GAIA-X, il cloud europeo prende forma

Sotto il nome GAIA-X si cela l'insieme di prescrizioni e standard sui quali prenderà forma il cloud europeo a cui molte aziende stanno aderendo.
Sotto il nome GAIA-X si cela l'insieme di prescrizioni e standard sui quali prenderà forma il cloud europeo a cui molte aziende stanno aderendo.

L’Europa sta per gettare le basi di un ambizioso piano continentale per il cloud che affonda le radici nel concetto di “sovranità digitale”: dati sicuri, all’interno di una rete confederata sulla quale lavorare congiuntamente attraverso standard elevati a cui possano aderire tutte le aziende interessate.

GAIA-X, primi passi verso il cloud europeo

La bontà del progetto sta proprio nel calibro e nel numero delle adesioni, poiché la squadra inizia a farsi numerosa ed attorno al nome GAIA-X sta per nascere davvero un laboratorio cloud di ampio respiro per l’ecosistema digitale europeo. Aderire a Gaia-X significa candidarsi ad operare sul cloud europeo, rispondendo alle regole imposte e potendo pertanto rientrare in bandi, progetti e prospettive di investimenti per i prossimi anni. Esserci, insomma, può valere miliardi, ma al tempo stesso richiede il rispetto dei paradigmi imposti a livello europeo per garantire al cloud del vecchio continente massima solidità e massime performance con un punto fermo a capo di tutto: GAIA-X nasce e cresce come un progetto con un baricentro fortemente europeo.

Tra gli aderenti della prima ora ecco far capolino anche l’italiana Aruba, proprio in queste ore. Così Stefano Cecconi, Amministratore Delegato:

Siamo consapevoli di quanto i dati rappresentino una risorsa strategica per ogni realtà aziendale: GAIA-X si propone di dettare un nuovo standard europeo per la creazione e l’erogazione di servizi cloud ideali per la conservazione, gestione ed elaborazione dei dati di imprese e cittadini. Questo mira a rafforzare l’innovazione e l’adozione del cloud computing favorendo al tempo stesso la sovranità digitale europea. Abbiamo aderito con entusiasmo al progetto perché crediamo che qualunque servizio erogato a cittadini e imprese – italiani o europei – debba rispettare le stesse leggi, gli stessi principi e lo stesso standard tecnico in modo da garantire la totale interoperabilità tra gli operatori aderenti a tutto vantaggio degli utenti.

A partire da inizio 2021 il progetto muoverà i primi passi diramando gli standard da cui avrà inizio l’implementazione delle regole cloud continentali. In GAIA-X, però, non ci saranno soltanto prescrizioni normative e standard tecnici: tra le maglie di questa documentazione emergerà l’impronta europea nel cloud, la sua identità essenziale ed il modo in cui vorrà plasmare quella sovranità digitale a cui tanto tiene. In ballo c’è molto di più del solo cloud, perché in ballo c’è il valore stesso dei dati che vi confluiranno.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

18 11 2020
Link copiato negli appunti