Facebook e AGIS a sostegno del settore della cultura in Italia

Facebook e AGIS a sostegno della cultura in Italia

Nella Giornata Mondiale dei Teatri, Facebook e AGIS annunciano una collaborazione al fine di sostenere il settore della cultura in Italia.
Nella Giornata Mondiale dei Teatri, Facebook e AGIS annunciano una collaborazione al fine di sostenere il settore della cultura in Italia.

Collaborazione siglata da Facebook e AGIS (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo) con l'obiettivo comune di sostenere il sistema culturale italiano che da ormai oltre un anno sta attraversando un periodo di grande difficoltà. La tempistica dell'annuncio non è affatto casuale: oggi, 27 marzo, si celebra la Giornata Mondiale dei Teatri.

FB e AGIS insieme nella Giornata Mondiale dei Teatri

Proprio i teatri, insieme a istituzioni culturali e tutte le realtà che fanno parte di questo mondo, stanno soffrendo la sospensione prolungata degli spettacoli: le stime parlano di un calo degli incassi pari al 76,7% nel 2020 per 583 milioni di euro di perdite complessive rispetto al 2019.

Il progetto mette a disposizione materiali e strumenti per supportare digitalizzazione e ripresa. C'è anzitutto una sezione dedicata nello hub online di #piccolegrandiimprese lanciato lo scorso anno a sostegno delle PMI con un catalogo di contenuti formativi in continuo aggiornamento grazie anche al contributo di partner come Cultura Italiae e PA Social. Questo il commento di Luca Colombo, Country Director di Facebook Italia.

Consapevoli che il settore della cultura, fiore all'occhiello del nostro Paese, sta attraversando un momento particolarmente delicato che rischia di compromettere la sostenibilità di numerose istituzioni teatrali, abbiamo deciso di sviluppare un progetto per aiutare piccole e grandi realtà a cogliere le opportunità offerte dal digitale.

Facebook e AGIS insieme a sostegno del settore della cultura in Italia

Nel comunicato giunto in redazione, Facebook sottolinea inoltre come attraverso i propri strumenti (anche Instagram e WhatsApp) sia possibile organizzare eventi live. Lo ha fatto ad esempio il Teatro San Carlo di Napoli inaugurando la stagione lirica trasmettendo sulla propria pagina sul social network la prima della Cavalleria Rusticana, con biglietti offerti a prezzi irrisori (poco più di un euro) e raggiungendo così oltre 34.000 persone da 80 paesi.

Ci sono poi raccolte fondi e donazioni per chiedere supporto. Ancora, gli operatori del settore interessati a partecipare ai Facebook Culture Open Days possono già farlo. Prosegue Colombo.

Facebook, insieme a un partner prestigioso come AGIS, si è quindi impegnata a supportare concretamente la trasformazione digitale delle imprese dello spettacolo, un settore che riunisce oltre 1.200 realtà in Italia, attraverso attività di formazione e consulenza e strumenti gratuiti per gestire eventi a pagamento online.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti