Flame? Non batte bandiera israeliana

Il governo israeliano smentisce ufficialmente l'idea che dietro la creazione del nuovo, complesso malware spione ci sia Gerusalemme. Il vice-primo ministro è stato male interpretato, dicono

Roma – Flame (o Flamer), la nuova cyber-minaccia che tanto sta facendo parlare di sé in questi giorni non è una creatura israeliana. La versione ufficiale del governo di Gerusalemme corregge il tiro delle parole diffuse dal vice-primo ministro Moshe Yaalon, mentre le società di sicurezza continuano ad analizzare il complesso malware.

Il coinvolgimento israeliano nella creazione al cyber-tool di spionaggio avanzato (cattura di password, screenshot periodico, audio e video dalla camera presente sul PC infetto e altro ancora) era stato indicato dagli esperti iraniani , e lo stesso Yaalon aveva dato adito a simili congetture con le sue dichiarazioni sulla faccenda.

Ma il vice-primo ministro è stato frainteso , sostengono ora i portavoce del governo israeliano, perché presupporre l’esistenza di governi occidentali con le capacità tecnico-economiche adeguate per finanziare Flame e lanciarlo contro le strutture informatiche dell’Iran – come Yaalon in effetti ha fatto – non significa in alcun modo attribuirsi la paternità dello sviluppo del malware.

Intanto la discussione su Flame continua: Kaspersky procede nella sua analisi dei complessi meccanismi interni della cyber-minaccia con struttura a plug-in spiegando nei dettagli le funzionalità dei vari moduli attualmente individuati nelle infezioni, mentre la discussione in rete più generalista tende a ridimensionare l’allarme (o la sua esclusività) lanciato dalla security enterprise moscovita, descrivendo Flame come l’ennesimo malware che fa cose già viste e osservate altrove.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vuoto scrive:
    winleaks
    Come per i singoli degli artisti famosi, il leak inopportuno del materiale diventa occasione per arrivare gratis sulle prime pagine dei media.Cosa che non sfugge agli uffici i PR.Trattandosi di MS, però, le probabilità di errore è perlomeno equivalente a quella di operazione pubblicitaria.
  • Il Solito Struzzo scrive:
    siete dei
    huahuahuhauahuhauhauhhhuahuahuahnegri.
  • Joe_Public scrive:
    I link delle immagini ISO
    Al seguente link ci sono le immagini ISOhttp://windows.microsoft.com/en-US/windows-8/iso
  • Zucca Vuota scrive:
    Visual Studio 11
    Non doveva chiamarsi 2011. In realtà tra versione interna e nome commerciale non c'è correlazione. Visual Studio 2012 è la versione 11.
  • J.M. scrive:
    già :)
    Anche da Flipboard c'è stato l'update proprio dopo cena, 31 Maggio. Stesso identico link :)
  • Trollone scrive:
    Anzi SI ?
    http://windows.microsoft.com/it-IT/windows-8/release-previewe da almeno 5 ore... :$
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Anzi SI ?
      - Scritto da: Trollone
      http://windows.microsoft.com/it-IT/windows-8/relea

      e da almeno 5 ore... :$La solita gran bella figura di PIhttp://www.youtube.com/watch?v=8KprwbkzeHA
Chiudi i commenti