Fattura Elettronica: c'è chi dice NO

Non tutti sono d'accordo sulla Fattura Elettronica: strumento di semplificazione o ennesimo obbligo calato sulla testa di imprenditori e Partite IVA?
Non tutti sono d'accordo sulla Fattura Elettronica: strumento di semplificazione o ennesimo obbligo calato sulla testa di imprenditori e Partite IVA?

Con la scadenza ormai alle porte, la Fattura Elettronica è oggi vista da molti più come un obbligo, un ennesimo dovere normativo a cui conformarsi, che come un’opportunità. Un malcontento che serpeggia tra una parte non indifferente del popolo delle Partite IVA e del mondo imprenditoriale, tra coloro che faticano a vedere la nuova modalità per l’emissione delle fatture come uno step importante nel percorso di Digital Transformation imboccato dal paese.

Fattura Elettronica: favorevoli e contrari

Se da un lato l’Osservatorio Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b della School of Management del Politecnico di Milano afferma che “l’obbligo di Fatturazione Elettronica tra privati è percepito come un volàno di digitalizzazione per circa il 50% delle imprese italiane”, dall’altra da alcuni sondaggi condotti dalle associazioni di categoria emerge uno scenario differente. È il caso della ricerca condotta da Confartigianato Mantova secondo la quale “per il 75% delle imprese artigiane mantovane la fatturazione elettronica non è utile per combattere il peso della burocrazia” e “ben il 75% degli imprenditori intervistati la ritiene inutile in quanto le difficoltà superano i vantaggi”. Favorevoli e contrari, dunque, vantaggi e svantaggi.

Una manifestazione per il NO

A fungere da cassa di risonanza al coro di chi protesta è una forza politica, Fratelli d’Italia, che per la giornata di domani ha organizzato una manifestazione di fronte al Parlamento. Lo schieramento, sulla propria pagina Facebook, definisce senza giri di parole una “follia” la nuova imposizione che diverrà operativa a partire dal primo giorno del 2019. C’è anche un sito, NoFatturaElettronica.it, che si oppone alla misura sostenendo la sua inefficacia nella lotta all’evasione e come la sua introduzione andrà a complicare l’attività degli imprenditori a livello burocratico anziché semplificarla. Il movimento chiede un rinvio della riforma al 2022.

Giorgia Meloni: "Siamo al fianco degli imprenditori che protestano contro un Governo e una manovra che fanno l'esatto…

Pubblicato da Fratelli d'Italia su Lunedì 10 dicembre 2018

Il focus della manifestazione, va precisato, non sarà esclusivamente sulla Fattura Elettronica (a poche settimane dal termine non fatichiamo a immaginare che la richiesta rimarrà inascoltata), ma tocca altri punti come la già parecchio contestata e discussa pace fiscale, il sistema di accertamento che la leader Giorgia Meloni definisce “grande fratello fiscale” e la flat tax.

✅ Patto con il Popolo delle partite IVA per difendere le imprese e chi crea lavoro: 🔵 No alla Fattura elettronica 🔵…

Pubblicato da Giorgia Meloni su Sabato 8 dicembre 2018

I dubbi del Garante Privacy

Qualche perplessità in merito alla Fattura Elettronica, più nel dettaglio alle modalità di trattamento dei dati, era stata sollevata nelle scorse settimane dal Garante Privacy. L’autorità ha individuato una serie di criticità relative alla tipologia delle informazioni raccolte, alla loro trasmissione e gestione, ritenute sufficienti per chiedere una proroga. Una richiesta rimbalzata poco dopo al mittente dal ministro Tria, con l’esecutivo fermo nella propria decisione di non rinviare ulteriormente la scadenza, nonostante la promessa di introdurre alcuni aggiustamenti sulla base di quanto emerso.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti