Festival di Coachella: musica, arte e NFT

Festival di Coachella: musica, arte e NFT

Una serie di NFT anche per il Coachella Valley Music and Arts Festival: sono già in vendita sul marketplace allestito per l'occasione da FTX US.
Una serie di NFT anche per il Coachella Valley Music and Arts Festival: sono già in vendita sul marketplace allestito per l'occasione da FTX US.

Poteva forse una delle manifestazioni culturali che più hanno fin qui accolto le avanguardie artistiche chiudere le porte agli NFT? Certo che no. Ecco dunque che anche il festival di Coachella abbraccia il trend del momento, mettendo in vendita una serie di asset digitali dedicati alla kermesse.

NFT anche per il festival di Coachella

Lo fa attraverso un marketplace già online grazie alla collaborazione con FTX US, realtà che gestisce l’iniziativa mediante un’infrastruttura decentralizzata definita sostenibile dal punto di vista dell’impatto ambientale.

All’asta fin da subito la Keys Collection. Si tratta di una serie composta da dieci Non-Fungible Token che metterà nelle mani degli acquirenti biglietti a vita per l’accesso a concerti, mostre ed esibizioni, oltre ad alcuni extra come la possibilità di assistere agli show in prima fila e incontri con le celebrità. Una parte dei proventi sarà donata alle associazioni Give Directly, Lideres Campesinas e Find Food Bank.

Alcuni degli NFT dedicati al festival di Coachella

Ne saranno messi in vendita altri 1.000 al prezzo di 180 dollari che consentiranno ai possessori di allungare le mani su un volume fotografico (cartaceo). Ancora, ulteriori 10.000 da 60 dollari saranno in qualche modo legati a immagini e suoni catturati durante l’evento.

Il Coachella Valley Music and Arts Festival tornerà dal vivo in primavera (dal 15 al 24 aprile) con l’edizione 2022 in programma dopo due anni di stop a causa pandemia. Sui suoi palchi saliranno musicisti e band come Harry Styles, Lil Baby, Billie Eilish, Fatboy Slim e i Måneskin.

L’organizzazione è curata da Goldenvoice, sussidiaria del gruppo AEG Presents, che oltreoceano gestisce diversi impianti sportivi. Uno di questi è quello che da lungo tempo ospita le partite NBA delle due squadre di Los Angeles, i Laker e i Clippers: di recente è stato ribattezzato da Staples Center a Crypto.com Arena in seguito alla stretta di mano con il noto exchange di criptovalute per la sponsorizzazione.

Fonte: Coachella
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 2 feb 2022
Link copiato negli appunti