Facebook, falso in blu

Più di 83 milioni di account sul social network di Menlo Park sono fasulli: quasi il 10 per cento del totale. Numerose le categorie prese in considerazione nella stima della nuova popolazione dei fake

Roma – I primi risultati finanziari inviati dal colosso Facebook alla United States Securities and Exchange Commission (SEC) comprendono il censimento aggiornato della popolazione in blu: 955 milioni di utenti attivi ogni mese, di cui 543 milioni a preferire le modalità d’accesso in mobilità . Nei recenti documenti 10-Q , il social network di Menlo Park ha denunciato oltre 100 milioni di utenti attivi da mobile nel solo mese di giugno.

Risultati imponenti, in continua espansione. Ma fra gli abitanti dell’universo social aumentano anche i fake , falsi profili che non corrispondono ad una reale identità. Gli stessi risultati di Facebook hanno parlato di un totale di 83,9 milioni di account fasulli, quasi il 9 per cento del totale . Una vistosa crescita rispetto allo scorso marzo, quando i fake dichiarati erano tra i 42 e i 50 milioni.

Possibile un aumento così vistoso in pochi mesi? In realtà , Facebook ha scelto la strada della massima trasparenza, non considerando soltanto le identità fasulle – ad esempio, Ahmed Ronaldo, sedicente cittadino egiziano assoldato dal celebre club calcistico spagnolo Real Madrid – ma anche gli account duplicati (4,8 per cento), quelli relativi ad animali o comunque soggetti non umani (2,4 per cento) e account non desiderati (1,5 per cento) .

Per account non desiderati si intendono profili sfruttati per violare le varie policy in blu, come ad esempio quelli dedicati allo spamming. Gli stessi profili tirati in ballo da Limited Press, che ha accusato Facebook di sfruttare i bot per far pagare più click verso le piattaforme partner nel settore della social advertising. Il sito in blu continua ad investigare per verificare le accuse.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Darwin scrive:
    Giusta sentenza
    Sono d'accordo con quanto stabilito in tribunale.Quello che Oracle sta cercando di fare è un vero e proprio abuso di posizione dominante.Considerando la partnership che aveva con HP (si pensi ad esempio ad i server ProLiant messi a disposizione nelle prime Oracle/HP Exadata Database Machine...poi sostituiti con macchine basate su hardware Sun, subito dopo la sua scellerata acquisizione), è chiaro che Oracle non può fare il bello ed il cattivo tempo, ma deve attenersi ai patti stabiliti.Comunque, considerando la tenacia di Oracle sono più che sicuro che ci sarà da ridere ancora per molto con quest'altra telenovela.Aaaah....se solo l'antitrust avesse fatto il suo dovere e avesse bloccato l'acquisizione di Sun da parte di Oracle, tutto questo non sarebbe sucXXXXX.
Chiudi i commenti