Facebook, errori ai danni degli inserzionisti

Il social network torna ad ammettere inesattezze nelle informazioni di utilizzo e visualizzazione di determinati contenuti sulla sua piattaforma. Al centro, sempre i video, e le aspettative di chi investe in advertising

Roma – Facebook ha annunciato di essere tornata a mettere mano alle modalità di misurazione dei dati relativi ai video pubblicati e visualizzati dagli utenti sulla propria piattaforma anche a seguito dell’ individuazione di nuovi bug ed errori .

D’altra parte il comparto video è sempre più rilevante all’interno del suo fatturato , data l’importanza rispetto ai canali di advertising, di cui rappresenta una delle forme più redditizie, considerata anche la durata dell’esposizione ai possibili target pubblicitari: per il social network si parla già di 4 miliardi di contenuti visualizzati ogni giorno, dato che lo rende un servizio sempre più in competizione con YouTube.

Tale importanza, tuttavia, potrebbe essere stata accresciuta anche da alcuni bug ed errori nel suo sistema di analisi (nonché ad altri servizi come Instant Articles, video e Page Insight).

Già a settembre , in realtà, Facebook era finita al centro delle polemiche per aver per due anni conteggiato erroneamente la durata media di fruizione dei video, escludendo dal calcolo (e quindi pompando artificialmente la media agli occhi dei potenziali inserzionisti) le riproduzioni inferiori ai 3 secondi: in tale circostanza Menlo Park si era scusata riferendo di aver corretto il problema lo scorso 25 agosto ed ora ha rinominato la metrica da “video views” a “3-second video views”.

La nuova ammissione di bug ed errori che coinvolgono lo stesso sistema di calcolo, dunque, non fa che mettere ancora più in imbarazzo Facebook rispetto a tale questione: soprattutto agli occhi degli inserzionisti che hanno speso e spendono soldi in advertising sulla sua piattaforma basandosi sui dati (evidentemente fallaci) finora forniti. Infatti, nonostante né il precedente problema né quelli ora rilevati influenzino il sistema di fatturazione, si finisce per amplificare l’importanza percepita del circuito di advertising del social network.

Tra i nuovi problemi vi è un “bug” che calcola le visualizzazioni giornaliere di una Pagina Facebook non togliendo visitatori duplicati o ricorsivi (sovrastimando addirittura di circa il 55 per cenno un determinato dato spalmato su 28 giorni); un ulteriore problema di misurazione delle visualizzazioni, al contrario, avrebbe sottostimato del 35 per cento la misurazione dei video visualizzati al 100 per cento, a causa di una valutazione diversa di qualche secondo della sua durata o della durata della traccia audio rispetto a quella video.

Gli errori di calcolo delle visualizzazioni riguardano anche altri servizi: per Instant Articles si sovrastima il tempo passato dagli utenti a leggere gli articoli. Problemi di calcolo hanno afflitto anche la metrica chiamata “Referrals” e relativa alle interazioni con i post delle persone tramite diverse app.

Per cercare di non perdere la fiducia degli inserzionisti, Facebook ha riferito che manterrà un sistema di monitoraggio su tali calcoli nel tentativo – come spiega il vice presidente al global marketing Carolyn Everson – “di essere il più accurati e trasparenti possibile”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    L'ISIS fa molti meno danni
    L'ISIS sta facendo molti meno danni al patrimonio culturale dell'umanita' rispetto a quanti ne fa apple con la sua politica luccicosa.Almeno delle opere che l'ISIS distrugge, ci lascia le macerie.Apple neanche quello. Cancella e addio per sempre.Migliaia di opere di ingegno perse per sempre!Distruggano anche le piramidi allora: sono piu' di venti secoli che non vengono aggiornate!
    • 10713 scrive:
      Re: L'ISIS fa molti meno danni
      - Scritto da: panda rossa
      L'ISIS sta facendo molti meno danni al patrimonio
      culturale dell'umanita' rispetto a quanti ne fa
      apple con la sua politica
      luccicosa.

      Almeno delle opere che l'ISIS distrugge, ci
      lascia le
      macerie.

      Apple neanche quello. Cancella e addio per sempre.

      Migliaia di opere di ingegno perse per sempre!

      Distruggano anche le piramidi allora: sono piu'
      di venti secoli che non vengono
      aggiornate!Ma sei come Sgarbi da Costanzo???
    • iRoby scrive:
      Re: L'ISIS fa molti meno danni
      Beh 'nsomma, certe app fanno XXXXXX, se non esistono più non ne sentiremo la mancanza.Il problema però che citi è importante essenzialmente per il fatto che col computer tradizionale, in rete l'autore di un software per quanto brutto sia può rilasciarlo open o closed.Con il meccanismo ad app store, specie se non paghi come quello Apple, vedrai sparire il programma, ma a differenza di Android dove attivi l'installazione di APK esterni, con Apple sono andati, spariti, definitivamente.Ed anche se ne rilasciasse il sorgente non continui lo sviluppo e fai provare agli utenti se non ti iscrivi, paghi e carichi nell'app store.
      • Teo_ scrive:
        Re: L'ISIS fa molti meno danni
        - Scritto da: iRoby
        Con il meccanismo ad app store, specie se non
        paghi come quello Apple, vedrai sparire il
        programma, ma a differenza di Android dove attivi
        l'installazione di APK esterni, con Apple sono
        andati, spariti,
        definitivamente.

        Ed anche se ne rilasciasse il sorgente non
        continui lo sviluppo e fai provare agli utenti se
        non ti iscrivi, paghi e carichi nell'app
        store.Guarda che ce ne sono diversi di progetti iOS open source che possono essere installati senza problemi.
      • bubba scrive:
        Re: L'ISIS fa molti meno danni
        - Scritto da: iRoby
        Beh 'nsomma, certe app fanno XXXXXX, se non
        esistono più non ne sentiremo la
        mancanza.

        Il problema però che citi è importante
        essenzialmente per il fatto che col computer
        tradizionale, in rete l'autore di un software per
        quanto brutto sia può rilasciarlo open o
        closed.

        Con il meccanismo ad app store, specie se non
        paghi come quello Apple, vedrai sparire il
        programma, ma a differenza di Android dove attivi
        l'installazione di APK esterni, con Apple sono
        andati, spariti,
        definitivamente.

        Ed anche se ne rilasciasse il sorgente non
        continui lo sviluppo e fai provare agli utenti se
        non ti iscrivi, paghi e carichi nell'app
        store.e sul concetto di "vecchio" non hai niente da dire? < Più della metà delle applicazioni rimosse non veniva aggiornata da maggio 2015
        .... XXXXXXX roba proprio in putrefazione! vecchia di *BEN* 1,5 anni ! Una cosa TRAGICA da correggere subbbito ! :$ :s
    • bertuccia scrive:
      Re: L'ISIS fa molti meno danni
      - Scritto da: panda rossa

      Apple neanche quello. Cancella e addio per sempre.

      Migliaia di opere di ingegno perse per sempre!stai dicendo che se tu ne hai una copia salvata in un disco di backup apple può cancellarla?Non credo che tu sia così stupido da pensarlo.Apple le sta semplicemente cancellando dai SUOI HDD. Come al solito, i paladini della libertà vogliono IMPORRE a un soggetto terzo e privato che cosa fare con i suoi HDD.Tipico.
      Distruggano anche le piramidi allora: sono piu'
      di venti secoli che non vengono
      aggiornate!Stai forse dicendo che scaricare una copia di un contenuto digitale equivale a RUBARLA? Questo stai dicendo?Apple sta cancellando una COPIA di un software. Se per te cancellare quella copia equivale a distruggere definitivamente il contenuto digitale, allora scaricarne una copia è tale e quale a rubare.Non scaricheresti mai un'automobile!
      • panda rossa scrive:
        Re: L'ISIS fa molti meno danni
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: panda rossa



        Apple neanche quello. Cancella e addio per
        sempre.



        Migliaia di opere di ingegno perse per
        sempre!

        stai dicendo che se tu ne hai una copia salvata
        in un disco di backup apple può
        cancellarla?Sto dicendo che tutto quello che viene rimosso dallo store non e' piu' a disposizione.
        Non credo che tu sia così stupido da pensarlo.Tu invece sei cosi' fesso da credere che apple non ha il totale controllo del tuo device (e pure della tua mente) ?
        Apple le sta semplicemente cancellando dai SUOI
        HDD. Come al solito, i paladini della libertà
        vogliono IMPORRE a un soggetto terzo e privato
        che cosa fare con i suoi
        HDD.Se fosse possibile conservare quel software anche in posti diversi dai dischi di apple, io non avrei niente da dire.Ma quando i dischi di apple sono l'unico canale di distribuzione del software per apple, nel momento in cui li togli da li', sono persi per sempre.

        Tipico.



        Distruggano anche le piramidi allora: sono
        piu'

        di venti secoli che non vengono

        aggiornate!

        Stai forse dicendo che scaricare una copia di un
        contenuto digitale equivale a RUBARLA? Questo
        stai dicendo?Sto dicendo che quelle app non sono piu' fruibili.Cancellate per sempre!'zzo c'entra rubarla?
        Apple sta cancellando una COPIA di un software.Apple sta cancellando l'UNICA COPIA pubblica di quel software.
        Se per te cancellare quella copia equivale a
        distruggere definitivamente il contenuto
        digitale, allora scaricarne una copia è tale e
        quale a
        rubare.Mi rendo conto che per un applefan il seguente discorso non e' comprensibile, quindi evita di leggerlo.Lo scrivo a beneficio di altri.Sono copie non piu' aggiornate da anni, dice apple.Quindi possiamo presumere che l'autore sia morto.Quindi l'unico luogo in cui quelle copie sono state pubblicate sono i server di apple.Cancellate da li', cancellate per sempre.

        Non scaricheresti mai un'automobile!Come no? C'e' il car sharing.
        • Appulo scrive:
          Re: L'ISIS fa molti meno danni
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: bertuccia
          Sto dicendo che tutto quello che viene rimosso
          dallo store non e' piu' a
          disposizione.Hai ragione piena e condivido.Le persone ignoranti non avranno più a disposizione quel software.
          Se fosse possibile conservare quel software anche
          in posti diversi dai dischi di apple, io non
          avrei niente da
          dire.Ottimo, nemmeno io.Infatti basta utilizzare iTunes, o altri software, per non perdere le app che Apple cancella dai suoi server.
          Ma quando i dischi di apple sono l'unico canale
          di distribuzione del software per apple, nel
          momento in cui li togli da li', sono persi per
          sempre.Persi per sempre solo per le persone ignoranti.Gli altri potranno continuare ad avere il software e ad utilizzarlo.Ci va del sale in zucca.Date le tue affermazioni, è probabile che tu faccia parte di questa schiera di ignoranti.
          Sto dicendo che quelle app non sono piu' fruibili.
          Cancellate per sempre!Perse per chi ignora come non perderle.È un tipico problema delle persone ignoranti.
          Apple sta cancellando l'UNICA COPIA pubblica di
          quel software.Ci sono quelle non pubbliche, quelle private e quelle di altri distributori.
          Sono copie non piu' aggiornate da anni, dice
          apple.
          Quindi possiamo presumere che l'autore sia morto.
          Quindi l'unico luogo in cui quelle copie sono
          state pubblicate sono i server di
          apple.
          Cancellate da li', cancellate per sempre.Basta sapere come non perderle.Certo che se tu sei ignorante, non è un problema mio.NOTA IMPORTANTE: il TU è impersonale, non diretto a nessuno in particolare...
    • Basilisco di Roko scrive:
      Re: L'ISIS fa molti meno danni
      Dipende anche da che tipo di applicazioni sono. Alcuni software sono effettivamente usa-e-getta, e diventano del tutto inutili con il tempo. Ad esempio, una app che serva a individuare la farmacia di turno più vicina, se non viene aggiornata, è peggio che inutile, è nociva (perché ti fa perdere tempo mandandoti dalla parte sbagliata), che motivo avresti di conservarla? A cosa ti serve? Nemmeno il sorgente ti servirebbe, perché il software in sé è probabilmente banalissimo.Per fare un paragone: un elenco telefonico di 10 anni fa ti serve ancora a qualcosa (a parte accendere il fuoco)? Troveresti così grave che qualcuno lo cancellasse?
      • panda rossa scrive:
        Re: L'ISIS fa molti meno danni
        - Scritto da: Basilisco di Roko
        Dipende anche da che tipo di applicazioni sono.
        Alcuni software sono effettivamente usa-e-getta,
        e diventano del tutto inutili con il tempo. Ad
        esempio, una app che serva a individuare la
        farmacia di turno più vicina, se non viene
        aggiornata, è peggio che inutile, è nociva
        (perché ti fa perdere tempo mandandoti dalla
        parte sbagliata), che motivo avresti di
        conservarla? A cosa ti serve? Nemmeno il sorgente
        ti servirebbe, perché il software in sé è
        probabilmente
        banalissimo.

        Per fare un paragone: un elenco telefonico di 10
        anni fa ti serve ancora a qualcosa (a parte
        accendere il fuoco)? Troveresti così grave che
        qualcuno lo
        cancellasse?E' una questione di conservazione delle cose al di la' della loro fruibilita'.Distruggiamo i grammofoni perche' non si possono piu' usare?Perche' bisogna privarsi di qualcosa che dimostrera' ai posteri com'erano le app sviluppate all'inizio del terzo millennio?Chissenefrega se l'app non mi dice piu' la farmacia aperta. E' utile sapere che nel 2016 esisteva un'app che indicava quelle farmacie.
        • giaguarevol issimevolm ente scrive:
          Re: L'ISIS fa molti meno danni
          - Scritto da: panda rossa
          Chissenefrega se l'app non mi dice piu' la
          farmacia aperta. E' utile sapere che nel 2016
          esisteva un'app che indicava quelle
          farmacie.Lascia perdere è inutile questi son cresciuti con la cultura "usa e getta"Dove non conta ne "cosa" si getta ne "dove" si getta.Per loro l'importante è "consumare" come fai a pretendere di spiegargli il valore della conservazione e della memoria?Non c'è speranza!
          • panda rossa scrive:
            Re: L'ISIS fa molti meno danni
            - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
            - Scritto da: panda rossa


            Chissenefrega se l'app non mi dice piu' la

            farmacia aperta. E' utile sapere che nel 2016

            esisteva un'app che indicava quelle

            farmacie.
            Lascia perdere è inutile questi son cresciuti con
            la cultura "usa e
            getta"
            Dove non conta ne "cosa" si getta ne "dove" si
            getta.
            Per loro l'importante è "consumare" come fai a
            pretendere di spiegargli il valore della
            conservazione e della
            memoria?
            Non c'è speranza!C'e' sempre una speranza.Intanto spieghiamo il nostro punto di vista.L'importante e' veicolare il messaggio.Chi ha un solo neurone non lo coglierebbe in ogni caso, ma gli altri possono comprendere il concetto.
          • Basilisco di Roko scrive:
            Re: L'ISIS fa molti meno danni
            Guarda che io capisco il tuo punto di vista. Tanto che ti chiedo: hai installato, sul tuo computer, programmi come mame, mess, UAE, vice, o dosbox? Immagino che ne abbia almeno uno installato. Nel caso, cosa ci fai girare sopra?
          • panda rossa scrive:
            Re: L'ISIS fa molti meno danni
            - Scritto da: Basilisco di Roko
            Guarda che io capisco il tuo punto di vista.
            Tanto che ti chiedo: hai installato, sul tuo
            computer, programmi come mame, mess, UAE, vice, o
            dosbox? Immagino che ne abbia almeno uno
            installato. Nel caso, cosa ci fai girare
            sopra?Tutti quelli che hai citato piu' un sacco di altri emulatori.E ci faccio girare tutto il vecchio software che nel corso degli anni ho recuperato, restaurato, conservato e messo a disposizione per le generazioni future.
          • Basilisco di Roko scrive:
            Re: L'ISIS fa molti meno danni
            Ottimo. Però, ai fini pratici, quali sono i vecchi software che hai usato di più? Ad esempio, magari hai ancora il software per la dichiarazione dei redditi degli anni 90: lo usi? Le norme sono cambiate. Magari hai ancora cose come il dBase III, o il FrameWork; ti servono? Se hai dei file che possono essere letti solo da quei programmi, ti potranno servire per convertirli in formati moderni, ma avrai bisogno di farlo una volta sola, poi non creerai files nuovi in quei formati. Magari hai il programma che ti consente di mandare e ricevere fax da dos (che però richiede la scheda fax/modem ISA, quindi su un emulatore è del tutto inutile). Di molti di quei programmi potresti non avere il sorgente (ammesso che sia mai esistito, all'epoca era comune programmare in linguaggio macchina). Non credo che tu scriva i tuoi testi con WordStar.I videogiochi scritti per quei sistemi, invece, divertivano all'epoca, e continuano a divertire oggi, quindi vale la pena di continuare a usarli, e di solito gli emulatori sono usati per quello (ma i giochi di oggi saranno fruibili allo stesso modo in futuro? Non se richiedono la connessione a un server di gioco).Il resto... ti serve se vuoi realizzare un museo di storia dell'informatica (e mi sembra che tu stia facendo proprio questo; una iniziativa lodevole, a mio parere). Ma in un museo si fa una cernita, si selezionano le cose più rappresentative di un'epoca, non si espone tutto il pattume che era già stato gettato via anni fa. O vuoi preservare tutto lo shovelware uscito per Windows 95, ad esempio?
          • panda rossa scrive:
            Re: L'ISIS fa molti meno danni
            - Scritto da: Basilisco di Roko
            Il resto... ti serve se vuoi realizzare un museo
            di storia dell'informatica (e mi sembra che tu
            stia facendo proprio questo; una iniziativa
            lodevole, a mio parere). Ma in un museo si fa una
            cernita, si selezionano le cose più
            rappresentative di un'epoca, non si espone tutto
            il pattume che era già stato gettato via anni fa.
            O vuoi preservare tutto lo shovelware uscito per
            Windows 95, ad
            esempio?I problemi dei musei sono lo spazio.Se un museo non ha spazio deve rinunciare ad esporre alcuni reperti.Io ho allocato al mio museo un TB, e ho occupato solo il 10%.
          • Basilisco di Roko scrive:
            Re: L'ISIS fa molti meno danni
            Per tua informazione personale, ho ancora delle cassette con programmi per Commodore 64. Proprio usa e getta.Occasionalmente uso ancora i vecchi software con gli emulatori. E proprio per questo, ti posso dire che, praticamente, le uniche cose che vale la pena di emulare sono i videogiochi. Il resto del software, anche se potrebbe funzionare su emulatore, in genere non serve.
    • bradipao scrive:
      Re: L'ISIS fa molti meno danni
      - Scritto da: panda rossa
      L'ISIS sta facendo molti meno danni al patrimonio
      culturale dell'umanita' rispetto a quanti ne fa
      apple con la sua politica luccicosa.

      Almeno delle opere che l'ISIS distrugge, ci
      lascia le macerie.Anche se l'hai scritta in modo provocatorio, io ci ho pensato diverse volte alla "perdita" per l'umanità. Pensavo che tutte le aziende dovrebbero donare il proprio codice sorgente a istituzioni "museali", dopo 20 anni dall'uscita di produzione, per esempio. Per non perderli.
      • panda rossa scrive:
        Re: L'ISIS fa molti meno danni
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: panda rossa

        L'ISIS sta facendo molti meno danni al
        patrimonio

        culturale dell'umanita' rispetto a quanti ne fa

        apple con la sua politica luccicosa.



        Almeno delle opere che l'ISIS distrugge, ci

        lascia le macerie.

        Anche se l'hai scritta in modo provocatorio, io
        ci ho pensato diverse volte alla "perdita" per
        l'umanità. Pensavo che tutte le aziende
        dovrebbero donare il proprio codice sorgente a
        istituzioni "museali", dopo 20 anni dall'uscita
        di produzione, per esempio. Per non
        perderli.Provocatorio o no, il concetto e' proprio questo.Perche' far scomparire delle testimonianze di conoscenza e cultura di questo periodo storico quando potranno essere di interesse per i posteri?Nel momento in cui si definisce un qualunque software "opera di ingegno" questa, dopo lo sfruttamento commerciale DEVE DIVENTARE PUBBLICA.Basta pensare al sito archive.orgSe non ci fosse quel sito avremmo perso 10 anni di storia dell'informatica.Proprio come se un monumento storico venisse distrutto.
        • Fulmy(nato) scrive:
          Re: L'ISIS fa molti meno danni
          - Scritto da: panda rossa
          Provocatorio o no, il concetto e' proprio questo.
          Perche' far scomparire delle testimonianze di
          conoscenza e cultura di questo periodo storico
          quando potranno essere di interesse per i
          posteri?Non sono del tutto sicuro che sia una buona idea far conescere alle generazioni future troppi dettagli riguardo a questo periodo storico,Credo che non ci faremmo poi una tanto bella figura a far sapere che questa epoca era caratterizzata da gente che vagava come zombie perché troppo impegnata a guardare tutto il tempo uno schermetto di alcuni centimetri, invece che curarsi di ciò che gli accadeva intorno.
          Proprio come se un monumento storico venisse
          distrutto.Secondo la stessa logica, bisognerebbe tenere in piedi anche un vecchio capanno degli attrezzi pericolante e del quale nessuno ha più bisogno, perché se paragoni certe app ai monumenti, allora anche il capanno lo è.
          • Basilisco di Roko scrive:
            Re: L'ISIS fa molti meno danni

            Secondo la stessa logica, bisognerebbe tenere in
            piedi anche un vecchio capanno degli attrezzi
            pericolante e del quale nessuno ha più bisogno,
            perché se paragoni certe app ai monumenti, allora
            anche il capanno lo
            è.Quoto. Anche gli amanuensi, quando copiavano i testi per preservarli, sceglievano ciò che secondo loro valeva la pena di conservare, e si sbarazzavano dei testi che erano ormai inutili
      • giaguarevol issimevolm ente scrive:
        Re: L'ISIS fa molti meno danni
        - Scritto da: bradipao
        Anche se l'hai scritta in modo provocatorio, io
        ci ho pensato diverse volte alla "perdita" per
        l'umanità. Pensavo che tutte le aziende
        dovrebbero donare il proprio codice sorgente a
        istituzioni "museali", dopo 20 anni dall'uscita
        di produzione, per esempio. Per non
        perderli.Ci sono iniziative (lodevolissime) come "internet archive" dove trovi conservate alcune pietre miliari.Ad esempio il primo Linux che ho usato "Yggdrasil" (il primo con gli ELF) e si parla di roba vecchiotta... ultimo rilascio 1995 e primo rilascio 1992!Con tutti i sorgenti.Da studiare è seguire per capire la evoluzione di certe cose (anche nel kernel ma non solo) è roba preziosa.Ovviamente ci sono anche altre cose che hanno fatto la storia della informatica e dell'Open source come i CD tipo "tucows" e i sorgenti dei vecchi games "arcade" o di "mosiac" versione open di "mosaic" il primo browser NCSA.O il server http NCSA (apache nacque come una "patch" "a-patch" di NCSA http e ne conserva ancora alcune "tracce").Per fortuna "archive.org" ci ha conservato questo patrimonio.Qui sotto il frontespizio del manuale in cui era distribuito Yggdrasil e uno screenshot:[img]http://jneufferjr.files.wordpress.com/2013/12/yggdrasil_linux_bible.jpg[/img][img]http://timeguy.com/cradek-files/01188356148/yggdrasil-beta.jpg[/img]
Chiudi i commenti