Facebook, connessioni localizzate

Come Google e Twitter anche il social network in blu guarda ai geotag. Facebook conferma e si affollano le speculazioni

Roma – Facebook sembra voler giocare i suoi numeri sul marketing geotaggato: sono state confermate le voci che volevano il social network in blu alle prese con lo sviluppo di un nuovo servizio di geolocalizzazione.

La funzionalità era già stata anticipata e individuata nel codice trovato nella versione touch.facebook.com . Il codice individuato dagli osservatori vedeva Facebook all’opera con qualcosa chiamato “places_tab”.

Si è poi avuto modo di comprendere ulteriori, possibili, caratteristiche del servizio: innanzitutto vorrebbe ottenere l’informazione sulla localizzazione direttamente dallo smartphone utilizzato per la connessione. Inoltre non dovrebbe limitarsi semplicemente a ottenere le coordinate, ma puntare alla direzione, all’altitudine e alla velocità di crociera per ricavare informazioni più dettagliate .

Si tratta solo di speculazioni supposte dall’analisi del codice, e se i particolari potrebbero risultare fuorvianti, è stata comunque l’occasione per Facebook per confermare la notizia. E avanzare proposte: “Non ci sono ancora piani di marketing specifici per questo prodotto. In seguito potremmo considerare la collaborazione con partner per migliorare la funzionalità”, queste state le uniche dichiarazioni rilasciate.

Tecnicamente ancora non vi sono conferme sulle feature : se si tratti (come sembra dal codice finora sviluppato) di un servizio di check-in che si collega ad un luogo specifico, come nel caso di Foursquare, o se funzioni con la semplice aggiunta del nome del luogo da cui si scrive come nel caso di Twitter. Osservatori hanno tra l’altro ventilato un possibile interessamento di Facebook per Loopt o Foursquare, ma senza avere conferme.
La prima collaborazione sembra dover essere con McDonald, intenzionata a sviluppare un’applicazione ad hoc per le connessioni e gli status update effettuati dai suoi fast food.

Il nuovo servizio dovrebbe comunque esordire entro poche settimane e la possibilità di geotaggare gli aggiornamenti di stato può rappresentare uno tsunami per il settore del marketing localizzato. Facebook arriverebbe infatti nel settore della geolocalizzazione potendo giocare la carte dei sui numeri, con un effetto di rete che rischia di spazzare la concorrenza. Dovrà, comunque, prima confrontarsi con la scottante questione privacy , che con la raccolta di queste informazioni aggiuntive potrebbe diventare ancora più incandescente.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luther_Blissett scrive:
    Fossi in Microsoft....
    denuncerei Apple per violazione di copyright sull'uso della parola Live....Visto l'andazzo di questi ultimi tempi, vediamo fino a che punto è una battuta.
    • lordream scrive:
      Re: Fossi in Microsoft....
      lol se ne era gia discusso e non è brevettabile.. neanche acqua o sangue.. in ogni caso tentativi di farlo ci sono stati
    • angros scrive:
      Re: Fossi in Microsoft....
      Fossi in Micro$oft chiamerei i loro servizi "iLive". Chissá se con quella piccola "i" davanti qualcuno perde le staffe e ricorre all'ufficio brevetti :-)
      • bibop scrive:
        Re: Fossi in Microsoft....
        anche la copia dei nomi per cercare di raccattare un po' dell'hype e della fama dei prodotti concorrenti? non basta che stiano pedissequamente copiando strategie prodotti e vision da una azienda concorrente che neanche 2 anni fa lo stesso ceo di ms sberleffaba??sarebbe veramente l'ìennesima prova provata della disperazione di una azienda troppo grande per fare innovazione e troppo grande per morire....
Chiudi i commenti