Europa, mercato unico delle comunicazioni cellulari

Neelie Kroes invoca la nascita di un mercato continentale e davvero unito per le comunicazioni in mobilità di qui a un anno. Senza costi di roaming e rispettoso della net neutrality, per giunta

Roma – Il vice-presidente della Commissione Europea e responsabile dell’Agenda Digitale Neelie Kroes si rivolge ai parlamentari della UE invocando una nuova legislazione di compromesso ma “radicale”, incentrata sulla creazione di un mercato unico continentale delle telecomunicazioni mobile entro il 2014.

Kroes espone i suoi piani in maniera esplicita anche su Twitter : i cittadini europei devono sentirsi uniti quando accedono alla rete, per cui vanno aboliti i costi di roaming per le chiamate all’estero fra i paesi dell’Unione e va garantita la neutralità della Rete al di là degli interessi di parte.

Tutto giova , sostiene Kroes, a far crescere in seno ai cittadini della UE la consapevolezza di trovarsi sotto lo stesso tetto continentale così come porta utili “sociali” investire nel “dividendo digitale” che può venire dall’armonizzazione – e dall’abbattimento – dei costi di accesso alla rete Internet su cellulari in qualunque parte dell’Europa.

Nel perseguire l’obiettivo di abbattimento dei costi di roaming – giudicabile ambizioso in un contesto frammentario e iper-corporativo come quello europeo – Kroes prova a coinvolgere i membri del parlamento europeo mettendoli di fronte alla responsabilità individuale nei confronti dei loro elettori. I quali certamente ringrazieranno dell’impegno, nel caso in cui si raggiungesse davvero il risultato sperato dal vice-presidente della Commissione.

A rafforzare la necessità di iniziative forti come quella di Kroes arriva un nuovo rapporto dell’associazione GSMA sul raffronto tra reti mobile statunitensi ed europee , uno studio impietoso nel fotografare la crescente superiorità dei network USA rispetto a quelli UE con connessioni dati il 75 per cento più veloci. E le cose peggioreranno, se il trend della riduzione di spesa in investimenti comunitari continuerà.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • qualcuno scrive:
    Prodotto negli Stati uniti
    Assemblati vorrai dire. Per mettere su uno stabilimento di per montare tutti i pezzi ci vuole poco. Per mettere su decine di fabbriche per tutti i componenti del telefono ci vogliono tanto tempo e taaaaaanti investimenti.Mi sa che stavolta nessuno calcolerá la percentuale di lavoro fatto da ogni paese per costruire un telefono. Troppo scomodo in tempi patriottici.
  • gnurante scrive:
    psw organica
    "pillole che si sciolgono nello stomaco generando una password organica a 18-bit o un tatuaggio elettronico"Che roba è?????
    • serissimo scrive:
      Re: psw organica
      - Scritto da: gnurante
      pillole che si sciolgono nello stomaco generando
      una password organica a 18-bit
      Che roba è?????E come nei polpettoni hollywoodiani di fantainformatica, solo che al posto di Keanu Reeves c'è Bombolo:*BIP* INSERIRE LA PASSWORD.nnf... :@ *PROT*ACXXXXX AUTORIZZATO.
  • Izio01 scrive:
    Tatuaggi elettronici...
    L'espressione mi fa troppo pensare a "Noir", di K. W. Jeter.Lì c'erano tatuaggi virali pubblicitari che passavano da persona a persona mediante contatto dermico, e non era mica così facile liberarsene. Spero di non fare in tempo a vederli di persona :)
Chiudi i commenti