Falò di DVD nelle piazze cinesi

Sono i dischi che contengono materiale pirata: in questo modo le autorità vogliono incendiare gli animi contro gli abusi e, soprattutto, dimostrare qualcosa al mondo
Sono i dischi che contengono materiale pirata: in questo modo le autorità vogliono incendiare gli animi contro gli abusi e, soprattutto, dimostrare qualcosa al mondo

Pochi giorni fa gli Stati Uniti si lamentavano degli scarsi risultati nella lotta alla pirateria in Cina e ieri il regime pechinese ha messo in scena i falò di piazza , per trasformare in cenere i polimeri che conducevano opere contraffatte.

Da quanto si apprende nel giro di poche ore in decine di province cinesi sono stati bruciati 42 milioni di “pezzi” pirata , in particolare audio e video ma anche grandi quantità di libri e persino riviste con contenuti illegali.

Stando all’agenzia di Stato Xinhua , siamo dinanzi ad una campagna nazionale .

Il burocrate cinese Long Xinmin , a capo della divisione Informazione del Governo, ha detto che “attraverso l’atto della distruzione intendiamo mostrare al mondo la ferma determinazione del governo cinese nella protezione delle proprietà intellettuali e nel combattere qualsiasi violazione, e aumentare la consapevolezza delle persone nella lotta contro la pornografia e le pubblicazioni illegali”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 04 2007
Link copiato negli appunti