Giappone, il robot che solleva pesi umani

Si chiama RIBA e può trasportare un anziano da un letto ad una sedia a rotelle. Fino a 40 volte al giorno e con un massimo di 80 chilogrammi di peso. Aiuterà ad assistere i 6 milioni di anziani previsti per il 2015

Roma – C’è chi l’ha paragonato ad un gigantesco orsetto, intento a sollevare con entrambe le braccia una persona anziana. È RIBA ( Robot for Interactive Body Assistance ), il nuovo protagonista della scatenata ricerca robotica in terra nipponica.

Un robot capace di sollevare una persona fino ad 80 chilogrammi di peso, affetta da gravi problemi motori o comunque troppo anziana per deambulare normalmente . L’orsetto gigante è stato realizzato dagli ingegneri robotici del centro ricerche giapponese RIKEN .

In sostanza, RIBA è stato progettato per trasportare un anziano e/o paziente da un letto ad una sedia a rotelle e vorrebbe rappresentare la nuova frontiera nella robotica che curerà il genere umano, considerati i quasi 6 milioni di anziani previsti tra la popolazione giapponese nel 2015 .

Capace di sollevare una persona fino a 40 volte al giorno , RIBA è stato realizzato con supporti di rinforzo negli arti superiori e nella schiena. Unico neo, il prezzo. Per averlo bisognerà sborsare l’equivalente di circa 55mila euro .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sandro kensan scrive:
    Creata voce Giovanni Fava su Wikipedia
    come da oggetto:http://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_FavaCitata la sua proposta di legge. Se avete modo completate la voce.Edit: voce cancellata dagli amministratori.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 agosto 2011 20.07-----------------------------------------------------------
  • Zuffolo 2.0 scrive:
    Parità per tutti i servizi !
    - Be.... allora Società Autostrade a parità deve pagare i danni da incidente stradale, indifferentemente di chi sia la colpa.
    • krane scrive:
      Re: Parità per tutti i servizi !
      - Scritto da: Zuffolo 2.0
      - Be.... allora Società Autostrade a parità deve
      pagare i danni da incidente stradale,
      indifferentemente di chi sia la colpa.E le fabbriche di armi ?
      • Sgabbio scrive:
        Re: Parità per tutti i servizi !
        e di utensili da lavoro e di cucina ?E di computer ?Masterizzatori ?Supporti vergini ?Dei linguaggi di programmazione ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Parità per tutti i servizi !
          E le case XXXXXgrafiche?
          • CastigaTrol l scrive:
            Re: Parità per tutti i servizi !
            - Scritto da: Anonimo
            E le case XXXXXgrafiche?E la mamma di Berlusconi e compagnucci belli??
          • Ruttolo scrive:
            Re: Parità per tutti i servizi !
            - Scritto da: Anonimo
            E le case XXXXXgrafiche?E la mamma del nano? E di tutti i suoi accoliti? ;)
  • Who scrive:
    A futura memoria
    http://www.camera.it/29?shadow_deputato=302153
  • Alessio scrive:
    Leghisti...
    Sta gente è diventata famosa mettendosi l'elmo con le corna e facendo giuramenti davanti all'ampolla del dio Po. Come volete pretendere che da queste zucche vuote escano delle proposte di legge sensate o che non siano finalizzate a sottomettere la gente a 90° agli interessi di qualche vampiro?
    • Quotator Maximus scrive:
      Re: Leghisti...
      - Scritto da: Alessio
      Sta gente è diventata famosa mettendosi l'elmo
      con le corna e facendo giuramenti davanti
      all'ampolla del dio Po. Come volete pretendere
      che da queste zucche vuote escano delle proposte
      di legge sensate o che non siano finalizzate a
      sottomettere la gente a 90° agli interessi
      di qualche
      vampiro?QUOTO! :@
    • leker scrive:
      Re: Leghisti...
      tutte le leggi che fanno sono o per i loro amici o per qualche lobby, mai una che sia una a favore del cittadino.- Scritto da: Alessio
      Sta gente è diventata famosa mettendosi l'elmo
      con le corna e facendo giuramenti davanti
      all'ampolla del dio Po. Come volete pretendere
      che da queste zucche vuote escano delle proposte
      di legge sensate o che non siano finalizzate a
      sottomettere la gente a 90° agli interessi
      di qualche
      vampiro?
  • VittorioM scrive:
    2 pesi 2 misure
    quindi con questa legge teoricamente (perché praticamente non cambierà nulla) non sarà possibile comprare all'estero prodotti "la cui commercializzazione è riservata a canali autorizzati" quindi, seguendo lo stesso principio, se io prendo la mia auto e vado in Austria a comprare una medicina la Società Autostrade deve mettere delle puntine da disegno sulla strada per impedirmelo.
  • uno scrive:
    Vetusti
    Possono continuare a ragionare e a condurre i loro business come proprietari terrieri di fine ottocento, alla fine la rivoluzione telematica avrà la meglio. Censurare internet in questo modo ha la stessa utilità di svuotare il mare con un colino e li rende altrettanto ridicoli. Il tempo saprà dire
  • W.O.P.R. scrive:
    Legge stupida e inutile
    Gli ISP faranno solo il minimo indispensabile richiesto (giustamente) e sarà quindi molto facile aggirare gli ostacoli come lo è tuttora.In più questo si ritorcerà contro a quelli che vogliono questa legge perchè anche gli utonti cominceranno a imparare come andare nei posti censurati.Magari loro pensano che su the pirate bay dall'italia non sia più possibile andare?(rotfl)(rotfl)
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Legge stupida e inutile
      - Scritto da: W.O.P.R.
      Magari loro pensano che su the pirate bay
      dall'italia non sia più possibile
      andare?(rotfl)(rotfl)Repetita iuvant: http://tinyurl.com/nocensura
  • esprit scrive:
    Nomen omen
    Fava
  • FDG scrive:
    Una precisazione
    Si parla di farmaci contraffatti, cioè fasulli. Non facciamo confusione con i generici.Detto questo, il disegno di legge è un'idiozia dettata, spero, da ignoranza.
    • Ubunto scrive:
      Re: Una precisazione
      - Scritto da: FDG
      Si parla di farmaci contraffatti, cioè fasulli.
      Non facciamo confusione con i
      generici.No, si parla di:"la contraffazione, così come la vendita attraverso questi canali telematici di prodotti <u
      la cui commercializzazione è riservata a canali autorizzati </u
      (come i farmaci) - dice - ha assunto certamente un rilievo che non poteva essere previsto al momento dell'adozione della direttiva 2000/31/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'8 giugno 2000"E' sufficiente che la vendita/distribuzione di un prodotto sia IN ITALIA riservata a "canali autorizzati" affinché la norma abbia effetto.Più banalmente: se in Italia c'è un cartello distributivo, il contrasto alla sua elusione con l'acquisto all'estero viene affidato (in parte) agli ISP. Non è importante che il prodotto sia originale o no.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 agosto 2011 03.51-----------------------------------------------------------
      • topo gigio scrive:
        Re: Una precisazione
        - Scritto da: Ubunto
        - Scritto da: FDG

        Si parla di farmaci contraffatti, cioè
        fasulli.

        Non facciamo confusione con i

        generici.

        No, si parla di:
        "la contraffazione, così come la vendita
        attraverso questi canali telematici di prodotti
        <u
        la cui commercializzazione è riservata
        a canali autorizzati </u
        (come i farmaci)
        - dice - ha assunto certamente un rilievo che non
        poteva essere previsto al momento dell'adozione
        della direttiva 2000/31/CE del Parlamento europeo
        e del Consiglio, dell'8 giugno
        2000"

        E' sufficiente che la vendita/distribuzione di un
        prodotto sia IN ITALIA riservata a "canali
        autorizzati" affinché la norma abbia
        effetto.

        Più banalmente: se in Italia c'è un cartello
        distributivo, il contrasto alla sua elusione con
        l'acquisto all'estero viene affidato (in parte)
        agli ISP. Non è importante che il prodotto sia
        originale o
        no.
        --------------------------------------------------
        Modificato dall' autore il 04 agosto 2011 03.51
        --------------------------------------------------Praticamente se è come hai detto te,tipo nn potremmo' piu rivolegersi a siti esteri per comprare che ne so il latte per i bimbi (che all'estero costa molto meno che in italia).Ditemi che ho capito male?E cmq come al solito,ai ns politici,internet, nn va proprio giu' chissa perche'???
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Una precisazione
          - Scritto da: topo gigio
          Praticamente se è come hai detto te,tipo nn
          potremmo' piu rivolegersi a siti esteri per
          comprare che ne so il latte per i bimbi (che
          all'estero costa molto meno che in italia).Non so sinceramente se il latte per i bimbi rientra nel concetto di prodotti "la cui commercializzazione è riservata a canali autorizzati", di sicuro non vi rientrano gli omogeneizzati né i pannolini.
      • FDG scrive:
        Re: Una precisazione
        - Scritto da: Ubunto
        No, si parla di:
        "la contraffazione, così come la vendita
        attraverso questi canali telematici di prodotti
        la cui commercializzazione è riservata
        a canali autorizzati...Ok, non avevo letto bene. Si riferisce oltre che alla contraffazione, anche ai canali alternativi di distribuzione.Al di la del fatto che sia o meno lecito l'uso di questi canali, questo provvedimento è un'idiozia.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 agosto 2011 10.22-----------------------------------------------------------
  • Gino Er Nano scrive:
    Sempre in nome di qualcosa d'altro...
    ... vogliono limitarci la libertà. Prima le pedoXXXXXgrafia, poi il terrorismo, adesso il plagio dei medicinali. Mai che dicano chiaramente chi c'è dietro a queste proposte di legge: la lobby dei diritti d'autore!Ma abbiate almeno il coraggio di metterci la faccia. Abbiamo dei politici ridicoli.
    • francososo scrive:
      Re: Sempre in nome di qualcosa d'altro...
      - Scritto da: Gino Er Nano
      ... vogliono limitarci la libertà. Prima le
      pedoXXXXXgrafia, poi il terrorismo, adesso il
      plagio dei medicinali.

      Mai che dicano chiaramente chi c'è dietro a
      queste proposte di legge: la lobby dei diritti
      d'autore!
      Ma abbiate almeno il coraggio di metterci la
      faccia. Abbiamo dei politici
      ridicoli.Concordo !!! :s !!!
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Canali autorizzati = MONOPOLIO
    E il monopolio è male.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Canali autorizzati = MONOPOLIO
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      E il monopolio è male.per una volta guardiamo il lato buono della proposta di legge potremo portare n tribunale le tv pubbliche e PRIVATE che vendono immondizia e saranno loro a pagare...
    • say no scrive:
      Re: Canali autorizzati = MONOPOLIO
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      E il monopolio è male.permettimi una piccola integrazione:canali autorizzati = copyright = FURTO DEI BENI COMUNI DELLA CONOSCENZA E MONOPOLIO PER LEGGEcanali autorizzati = brevetti = FURTO DEI BENI COMUNI DELLA CONOSCENZA E MONOPOLIO PER LEGGEe oggi più che mai copyright e brevetti sono dei PILASTRI FONDAMENTALI importantissimi su cui si regge lo sfruttamento capitalista... alla faccia della concorrenza e del libero mercato...
      • Guybrush scrive:
        Re: Canali autorizzati = MONOPOLIO
        - Scritto da: say no
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato[...]
        e oggi più che mai copyright e brevetti sono dei
        PILASTRI FONDAMENTALI importantissimi su cui si
        regge lo sfruttamento capitalista... alla faccia
        della concorrenza e del libero
        mercato...Perdonami: concorrenza e libero mercato sono i pilastri del capitalismo.Il monopolio, qualunque tipo di monopolio, e' un nemico da eliminare (dal punto di vista del capitalismo).In teoria.In pratica le stesse aziende fanno azione di lobby sullo stato per difendere a colpi di legge i propri interessi DEL MOMENTO, fregandosene in scioltezza degli eventuali problemi dovuti agli effetti di medio e lungo periodo.GT
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Canali autorizzati = MONOPOLIO
          - Scritto da: Guybrush
          Perdonami: concorrenza e libero mercato sono i
          pilastri del capitalismo.Confondi tra capitalismo teorico e capitalismo attuato. Un errore che fanno molti col comunismo, tu l'hai spostato sul capitalismo.Il capitalismo teorico è quello dove tutti hanno uguale possibilità di arricchirsi in relazione alle proprie capacità. Quel capitalismo chiaramente favorisce la concorrenza e il libero mercato.Il capitalismo attuato è quello dove POCHI si arricchiscono a danno di tutti gli altri. Questo capitalismo viceversa favorirà i monopoli e in presenza di concorrenza forzata (magari da un garante) cercherà di creare dei cartelli o, se la concorrenza non gli sta bene (es pirateria), di forzare con sistemi mafiosi e lobbystici a creare delle leggi per impedirla o ostacolarla.
          • Guybrush scrive:
            Re: Canali autorizzati = MONOPOLIO
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: Guybrush

            Perdonami: concorrenza e libero mercato sono
            i

            pilastri del capitalismo.

            Confondi tra capitalismo teorico e capitalismo
            attuato. Un errore che fanno molti col comunismo,
            tu l'hai spostato sul
            capitalismo.Nono, so esattamente di cosa parlo, così come quando metto un bel distinguo tra Comunismo e Stalinismo.
            Il capitalismo teorico è quello dove tutti hanno
            uguale possibilità di arricchirsi in relazione
            alle proprie capacità.Quello è il capitalismo, o almeno uno dei suoi aspetti.
            Quel capitalismo
            chiaramente favorisce la concorrenza e il libero
            mercato.Il Capitalismo si fonda su concorrenza e libero mercato, tra le altre cose.
            Il capitalismo attuato è quello dove POCHI si
            arricchiscono a danno di tutti gli altri.Quella si chiama Plutocrazia.Plutos = non il cane di topolino, ma la "ricchezza" in termini economici.
            Questo
            capitalismo viceversa favorirà i monopoli e in
            presenza di concorrenza forzata (magari da un
            garante) cercherà di creare dei cartelli o, se la
            concorrenza non gli sta bene (es pirateria), di
            forzare con sistemi mafiosi e lobbystici a creare
            delle leggi per impedirla o
            ostacolarla.Togli capitalismo, metti plutocrazia (che e' una forma di governo piuttosto datata, ma sempre attuale) e torniamo d'accordo.E' un po' come definire "hacker" i cracker. I white hat si arrabbiano...GT
        • jaro scrive:
          Re: Canali autorizzati = MONOPOLIO
          - Scritto da: Guybrush

          Perdonami: concorrenza e libero mercato sono i
          pilastri del
          capitalismo.
          Il monopolio, qualunque tipo di monopolio, e' un
          nemico da eliminare (dal punto di vista del
          capitalismo).Il monopolio è una delle possibili conseguenze del libero mercato, mi sembra. Infatti per evitarlo si pongono dei limiti (leggi antitrust ecc.) O no?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Canali autorizzati = MONOPOLIO
            peccato che a volte quando c'è, non cercano nemmeno di distruggerlo (vedi microsoft).
Chiudi i commenti