Facebook e le insidie del copyright

Una casa di produzione cinematografica ha invocato il DMCA per chiudere una pagina non ufficiale dedicata ad un film prossimamente nelle sale. Ma il suo reale intento era spostare i fan verso quella ufficiale

Roma – C’è chi ha sottolineato come si tratti di un ulteriore esempio dello sfruttamento illegittimo del famigerato Digital Millennium Copyright Act (DMCA). Di come certi usi impropri della legge statunitense a tutela del diritto d’autore possano trasformarsi facilmente in una violazione del Primo Emendamento della Costituzione a stelle e strisce.

A scatenare il corso degli eventi è stata una lettera con cui i responsabili dell’advertising della casa di produzione cinematografica Overture Films avevano chiesto agli alti gestori di Facebook di chiudere una particolare fan page poco prima apparsa tra i meandri dello stesso sito in blu.

La pagina non ufficiale conteneva, tra gli altri materiali, link al trailer del film Let Me In , versione statunitense del celebre titolo vampiresco Lasciami Entrare . Una ragione sufficiente per invocare i dettami del DMCA e ordinare la chiusura della pagina social. Peccato che i responsabili dell’agenzia pubblicitaria Mammoth volessero semplicemente dirottare i fan verso la pagina ufficiale del film prossimamente in uscita .

Decisamente contrariato dalla messa al bando imposta da Facebook, l’amministratore della pagina aveva deciso di ribattere. Secondo i principi del DMCA, qualora ad una contromisura da parte di un utente non segua entro 14 giorni lavorativi una concreta azione legale , il provider è di conseguenza in grado di ripristinare il contenuto cassato.

E Facebook aveva promesso all’amministratore di restituirgli la pagina, a meno di non ricevere documenti legali inviati entro due settimane da parte di Mammoth o di Overture Films . Documenti mai giunti ai responsabili del sito in blu. Che tuttavia pare essersela presa comoda a provvedere al ripristino dei contenuti, riapparsi soltanto un mese dopo.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Findi scrive:
    Facciano un pò quello che vogliono...
    Tanto se uno vuole fare quello che gli pare mica lo fà al lavoro...
  • Cavallo Pazzo scrive:
    HP non ha nient'altro da fare
    Piuttosto che perdere tempo ed energie in ambiti che non le competono, HP farebbe meglio a concentrare le proprie risorse per scrivere drivers almeno decenti, scrivere i drivers di tutte quelle periferiche che non sono più compatibili con W7, magari perchè no, implementare qualche drivers anche per linux, o almeno dare una sistematica al proprio catastrofico sito web.
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: HP non ha nient'altro da fare
      Ma veramente i prodotti HP con linux vanno benissimo... magari tutto l'hardware fosse supportato come quello HP!
      • ste scrive:
        Re: HP non ha nient'altro da fare
        Se lo dici tu...
        • Guybrush Fuorisede scrive:
          Re: HP non ha nient'altro da fare
          - Scritto da: ste
          Se lo dici tu...Lo dico anche io.
          • ste scrive:
            Re: HP non ha nient'altro da fare
            Contento tu, a me hp ha risposto che la mia stampante se pur funzionante è supportata in maniera limitata, nel senso che lo scanner non viene visto.Se questo è supportare i clienti.Non volevo essere polemico anche se così poteva essere
      • bfidus scrive:
        Re: HP non ha nient'altro da fare
        - Scritto da: Fai il login o Registrati
        Ma veramente i prodotti HP con linux vanno
        benissimo... magari tutto l'hardware fosse
        supportato come quello
        HP!Scanner, servono i driver per gli scanner!!!Ho un HP Scanjet G4010 e non c'e' verso...
        • Wintermute scrive:
          Re: HP non ha nient'altro da fare
          Visto che devo cambiare il mio vecchio scanner Canon Lide (10 anni!), datemi una dritta: visto che nel giro di qualche mese passerò in modo stabile a Linux, e che gli scanner HP a quanto dite sono poco supportati, posso puntare su una multifunzione Epson SX?
          • bfidus scrive:
            Re: HP non ha nient'altro da fare
            per gli scanner dovresti dare un'occhiata su http://www.sane-project.org/sane-supported-devices.htmlPer le multifunzione non ne ho idea, immagino che sui siti dei produttori ci saranno maggiori informazioni :)
          • Wintermute scrive:
            Re: HP non ha nient'altro da fare
            In quell'elenco ci sono anche le multifunzione, grazie.
          • Funz scrive:
            Re: HP non ha nient'altro da fare
            - Scritto da: Wintermute
            Visto che devo cambiare il mio vecchio scanner
            Canon Lide (10 anni!), datemi una dritta: visto
            che nel giro di qualche mese passerò in modo
            stabile a Linux, e che gli scanner HP a quanto
            dite sono poco supportati, posso puntare su una
            multifunzione Epson
            SX?Un ottimo sito:http://www.openprinting.org/printersIo ho una multifunzione HP, ed è perfettamente supportata scanner compreso.
    • Be&O Unlogged scrive:
      Re: HP non ha nient'altro da fare
      BASTA NON ACQUISTARE HP !IO GIA LO FACCIO DA ANNI !IN BLACKLISTHP e PHILIPSSono i più impegnati in queste CAGATE !
    • il calmo scrive:
      Re: HP non ha nient'altro da fare
      Perchè non gli competono?credi che HP faccia solo stampanti?Il core business sono i sistemi enterprise, le stampanti consumer sono (per tutti) una nicchia che esiste, deve essere presidiata, ma non è il core business
  • pippo pluto scrive:
    stateful inspection
    salvema un firewall a livello 7 della pila OSI no?!?!quanto marketinghttp://en.wikipedia.org/wiki/Stateful_firewall
  • attonito scrive:
    Ratzinger nuovo God Sigma?
    sulla musica di http://www.youtube.com/watch?v=Iwm-bcTYr6wCredenti state in guardia gli atei son quaminacciano il vaticano ce l'hanno con luila loro conoscienza di certo non vache accadra', che accadra', si vedra'!La croce di ratzingher difender sapra'la magica energia creata dai suoilo IOR non gli manca e Ruini e' con luivincera', vincera', vincera', vincera'!ratzingherscagliando la tua croce nello spazioti getti sugli atei a precipiziola croce, la croce, la croce vincera'!Ratzinghercombatti dal balcone i musulmaniche dei cristiani son nemici alienila croce, la croce, la croce vincera'!Nemici della chiesa tremate perche'ratzingher e' superforte e combatte per teper feisbuc non c'e' piu' scampo la fine sara'vincera' vincera' vincera'Il grano di ratzingher coprire sapra'gli scandali pedo creati dai suoiil soldo non gli manca il potere e' con luivincera', vincera', vincera', vincera'!ratzingherscagliando la tua croce nello spazioti getti sugli atei a precipiziola croce, la croce, la croce vincera'!Ratzinghercombatti dal balcone i musulmaniche dei cristiani son nemici alienila croce, la croce, la croce vincera'!la la la la la la la lala la la la la la la lala la la la la la la lavincera' vincera' vincera'..... razingher!
  • attonito scrive:
    basta un BOFH con le palle e iptables
    come da oggetto.ah gia' ma che stupido, terziarizzano tutto in india e i bofh li licenziano... gia', gia'...
    • il calmo scrive:
      Re: basta un BOFH con le palle e iptables
      e come fai ad escludere solo una funzione di un sito con iptables?o permettere di scaricare solo i video "formativi" (ci sono aziende che pubblicano i training) da youtube e non tutto il resto
      • lol scrive:
        Re: basta un BOFH con le palle e iptables
        - Scritto da: il calmo
        e come fai ad escludere solo una funzione di un
        sito con
        iptables?
        o permettere di scaricare solo i video
        "formativi" (ci sono aziende che pubblicano i
        training) da youtube e non tutto il
        restoe che senso ha bloccare la funzione di un sito?cmq per tutto c'è una regola il fatto è che sia abbastanza smart
  • Guybrush Fuorisede scrive:
    bel sistema, ma:
    0) La rete deve essere sicura1) se ogni nodo della rete deve essre sicuro2) Un nodo (pc) è sicuro solo se l'utente non può fare altre operazioni che quelle previste.3) Inoltre il bios deve essere reso inaccessibile e il boot da dischi diversi da quello interno, disabilitato4) L'acXXXXX al case deve essere negato.5) la rete è sicura solo se sono criptate anche le comunicazioni a livello hardware... di fatto invece di una rete ethernet hai una rete ethernet criptata.Se non fai così un utente in possesso di chiave usb avvia il PC con il proprio sistema operativo, le proprie applicazioni e manda alle ortiche il formidabile vaccino.Lo vedo costosetto.GT
    • Sicurezza che bellezza scrive:
      Re: bel sistema, ma:
      Tempo fa, recatomi presso un internet point, fui indirizzato alla postazione numero 3 che, però, era spenta.L'impiegato, intento a farsi i cavoli suoi, mi ha detto di accenderla poiché lui non poteva sollevare il deretano dalla sua comoda poltrona.Accendendo la postazione numero 3 riuscii tranquillamente ad accedere al BIOS della medesima.Evviva la sicurezza informatica!
    • iii scrive:
      Re: bel sistema, ma:
      Credo che parlando della rete universitaria intendano anche quella che permette agli studenti di connettersi dai propri dormitori con i propri notebook: non possono mica sigillare i notebook degli studenti!Inoltre, in ogni università ormai c'è il wifi, quindi ognuno può connettersi col proprio pc. Il sistema HP permetterebbe di impedire un uso "indesiderato" di internet.Dubbi: nel caso di cui ho parlato sopra, l'università fungerebbe anche da ISP, no? Non violerebbe la net neutrality usando ?Inoltre, bloccando il p2p ne impedirebbero anche il su uso legale
      • Guybrush Fuorisede scrive:
        Re: bel sistema, ma:
        - Scritto da: iii
        Credo che parlando della rete universitaria
        intendano anche quella che permette agli studenti
        di connettersi dai propri dormitori con i propri
        notebook: non possono mica sigillare i notebook
        degli
        studenti!E allora si tratta della medesima minestra riscaldata che è stata servita anche all'azienda per cui lavoro, spacciata per "il massimo della sicurezza" e poi un utente qualsiasi, con una "cipolla" qualsiasi la buca per farsi i fatti propri.
        Inoltre, in ogni università ormai c'è il wifi,
        quindi ognuno può connettersi col proprio pc.O smartphone, o Nintendo DSi eccetera. Lo so.
        Il
        sistema HP permetterebbe di impedire un uso
        "indesiderato" di
        internet.Lo impedisce solo a chi non sa usare VPN, Connessioni cifrate e altri sistemi a difesa della propria riservatezza.
        Dubbi: nel caso di cui ho parlato sopra,
        l'università fungerebbe anche da ISP, no? Non
        violerebbe la net neutrality usando
        ?Sai bene che in campo informatico la legge la detta chi "ne sa di più" e non il diritto.
        Inoltre, bloccando il p2p ne impedirebbero anche
        il su uso
        legaleSe sai come fare lo fai e sei "oltre" il diritto che, per definizione, rimane indietro e nel 99% dei casi sa solo "vietare" qualcosa.Se non sai come fare ti tocca sottostare.GTFS
    • il calmo scrive:
      Re: bel sistema, ma:
      Forse non è chiaro il concetto di IPS, ma ho visto proprio questo oggetto un paio di settimane fa in un convegno dedicato alla sicurezza.E' una sorta di firewall che rileva in autonomia questi flussi di dati, ne può fare il monitor, ne può fare il filtro, ne fa un po' quello che gli pare. Inoltre può anche "sniffare" il traffico HTTPS.Insomma, fa un traffic shaping moooolto evoluto.Il prodotto è indirizzato tipicamente alle aziende e alle grandi organizzazioni (come le università, appunto) che sono soggetti diversi da un ISP e sono legalmente responsabili di quello che avviene ai morsetti esterni loro rete (in Italia devono mantenere il log delle attività pur non potendo "sniffare" quello che un utente fa). Legalmente quindi l'azienda/università può (non è obbligata a farlo) analizzare il traffico e bloccarlo se questo può causare un illecito (anche potenziale) o anche solo se può rallentare le attività "istituzionali" (considerando che mediamente il traffico denominato "recreational" è ben oltre il 70-80% della banda utilizzata)
  • bernasco scrive:
    se arriva la lettera altro che presunte
    è inutile che ci si ostina a supporre che lo studentello che offre amy winehouse sul p2p sia presunto innocente, perchè non lo è
    • krane scrive:
      Re: se arriva la lettera altro che presunte
      - Scritto da: bernasco
      è inutile che ci si ostina a supporre che lo
      studentello che offre amy winehouse sul p2p sia
      presunto innocente, perchè non lo èQuindi sara' meglio che si nasconda dietro a traffico criptato, poco importa se poi cosi' rende indirettamente piu' difficile colpire anche pedoXXXXXterrosatanisti.
    • panda rossa scrive:
      Re: se arriva la lettera altro che presunte
      - Scritto da: bernasco
      è inutile che ci si ostina a supporre che lo
      studentello che offre amy winehouse sul p2p sia
      presunto innocente, perchè non lo
      èEvidentemente tu sai tutto dall'alto della tua onnipotenza.Se c'e' un reato, si mandano i carabinieri ad arrestare il criminale, non gli si manda mica l'avviso a casa.Quindi non c'e' reato, ma solo presunzione di irregolarita'.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: se arriva la lettera altro che presunte
      Se arriva la prima lettera, cambi provider, così devono ricominciare dalla prima lettera.E le majors possono solo stare a guardare impotenti, e perdere altri soldi in francobolli.
      • attonito scrive:
        Re: se arriva la lettera altro che presunte
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Se arriva la prima lettera, cambi provider, così
        devono ricominciare dalla prima
        lettera.allora aspetta la seconda, no? :)
      • Be&O Unlogged scrive:
        Re: se arriva la lettera altro che presunte
        Negativo, la pena segue l'utente sul provider, non sono nati ieri ed esiste una righetta apposita che lo specifica,.
    • attonito scrive:
      Re: se arriva la lettera altro che presunte
      - Scritto da: bernasco
      è inutile che ci si ostina a supporre che lo
      studentello che offre amy winehouse sul p2p sia
      presunto innocente, perchè non lo èuno che diffonde simili schifezze... sono d'accordo, e' colpevole. :D
Chiudi i commenti