Frequenze TV, beauty contest al via

Mentre infuriano i rialzi nell'asta per il radiomobile, anche il processo di assegnazione (gratuito) di nuove frequenze televisive procede. Nessuno straniero si fa avanti

Roma – Con una breve nota , il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso nota la lista di 10 soggetti che hanno presentato domanda di assegnazione per nuove frequenze TV . Tutti e dieci sono già presenti, a vario titolo, sul mercato italiano: la domanda presentata non gli garantirà comunque l’assegnazione automatica dei lotti di frequenza, che sarà invece oggetto di una valutazione da parte di una commissione nell’ambito di un “beauty contest”. In ogni caso, nessun esborso è previsto per gli assegnatari .

I 10 nomi a cui fanno capo 17 domande sono i seguenti: Canale Italia SRL, Telecom Italia Media Broadcasting SRL, Elettronico Industriale SPA (per conto di Mediaset), Sky Italia, Prima TV SPA, Europa Way SRL, 3lettronica Industriale SPA (per conto di 3 Italia), RAI, Tivuitalia SPA, Dbox SRL.

La formula adottata , quella del beauty contest, prevede che la commissione esaminatrice delle domande (la cui nomina è in corso, fanno sapere dal Ministero) assegni a ciascun richiedente un punteggio in base a determinati requisiti tecnici e commerciali: strutture e infrastrutture esistenti (dipendenti, apparati trasmissivi ecc) costituiscono un vantaggio competitivo, così come precedente esperienza nel campo. Inevitabile , con questa formula, che i pezzi grossi del settore (ovvero RAI e Mediaset) risultino favoriti nella competizione per l’assegnazione dei lotti più pregiati. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • estraneo scrive:
    ...embè?
    no, sul serio, questo tipo era famoso per aver "inventato" una cosa banale come l'ebook? sai che roba... non ci voleva certo un genio, non l'avesse fatto lui ci avrebbe sicuramente pensato qualcun altro. il progetto gutenberg poi è praticamente morto, o sarebbe meglio dire che non ha mai preso il volo. ci sono siti specializzati mille volte più utili, chi l'ha mai usato gutenberg? quanti inutili sentimentalismi.
    • TheGynius scrive:
      Re: ...embè?
      il problema è che i troll non sanno leggere
    • vintage scrive:
      Re: ...embè?
      - Scritto da: estraneo
      no, sul serio, questo tipo era famoso per aver
      "inventato" una cosa banale come l'ebook? sai che
      roba... non ci voleva certo un genio, non
      l'avesse fatto lui ci avrebbe sicuramente pensato
      qualcun altro. il progetto gutenberg poi è
      praticamente morto, o sarebbe meglio dire che non
      ha mai preso il volo. ci sono siti specializzati
      mille volte più utili, chi l'ha mai usato
      gutenberg? quanti inutili
      sentimentalismi.Se fosse oggi ok, ma lui l'ha fatto nel 71Lo sai com'era l' informatica a quei tempi
      • estraneo scrive:
        Re: ...embè?
        nel 71 l'uomo era già andato sulla luna, dovrei stupirmi per un ebook?
        • logicaMente scrive:
          Re: ...embè?
          - Scritto da: estraneo
          nel 71 l'uomo era già andato sulla luna, dovrei
          stupirmi per un
          ebook?Tu, nel '71, cosa avevi già inventato esattamente? :-o
    • logicamente non loggato scrive:
      Re: ...embè?
      - Scritto da: estraneo
      no, sul serio, questo tipo era famoso per aver
      "inventato" una cosa banale come l'ebook? sai che
      roba... non ci voleva certo un genio, non
      l'avesse fatto lui ci avrebbe sicuramente pensato
      qualcun altro. :-o http://it.wikipedia.org/wiki/Uovo_di_Colombo <i
      Quando gli astanti protestarono dicendo che lo stesso avrebbero potuto fare anche loro, Colombo rispose: «La differenza, signori miei, è che voi avreste potuto farlo, io invece l'ho fatto!». </i

      il progetto gutenberg poi è
      praticamente morto, o sarebbe meglio dire che non
      ha mai preso il volo.http://www.gutenbergnews.org/statistics/
      ci sono siti specializzati
      mille volte più utili, chi l'ha mai usato
      gutenberg? Qualcuno, non troppo troll, sufficientemente alfabetizzato.
      • estraneo scrive:
        Re: ...embè?
        già, infatti colombo è ricordato soprattutto per il suo uovo... hhm, no
        il problema è che quando i bimbiminkia non hanno argomenti, cominciano a vedere troll dappertutto :rolleyes:odio ripetermi, ma quando ci vuole ci vuolemai usato gutenberg in tutti questi anni o conosciuto qualcuno che ne faccia uso. a confronto la mia cartella "ebooks" è la biblioteca d'alessandria...il "padre dell'ebook" ha praticamente la stessa importanza del "padre del post-it"
        • logicaMente scrive:
          Re: ...embè?
          - Scritto da: estraneo
          già, infatti colombo è ricordato soprattutto per
          il suo uovo... hhm,
          noForse, se leggessi un po' di più, potresti arrivare a capire il senso di ciò che ti ho scritto. O forse no.
          odio ripetermi, ma quando ci vuole ci vuoleecco un altro che si autoquota... :-o

          mai usato gutenberg in tutti questi anni o
          conosciuto qualcuno che ne faccia uso. a
          confronto la mia cartella "ebooks" è la
          biblioteca
          d'alessandria...Dovresti leggerli, i libri, oltre che raccoglierli nelle cartelle: vedresti rapidamente dei cambiamenti sorprendenti nel tuo modo di vedere certe questioni.
          il "padre dell'ebook" ha praticamente la stessa
          importanza del "padre del
          post-it"Punto di vista legittimo. Che non condivido.
        • jex scrive:
          Re: ...embè?
          - Scritto da: estraneo
          già, infatti colombo è ricordato soprattutto per
          il suo uovo... hhm,
          no


          il problema è che quando i bimbiminkia non
          hanno argomenti, cominciano a vedere troll
          dappertutto
          :rolleyes

          odio ripetermi, ma quando ci vuole ci vuole

          mai usato gutenberg in tutti questi anni o
          conosciuto qualcuno che ne faccia uso. a
          confronto la mia cartella "ebooks" è la
          biblioteca
          d'alessandria...


          il "padre dell'ebook" ha praticamente la stessa
          importanza del "padre del
          post-it"Ma pensa al tuo di padre. Da quello che stai scrivendo direi che sia solo i padre di un inutile trollino.
        • Kamui scrive:
          Re: ...embè?
          - Scritto da: estraneo
          mai usato gutenberg in tutti questi anni o
          conosciuto qualcuno che ne faccia uso. a
          confronto la mia cartella "ebooks" è la
          biblioteca
          d'alessandria...
          E sarà difficile che ne trovi qualcuno tra gli analfabeti del tuo livello. Io l'ho usato spesso e ringrazio Dio che ci sia. Ed Hart, tra l'altro. Riposi in pace.
    • Boiafaus scrive:
      Re: ...embè?
      - Scritto da: estraneo
      no, sul serio, questo tipo era famoso per aver
      "inventato" una cosa banale come l'ebook? sai che
      roba... non ci voleva certo un genio, non
      l'avesse fatto lui ci avrebbe sicuramente pensato
      qualcun altro. il progetto gutenberg poi è
      praticamente morto, o sarebbe meglio dire che non
      ha mai preso il volo. ci sono siti specializzati
      mille volte più utili, chi l'ha mai usato
      gutenberg? quanti inutili
      sentimentalismi.Fai un favore al pianeta: estinguiti.
      • estraneo scrive:
        Re: ...embè?
        ma sghiacciati...
      • gomez scrive:
        Re: ...embè?
        - Scritto da: Boiafaus
        - Scritto da: estraneo

        no, sul serio, questo tipo era famoso per
        aver

        "inventato" una cosa banale come l'ebook?
        sai
        che

        roba... non ci voleva certo un genio, non

        l'avesse fatto lui ci avrebbe sicuramente
        pensato

        qualcun altro. il progetto gutenberg poi è

        praticamente morto, o sarebbe meglio dire
        che
        non

        ha mai preso il volo. ci sono siti
        specializzati

        mille volte più utili, chi l'ha mai usato

        gutenberg? quanti inutili

        sentimentalismi.

        Fai un favore al pianeta: estinguiti....possibilmente prima di riprodurtiMauro
    • superman scrive:
      Re: ...embè?
      - Scritto da: estraneo
      no, sul serio, questo tipo era famoso per aver
      "inventato" una cosa banale come l'ebook? sai che
      roba... non ci voleva certo un genio, non
      l'avesse fatto lui ci avrebbe sicuramente pensato
      qualcun altro. il progetto gutenberg poi è
      praticamente morto, o sarebbe meglio dire che non
      ha mai preso il volo. ci sono siti specializzati
      mille volte più utili, chi l'ha mai usato
      gutenberg? quanti inutili
      sentimentalismi.e tu, oltre ad occupare un volume e consumare risorse, di cosa di occupi?
  • bubba scrive:
    Micheal, Bill Gates e i mainframe
    Che differenze! Micheal Hart, che nel 1971, aveva acXXXXX senza limiti di tempo a un mainframe , pensava di trascrivervi libri per il bene comune.Lo zio billy, sia alle superiori che ad Harward ,abusava del PDP-10 (il "mini" mainframe) per i suoi monetari bisogni personali (vendere software).
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Grazie Michael
    Grazie Michael.Coloro che si spendono per rendere fruibile a tutti la Cultura mettono ancora più in evidenza lo schifo della mercificazione della Conoscenza. <b
    http://www.gutenberg.org </b
    P-)
  • ciccio pasticcio quello vero scrive:
    un grazie dal profondo del cuore
    ragazzi, ci vorrebbero più persone come lui, che lavorano per migliorare il mondo in cui viviamo invece di pensare solo al profitto, come purtroppo accade.
    • Grauso scrive:
      Re: un grazie dal profondo del cuore
      - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
      ragazzi, ci vorrebbero più persone come lui, che
      lavorano per migliorare il mondo in cui viviamo
      invece di pensare solo al profitto, come
      purtroppo
      accade.(vedi Apple)
    • panda rossa scrive:
      Re: un grazie dal profondo del cuore
      - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
      ragazzi, ci vorrebbero più persone come lui, che
      lavorano per migliorare il mondo in cui viviamo
      invece di pensare solo al profitto, come
      purtroppo
      accade.Parole al vento!Per fortuna noi sappiamo che ci sono ancora persone cosi'.Ma e' del tutto inutile dialogare con coloro che utilizzano il denaro per misurare qualunque cosa.
Chiudi i commenti