Mancano ormai solo pochi giorni all’entrata in vigore della normativa che rende obbligatoria la Fattura Elettronica, mandando così definitivamente in pensione la sua più tradizionale alternativa cartacea. Una misura introdotta al fine di contrastare il fenomeno dell’evasione e le frodi, promettendo maggiore trasparenza e un’ottimizzazione del processo di gestione dei documenti, che però sta creando qualche grattacapo alle imprese e al popolo delle Partite IVA.

Fattura Elettronica: i servizi gratuiti

A quale piattaforma o software affidarsi? Quanto costa? Come funziona il Sistema di Interscambio approntato dal Fisco? Tutte perplessità più che lecite, considerando anche i molti appelli per una proroga sollevati da più parti: al momento non è previsto alcun rinvio, la scadenza rimane fissata per l’1 gennaio 2019, nonostante i dubbi sollevati dal Garante Privacy in merito alle modalità di trattamento dei dati.

Forse non tutti lo sanno, ma l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione alcuni servizi gratuiti per ridurre al minimo l’impatto sul proprio business legato all’adozione della Fattura Elettronica. Facciamo riferimento a quanto riportato sul sito ufficiale dell’AdE.

Per rendere il processo di fatturazione elettronica più semplice e sfruttare al massimo i suoi vantaggi in termini di efficientamento delle attività amministrative, l’Agenzia delle Entrate ha predisposto una serie di servizi (totalmente gratuiti per gli utenti) per predisporre, trasmettere, consultare e conservare le fatture elettroniche.

Sono tre gli strumenti necessari per predisporre una Fattura elettronica:

  • una procedura Web utile anche per la trasmissione del documento, accessibile mediante il portale Fatture e Corrispettivi dell’Agenzia;
  • un software di compilazione da scaricare e installare sul proprio computer, per predisporre e salvare i file relativi alle fatture;
  • l’applicazione FatturAE disponibile in download per dispositivi mobile con sistema operativo Android e iOS.

FatturAE, screenshot per l'applicazione Android

L’inserimento delle credenziali in fase di login è necessario al fine di garantire un’adeguata tutela delle informazioni contenute nelle fatture. L’autenticazione può avvenire mediante SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), tramite CNS (Carta Nazionale dei Servizi) oppure mediante il codice ottenuto con la registrazione a Fisconline o Entratel.

Per quanto riguarda il software destinato ai computer, come si legge nella guida in PDF alla procedura di Compilazione Fattura Elettronica, i file XML generati devono poi essere trasmessi al Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate, seguendo le regole tecniche previste. Il nome del documento sarà “ITCodiceFiscale_12345.xml”.

Focalizzando invece l’attenzione sull’applicazione FatturAE, consente di generare il documento direttamente dal proprio smartphone o tablet, procedendo poi immediatamente all’invio verso il SdI.

L’Agenzia delle Entrate è stata chiara in tal senso: i servizi messi a disposizione offrono un pacchetto elementare di opzioni, un bouquet essenziale con cui muovere i primi passi tra le fatture elettroniche senza dover incorrere in alcun onere. Ognuno potrà quindi scegliere per sé quale possa essere la miglior soluzione da adottare sia tra le opzioni gratuite, sia tra quelle a pagamento. L’offerta del Fisco definisce così una soluzione minima e standard (sicuramente inadatta per qualsivoglia azienda un minimo strutturata), una base di partenza che possa fungere da benchmark per la valutazione nell’opportunità di far proprio un qualche servizio a pagamento.

Fonte: Agenzia delle Entrate

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Io scrive:
    Consigli: - un software di compilazione Da scaricare e guardare. Una vera esperienza di ritorno al passato (anni 80 circa) - l’applicazione FatturAE Da non perdere le recensioni di chi l'ha provata.
Chiudi i commenti