Facebook, Zuckerberg e lo snack della discordia

Trapelano le registrazioni di alcuni interventi audio attribuiti a Mark Zuckerberg e rivolti principalmente ai dipendenti del gruppo.
Trapelano le registrazioni di alcuni interventi audio attribuiti a Mark Zuckerberg e rivolti principalmente ai dipendenti del gruppo.
Guarda 37 foto Guarda 37 foto

È un Mark Zuckerberg per certi versi inedito quello che emerge da alcuni file audio trapelati mediante le pagine del sito The Verge. Registrazioni che vedono il numero uno di Facebook rivolgersi direttamente ai dipendenti del gruppo durante le riunioni da remoto degli ultimi mesi.

Facebook, leak dalle riunioni: così parlò Zuckerberg

Questa la risposta del CEO al collaboratore che nel mezzo della crisi sanitaria, a metà luglio, chiedeva ai vertici dell’azienda in che modo avrebbero compensato l’impossibilità di accedere agli snack gratuiti dell’ufficio durante il periodo di lavoro da casa in smart working, definendo il benefit uno dei fattori decisivi per attrarre i candidati alle posizioni aperte (presumibilmente con i 1.000 dollari di bonus riconosciuti a ognuno di loro).

Forse mi sfugge qualcosa della domanda, ma certamente nessun dato mi suggerisce che il cibo gratuito sia in cima all’elenco delle ragioni che spingono le persone a lavorare in questa azienda. Spero non sia così.

Un paio di settimane più tardi, commentando la campagna di boicottaggio battezzata Stop Hate for Profit e che ha portato alcuni importanti brand a interrompere gli investimenti in advertising sulla piattaforma, Zuckerberg si è detto certo del buono stato di salute della società.

Di certo usciremo dalla prima parte dell’anno con il nostro brand in una posizione di maggiore forza rispetto all’inizio della crisi.

Nella stessa occasione un commento alla proposta di chi immaginava la creazione di una Facebook City, un’area completamente isolata dal resto del mondo in cui lavorare stare a contatto con i colleghi senza rimanere rinchiusi nelle proprie abitazioni durante il lockdown.

Perbacco, non penso sia fattibile nel lungo periodo. Credo sia bene mantenere connessioni con il resto della società.

Un altro audio di particolare interesse è quello che vede protagonista Sheryl Sandberg, COO del social network. Risale al 7 luglio e tocca il delicato tema della posizione da assumere nei confronti della politica, in particolare in vista delle Presidenziali USA 2020.

Ciò che davvero facciamo è cercare di non appoggiare alcun punto di vista. Ho un parere molto netto su questo presidente. È un parere personale. In cui credo profondamente. Non deve influire sul mio giudizio quando sto apportando modifiche alle policy. Dobbiamo essere una piattaforma neutrale.

Altre questioni toccate (tutti gli audio e le trascrizioni integrali sono ospitate da The Verge) riguardano le perplessità espresse da alcuni dipendenti in merito all’influenza di Joel Kaplan sulle scelte del gruppo (secondo qualcuno eccessiva) e il tema sempreverde della censura.

Ricordiamo che nei giorni scorsi un portavoce della società ha ipotizzato un abbandono del mercato europeo in conseguenza a una decisione della Data Protection Commission sulle modalità di gestione dei dati.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti