Google Chrome dice quanta RAM risparmia ogni scheda

Google Chrome dice quanta RAM risparmia ogni scheda

La versione Canary di Google Chrome ha una nuova funzione che permette di scoprire il risparmio di RAM per le singole schede aperte.
La versione Canary di Google Chrome ha una nuova funzione che permette di scoprire il risparmio di RAM per le singole schede aperte.

Il fatto che Chrome sia un browser particolarmente avido di RAM non è assolutamente una novità e Google è praticamente sempre al lavoro per cercare di migliorare la situazione è offrire feature e strumenti che permettano di tenere sotto controllo il tutto. In virtù di ciò, è stata da poco implementata una nuova funzione che consente di scoprire i consumi di memoria delle schede aperte e il risparmio effettivo.

Google Chrome mostra il risparmio effettivo di RAM per le singole schede

La novità, identificata con il nome di “Memory Saver”, è stata aggiunta alla versione Canary di Chrome, motivo per cui tutti gli utenti che adoperano la suddetta versione del browser possono giù fruirne, mentre per l’implementazione nella relase stabile toccherà attendere, ammesso e non concesso che Google intenda davvero renderla disponibile per tutti, visto che Canary è una versione futura di Chrome, ancora in via di sviluppo, in cui le funzionalità appaiono e scompaiono di continuo e proprio per questo ritenuta instabile.

Per sfruttare la nuova funzione, dunque, occorre cliccare sull’icona apposita raffigurante un tachimetro che è visibile nella omnibar di Chrome. Dopo aver fatto ciò, si apre un riquadro indicante il risparmio di memoria effettivo per la scheda attiva, come dimostra lo screeenshot annesso di seguito che è stato condiviso da un utente su Reddit. Il riquadro contiene pure un collegamento alle impostazioni delle prestazioni.

Google Chrome

Da notare che una funzionalità simile è già disponibile su Edge, il browser di casa Microsoft che, analogamente a quello di “big G”, risulta basato su Chromium.

Fonte: Neowin
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 ott 2022
Link copiato negli appunti