Bordata FCC a Huawei e ZTE: minacciano gli USA

Un documento pubblicato dalla Federal Communications Commission mette nero su bianco la posizione degli Stati Uniti nei confronti delle due società.
Un documento pubblicato dalla Federal Communications Commission mette nero su bianco la posizione degli Stati Uniti nei confronti delle due società.

Arriva dai vertici FCC l’ennesima dura presa di posizione nei confronti di Huawei e ZTE: le due società sono state definite “minacce per la sicurezza nazionale” poiché ritenute vicine al governo di Pechino e alle presunte operazioni messe in campo dal paese asiatico con finalità di spionaggio.

Huawei e ZTE pericoli per la sicurezza secondo FCC

Una delle conseguenze impone agli operatori USA il divieto di far leva sul denaro stanziato nello Universal Service Fund per acquistare componenti e tecnologie da destinare alle reti di comunicazione, a partire dai network 5G. Queste le parole del commissario Brendan Carr.

Non possiamo considerare Huawei e ZTE come qualcosa meno di una minaccia per la nostra sicurezza collettiva. La Cina comunista intende sorvegliare le persone entro i nostri confini e avviare uno spionaggio industriale su larga scala. Proibire l’uso delle componenti sovvenzionate di Huawei e ZTE nelle nostre reti potrebbe risolvere questo serio problema di sicurezza nazionale. Dopotutto la legge cinese non limita in modo deciso il regime comunista e la sua natura autoritaria.

Un pronunciamento in linea con quello del Dipartimento del Commercio che di recente ha prorogato il termine del ban imposto lo scorso anno a Huawei e ZTE con l’inclusione nella Entity List fino al maggio 2021. Prosegue Carr.

L’America ha voltato pagina rispetto al timido e debole approccio alla Cina comunista adottato in passato. Ora siamo mostrando la forza necessaria ad affrontare le sue minacce. E i nostri sforzi non si fermeranno qui. FCC continuerà a muovere i passi necessari per garantire che le comunicazione delle reti americane siano al sicuro da attori malevoli che vorrebbero danneggiarci.

Prosegue anche a livello internazionale la discussione sul coinvolgimento di Huawei nella realizzazione delle reti mobile di prossima generazione. La decisione è tornata a essere in bilico anche nel Regno Unito dove il gruppo di Shenzhen ha appena annunciato l’intenzione di realizzare un nuovo centro di ricerca e sviluppo con un investimento economico quantificato in un miliardo di sterline.

Fonte: FCC (PDF)
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti