Foxconn sposta la produzione degli iPhone in India

I prossimi iPhone di Apple verranno assemblati in India e non più in Cina: la dichiarazione arriva direttamente dai vertici di Foxconn.

Foxconn, il gruppo incaricato (tra gli altri) da Apple dell’assemblaggio di dispositivi come quelli della linea iPhone, ha annunciato che la produzione dei telefoni della mela morsicata si sposterà entro quest’anno dalla Cina all’India, più precisamente all’interno di un impianto allestito nella città di Chennai, sulla costa orientale del paese. A renderlo noto Terry Gou, fondatore e presidente della multinazionale taiwanese.

In futuro giocheremo un ruolo molto importante nell’industria indiana degli smartphone. Abbiamo spostato lì le nostre linee di produzione.

Foxconn produrrà gli iPhone in India

La decisione si inserisce in un quadro più ampio che ha visto Apple risentire nell’ultimo periodo di un rallentamento nelle vendite di iPhone e della crescita di concorrenti cinesi all’interno del mercato locale, Huawei e Xiaomi su tutti. L’India non è mai stato il territorio più redditizio per il gruppo di Cupertino, complice anche il prezzo dei telefoni non esattamente accessibile, ma concentrare lì la produzione consentirà di mantenere il costo finale più basso evitando di dover applicare le tasse per le importazioni.

Va inoltre considerato come, attualmente, la forza lavoro indiana abbia mediamente un costo pari a circa un terzo rispetto a quella cinese. Ancora, tenendo conto delle tensioni che in questo periodo caratterizzano i rapporti tra gli Stati Uniti e la Cina, la mossa potrebbe incontrare il parere favorevole delle istituzioni d’oltreoceano che guardano con crescente sospetto le attività di Pechino legate all’ambito hi-tech: le questioni legate alla fornitura di apparecchiature per il 5G lo dimostra.

Da precisare che già da tempo alcuni iPhone vengono assemblati in India, più precisamente all’interno di un impianto che sorge nella città di Bangalore, nel sud del paese. Si è trattato però finora di vecchi modelli, mentre le dichiarazioni odierne di Foxconn riguardano le nuove versioni che arriveranno sul mercato in futuro. Il gruppo gestisce inoltre negli stati di Andhra Pradesh e Tamil Nadu due stabilimenti dedicati alla realizzazione dei dispositivi Xiaomi e Nokia.

A livello globale, quello indiano è uno dei mercati in maggiore espansione per quanto concerne il segmento smartphone. Nel corso del 2018 ne sono stati acquistati oltre 140 milioni. Di questi, solo 1,7 milioni è a marchio Apple. Ciò testimonia quanto ancora siano ampi i margini di crescita nel paese per la mela morsicata.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    XXXXX miseria questa e' una notizia! La cina, quindi, e' diventata talmente "cara" che (per rimanere multimiliardari) sono "costretti" a spostare la produzione in india...
Fonte: Bloomberg
Chiudi i commenti