Le newsletter piacciono anche a Facebook

In fase di sviluppo alcuni strumenti destinati principalmente a giornalisti e scrittori: l'iniziativa rientra nel Journalism Project di Facebook.
In fase di sviluppo alcuni strumenti destinati principalmente a giornalisti e scrittori: l'iniziativa rientra nel Journalism Project di Facebook.

Così come il rivale Twitter che nei giorni scorsi ha comprato Revue con lo stesso obiettivo, anche Facebook è al lavoro per entrare nel business delle newsletter. Alcune fonti rimaste anonime hanno riferito al New York Times che il social network sta sviluppando una serie di strumenti da destinare a giornalisti e scrittori come parte del Journalism Project annunciato negli anni scorsi.

Facebook: newsletter per giornalisti e scrittori

La realizzazione è ancora nelle sue prime fasi, ma è già trapelato qualche dettaglio in merito a quella che sarà la natura dell’offerta. Proporrà qualcosa di molto simile a quanto già fanno piattaforme come Substack o la stessa Revue, aiutando chi scrive a far crescere la propria community di follower e a gestire l’invio dei messaggi destinati alle caselle di posta elettronica con la possibilità di offrire ai lettori modalità di sottoscrizione a pagamento.

Il progetto avrebbe già ottenuto l’approvazione e il sostegno di Mark Zuckerberg, entusiasta dell’idea e impegnato in prima persona a spingerla. Dozzine i dipendenti al lavoro per trasformarla in una realtà. Se tutto andrà secondo i piani il debutto potrebbe avvenire entro il corso dell’estate 2021.

Facebook guadagnerebbe dal servizio trattenendo una commissione su quanto incassato da chi scrive. Queste le parole di Campbell Brown (Vice President for Global News Partnerships) riportate sulle pagine del New York Times che suonano come una sorta di conferma dell’iniziativa.

Vogliamo fare di più per sostenere il giornalismo indipendente e gli esperti che stanno costruendo i loro business e il loro pubblico online. Stiamo sperimentando modi per aiutarli a trarre beneficio dai prodotti e dalle notizie che realizzano, ad esempio con Facebook News e le sottoscrizioni, ma stiamo anche sviluppando nuovi strumenti da affiancare a ciò che i giornalisti trovano già utile.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti