Giappone, bucato App Store?

Sono almeno 50 gli utenti nipponici colpiti nella carta di credito. Trafugate le credenziali d'accesso allo store della Mela, successivamente sfruttate per acquisti fraudolenti. Come è successo?

Roma – Una fitta pioggia di lamentele, caduta all’improvviso sulle board di discussione dell’App Store in terra nipponica. E sono stati almeno 50 gli utenti di Apple che hanno denunciato lo sfruttamento fraudolento delle proprie credenziali d’accesso allo store virtuale della Mela .

Colpa di un misterioso gruppo di hacker – fonti locali hanno puntato il dito verso il celebre collettivo degli Anonymous , ma è una supposizione attualmente priva di conferma – che sarebbe riuscito a trafugare ID e password per poi effettuare indebiti acquisiti a mezzo mobile .

Stando alle ricostruzioni riportate dalla stampa giapponese, gli hacker avrebbero sfruttato le credenziali d’accesso per acquistare i più svariati optional del gioco cinese Mingzhu Sanguo OL . La relativa app videoludica era infatti stata lanciata alla fine dello scorso aprile, in modalità free download .

Gli stessi utenti giapponesi – sembra che dal Sol Levante vengano tutte le vittime dell’attacco – hanno quindi denunciato perdite di circa mille yen a testa (intorno ai 10 euro) . C’è chi ha contattato Apple e ricevuto un rimborso. Gli account denunciati direttamente alla Mela sono stati bloccati.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti