L'esordio della Fattura Elettronica: com'è andata?

Qualche intoppo di natura tecnica e alcuni dubbi nei primi giorni della Fattura Elettronica, ma per l'Agenzia delle Entrate nessun problema.

Dopo averne discusso a lungo, l’emissione della Fattura Elettronica è da qualche giorno un obbligo di legge in Italia. Quella dell’1 gennaio 2019 è stata una scadenza temuta da molti, che si sono trovati all’ultimo momento nelle condizioni di doversi organizzare per far fronte alla nuova imposizione normativa. Il Garante Privacy ha dapprima sollevato dubbi sulle modalità di trattamento dei dati, salvo poi sgombrare il campo dall’ipotesi di un rinvio. C’è anche chi ha chiesto una proroga, etichettando la misura come l’ennesimo balzello calato dall’alto sulla testa di imprenditori e Partite IVA, ma senza ottenere alcun riscontro. Dunque, com’è andato il debutto nel nostro paese di questa nuova modalità di fatturazione?

Fattura Elettronica, qualche intoppo al via

Più di una voce si è alzata per lamentare un funzionamento tutt’altro che esente da imperfezioni del sistema che si occupa di gestire l’invio e la ricezione della Fattura Elettronica. Prendiamo a testimonianza il coro di protesta dei benzinai, che per via dell’elevato numero di documenti che si trovano a dover elaborare quotidianamente hanno visto la propria attività fortemente rallentata da problemi verificatisi nel processo di compilazione e dall’esigenza di spiegare agli automobilisti la corretta prassi da seguire. C’è già chi, nella categoria, minaccia uno sciopero o di scendere in piazza per manifestare il proprio disappunto.

Intoppi simili anche per alcuni esercenti. Dando un’occhiata alle bacheche dei social non è difficile imbattersi in chi, associando i propri post all’hashtag #FatturaElettronica, pubblica screenshot di un messaggio d’errore restituito nel tentativo di comunicare con il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate.

Non è possibile concludere l’operazione. Il servizio non è al momento disponibile. Si prega di riprovare più tardi.

C’è poi chi ricorda che in realtà per tutti coloro che hanno avuto a che fare con la PA l’obbligo è in vigore ormai da anni…

… e chi invece la prende con ironia.

Per l’Agenzia delle Entrate nessun problema

È un quadro ben diverso quello dipinto dalla Agenzia delle Entrate, che sul proprio sito ufficiale ha pubblicato un comunicato stampa in cui si afferma che in meno di tre giorni sono già state scambiate un milione e mezzo di eFatture, senza che sia stato riscontrato alcun problema: insomma, per l’AdE non c’è da archiviare alcuna anomalia né rallentamento nell’interazione con il Sistema di Interscambio.

A partire dal primo gennaio 2019, sul sistema di interscambio (Sdi) sono già transitate quasi un milione e mezzo di fatture elettroniche senza che il partner tecnologico Sogei abbia rilevato alcun problema tecnico o rallentamenti. Anche i centri multicanale dell’Agenzia non hanno ricevuto segnalazioni di malfunzionamenti. Per il 97% dei documenti inviati è stata già resa disponibile la ricevuta dell’invio prima degli ordinari cinque giorni previsti dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Secondo l’Agenzia delle Entrate, quindi, l’esordio è stato un successo. Professionisti ed associazioni di categoria non sono esattamente sulla stessa frequenza, ma c’è tempo per capirsi e per rivalutare il sistema al netto di eventuali sbavature iniziali. Del resto la lunga strada della Fattura Elettronica inizia solo ora.

Fonte: Agenzia delle Entrate

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pippo scrive:
    sono 5 giorni che attendo di ricevere 2 fatture e che siano consegnate quelle emesse. rimpiangeremo le poste italiane quando consegnavano quelle cartacee negli anni 90?
  • Massimo scrive:
    Quando abitavo in Italia ho fatto qualche fattura elettronica alla PA: un vero XXXXXX, il programma è fatto coi piedi e mi ci è voluto molto tempo per farla. Adesso uso la fattura elettronica in Portogallo: semplicissima, si riesce a fare senza problemi al primo colpo. Quindi il problema non è la fattura elettronica, ma gli incompetenti che sviluppano il software conl la mentalità del burocrate, rendendo complicate le cose semplici. Come tutte le norme e le procedure italiane.
Chiudi i commenti