro carissismo credito e molto di piu' gli interessi che loro corrispondono come banca... Ecco che siamo di nuovo a Ginko: uno schema a piramide che prima o poi crollera'.Se invece le loro previsioni probabilistiche sul rischio sono giuste, bene, allora stanno cercando di vendere a un prezzo altissimo un giocattolo del tutto inutile. Sul serio: in SL ci sono molte organizzazioni ed iniziative non profit, molte impegnate a fare beneficienza. Dateli a loro, i vostri linden, se proprio non sapete piu' come spenderli.Infine, come consiglio generale: non fornite mai i vostri dati personali, o i dati della vostra vera carta di credito, o i dati di login (nome dell'avatar e password) a nessun sito che abbia un dominio diverso da quelli ufficiali di Linden Lab. Il fatto che questi signori delle carte di credito abbiano pubblicato su un Web, a differenza di Ginko, le loro foto e i relativi nomi e cognomi, secondo me, non e' una grande garanzia. Sono pur sempre degli sconosciuti che stanno a Singapore...Ciao, Fabio Metitieri.http://xoomer.alice.it/fmetitie
    • Might scrive:
      Re: Tutti schemi a piramide
      E' sempre una cosa interessante leggere i commenti agli articoli di PI. Solitamente per godersi i battibecchi tra winari, linari, fanatici di Apple, utonti, ecc. (che sono sempre spassosissimi). In altri casi (e questo ne è un esempio lampante) perché i commenti sono più istruttivi, dettagliati e precisi dell'articolo stesso.
      • colla scrive:
        Re: Tutti schemi a piramide
        ma sennò a che servono? (idea)
      • asdribale scrive:
        Re: Tutti schemi a piramide
        - Scritto da: Might
        E' sempre una cosa interessante leggere i
        commenti agli articoli di PI. Solitamente per
        godersi i battibecchi tra winari, linari,
        fanatici di Apple, utonti, ecc. (che sono sempre
        spassosissimi). In altri casi (e questo ne è un
        esempio lampante) perché i commenti sono più
        istruttivi, dettagliati e precisi dell'articolo
        stesso.Puoi seguire Metitieri sul blog di Mantellini. Io vado lì solo per leggere i suoi commenti.
Chiudi i commenti