Falsi invalidi ed assunzione obbligatoria

Il Centro Servizi Legali di Milano prende in mano per un parere la recente legge sulle assunzione degli invalidi e la caccia ai falsi invalidi


In questi giorni sia la televisione che i giornali, ci hanno informato che la campagna contro i falsi invalidi è stata una “bufala”.

Gli organi dello Stato hanno dichiarato non invalidi , quindi non meritevoli di pensione, numerosissime persone che godevano del trattamento pensionistico.

I ricorsi, ossia le impugnazioni contro detti procedimenti, giunti a conclusione dopo circa quattro anni di causa costeranno allo Stato, quindi a tutti noi, parecchi miliardi per rimborso delle pensioni non corrisposte dei relativi interessi e delle spese legali dovute dallo Stato ai pensionati.

La battaglia da parte degli Organi dello Stato conto la categoria degli invalidi civili, per servizio o per cause di lavoro, non è però finita.
Il nostro legislatore ha abrogato la legge 2/4/68 n. 482 che regolava l?inserimento dei disabili nel mondo del lavoro, sostituendola con la normativa contenuta nella legge 12/3/99 n. 68.

Il 12.03.1999 è stata emanata la legge sopra indicata che dovrebbe regolare il diritto al lavoro dei Disabili, precisando i criteri di computo, le modalità di assunzione, gli elenchi e le richieste di avviamento.

Anche in questo testo, come in molti altri, il nostro Legislatore bada più? ad affermazioni di principio che non a creare prima le strutture necessarie a far decollare le norme nelle leggi previste

Un?osservazione generale è che la legge chiamata «norme per il diritto al lavoro dei Disabili» è complessa e farraginosa.

La conseguenza di ciò è che verranno offerte molte possibilità e si faciliterà l’inosservanza da parte delle aziende, destinatarie dell?obbligo

Già l?art. I dichiarando che la finalità della legge è la promozione dell?inserimento delle persone Disabili (nel mondo del lavoro) attraverso servizi di sostegno e di collocamento mirato, creerà un notevole contenzioso, non essendovi, come ho già detto, le strutture idonee all?applicazione di quanto afferma la norma.

L?art. 2 (collocamento mirato) è, a mio avviso la disposizione che creerà maggiori difficoltà.

L?articolo spiega che pur “per collocamento mirato” si intende quella serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nella loro capacità lavorativa e di inserirle nel posto adatto, attraverso analisi di posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzioni dei problemi connessi con gli ambienti, gli strumenti e le relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione.

A parte noi Avvocati, abituati a esaminare e interpretare le disposizioni di legge, non credo che vi sia persona che non possa affermare conoscendo le nostre strutture, inesistenti o insufficienti, che non si riuscirà ad avviare con questa norma un solo invalido.

Altra disposizione è l?art. 3 che, formalmente sembra favorire gli invalidi, aumentando il numero delle aziende tenute all?assunzione obbligatoria.

Un azienda, pubblica o privata che occupa più di 50 lavoratori dovrebbe avere alle dipendenze il 7% (dei lavoratori occupati); due lavoratori, se occupa da 36 a 50 dipendenti, un lavoratore, se occupa da 15 a 35 dipendenti.


Interessante è il secondo comma del citato art. 3 il quale prescrive che l?obbligo di assunzione per i datori di lavoro privati che occupano da 15 a 35 dipendenti è previsto solo in caso di nuove assunzioni, pertanto si è provveduto a diminuire consistentemente la quota per le aziende che occupano più di 50 lavoratori (dal 12% al 7%) e si è data contemporaneamente, per le aziende minori, di non ottemperare all’assunzione obbligatoria se non in caso di nuove assunzioni..

Il successivo art. 8 della legge indica gli elenchi e graduatorie e prescrive che le persone (disabili) si iscrivano nell?apposito elenco tenuto dagli Uffici competenti indicando, in un apposita scheda le proprie capacità lavorative, le abilità, le competenze e le inclinazioni, aggiungendo la natura e il grado della minorazione di cui sono affetti.

Altre norme prevedono l?esclusione, gli esoneri parziali e i servizi di sostegno, sopra indicati e che, per quanto è dato di sapere, si stanno predisponendo nelle varie regioni.

Per concludere non posso che affermare l?impressione sopra manifestata e cioè che la presente legge è peggiorativa nei confronti delle categorie che dovrebbe difendere e sostenere rispetto alla precedente legge, la 482/68.

L?unificazione, poi, delle varie categorie di invalidi (civili, per servizio e da lavoro) ha sacrificato e quindi penalizzato gli invalidi per servizio e di lavoro, senza alcun beneficio per gli invalidi civili.

Questi ultimi, infatti, vedranno aumentare, sia pure di poco, il tempo di attesa per l?avviamento, mentre le categorie degli invalidi di servizio e di lavoro sino ad oggi relativamente privilegiate vengono notevolmente penalizzate vedendo dilatare i tempi di attesa per l’assegnazione di un posto di lavoro dai 6/8 mesi ai 4/5 anni.

C?è infine da aggiungere che con il sistema di avviamento e con le percentuali previste sicuramente vi sarà un rallentamento notevole di possibilità di lavoro.

La speranza è che in un prossimo avvenire possano intervenire delle modifiche o addirittura un ripensamento di carattere generale al fine di rivedere tutte quelle norme che, attualmente, rendono difficilissimo l?inserimento nel mondo del lavoro della categoria dei disabili.

Avv. Antonio Neri

Per accedere all’archivio degli interventi e alla possibilità di inviare direttamente al Centro Servizi Legali i tuoi quesiti riservati gratuiti… clicca qui !

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti