Google colpisce Mine.nu. Affondato

Piove su BigG dopo il blocco di un nome a dominio e di tutti i siti che vi erano collegati, indipendentemente dai loro contenuti. Il blocco ora è rimosso ma le accuse non ancora

Roma – Google Safe Browsing , la funzionalità di blocco e prevenzione automatica dei tentativi di phishing a mezzo web implementata in Mozilla Firefox e nel neonato Chrome , consegna praticamente nelle mani di Mountain View il potere di vita e di morte per la visibilità dei siti web nei confronti di una fetta non trascurabile del popolo dei netizen. Quel potere che, come successo appena nelle ore scorse, può inibire l’accesso a milioni di siti web che condividano lo stesso nome di dominio, nel caso mine.nu .

Come segnala Slashdot , mine.nu è un dominio disponibile come DNS dinamico , e chiunque può ottenere un proprio sottodominio comprendente quello che fa appunto capo al dominio di primo livello della piccola nazione oceanica di Niue .

Tra i sottodomini di mine.nu esistono attualmente oltre un milione di indirizzi , e sono stati tutti inesorabilmente bloccati dal sistema anti-phishing di Google .

Nel blocco sono incappati anche noti siti di appassionati Linux come Hostfile Ad Blocking e Berry Linux Bootable CD . “Negli scorsi 90 giorni, mine.nu/ ha funzionato da intermediario per l’infezione di 183 siti inclusi culportal.info, mipt.ru, baikal-discovery.ru”, si legge sulla pagina diagnostica di Safe Browsing, e per quanto il dominio non sia “attualmente elencato come sospetto” Google ha beccato in circolazione migliaia di script, exploit e trojan .

Sia come sia, il falso positivo è durato poco, e ora il dominio incriminato sembra perfettamente raggiungibile in ogni sua propaggine. La discussione però è ancora furente, e c’è naturalmente chi parla dell’ennesimo segno del fatto che le chiavi di Internet non andrebbero messe nelle mani di una sola organizzazione – per di più privata e con il fine ultimo di macinare profitti come nel caso di Google.

Il falso positivo, dice qualcun altro, è “un’idea stupida” comunque, perché “sposta la responsabilità di buone pratiche di sicurezza dall’utente a qualche società che gestisca la blacklist. Quale incentivo c’è ad essere sospettosi dei siti a rischio se tanto puoi contare sul potente Google che ti porta per mano mentre navighi nel web? È lo stesso di quando qualcuno installa controlli parentali sulla propria macchina e dichiara la propria connessione Internet a misura di bambino “.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • H5N1 scrive:
    Per quanto ne so...
    ...non è facilissimo ottenere l'accesso ad un account yahoo.O meglio, è facile se chi lo usa è uno sprovveduto e cade nelle fauci di qualche phishing da strapazzo o qualche trojan evitabilissimo...E' chiaro che se si fosse prudenti abbastanza e se si usassero i minimi sistemi indispensabili ad avere un certo margine di sicurezza ciò non accadrebbe così semplicemente.Se tali tecniche non si adottano... un bel "mea culpa" è d'obbligo.
  • Bush Forever scrive:
    ed ora...
    ... il sogno dei sinistrosi italioti (quello di vedere l'abbronzato alla casa bianca) sfumerà come la neve al sole.Si chiama Casa Bianca ed è la casa dei bianchi.Se proprio Obama vuole, potrà ricostruire la Capanna dello Zio Tom e andarci a vivere assieme a 50cent...
    • marcov scrive:
      Re: ed ora...
      sei un troll o sei davvero contento di vedere al posto di comando una tapina che vorrebbe cancellare darwin e che usa una mail di yahoo non protetta
    • ripper scrive:
      Re: ed ora...
      - Scritto da: Bush Forever
      ... il sogno dei sinistrosi italioti (quello di
      vedere l'abbronzato alla casa bianca) sfumerà
      come la neve al
      sole.
      Si chiama Casa Bianca ed è la casa dei bianchi.
      Se proprio Obama vuole, potrà ricostruire la
      Capanna dello Zio Tom e andarci a vivere assieme
      a 50cent...[img]http://punto-informatico.it/images/emo/rotfl.gif[/img]
    • filosofo scrive:
      Re: ed ora...
      naaaaaaaaaaaa, non è possibile....hanno aperto la gabbia dove ti tenevano rinchiuso!casa bianca casa dei bianchi???questa è la trollata del millennio!vai a letto, che è tardi e la mamma ti sgrida!!!!!!!!!!!e poi dicono che il pc non fa male...TU NE SEI LA PROVA VIVENTE, poco vivente , cmq...
    • Rudy Giuliani aiutaci tu scrive:
      Re: ed ora...
      - Scritto da: Bush Forever
      ... il sogno dei sinistrosi italioti (quello di
      vedere l'abbronzato alla casa bianca) sfumerà
      come la neve al
      sole.
      Si chiama Casa Bianca ed è la casa dei bianchi.
      Se proprio Obama vuole, potrà ricostruire la
      Capanna dello Zio Tom e andarci a vivere assieme
      a
      50cent...Non sapevo che Bush fosse sinonimo di razzista, ignorante e vile. Lo dico sul serio perche' tutto si puo' affermare sui repubblicani, tranne che abbiano strette vedute. A quanto pare, pero', i repubblicani all'amatriciana italiana questo non lo sanno e prendono posizione senza motivo per tizio o caio come fosse un campionato di calcio. Quest'astio contro Barack Obama, oltre ad essere immotivato, e' talmente stupido che negli stessi USA non sarebbe tollerato. Che triste paese, l'Italia.Ad ogni modo... se esce fuori qualcosa di compromettente gli elefantini tenteranno di aprire un nuovo Watergate, poco ma sicuro...
    • Sphaso scrive:
      Re: ed ora...
      Don't feed the troll
    • sei patetico scrive:
      Re: ed ora...
      sei una persona patetica.veramente.
    • OBAMA 2008 scrive:
      Re: ed ora...
      - Scritto da: Bush Forever
      ... il sogno dei sinistrosi italioti (quello di
      vedere l'abbronzato alla casa bianca) sfumerà
      come la neve al
      sole.TI PIACEREBBE, EH?
  • Strega Abelarda scrive:
    nomen Omen, bellissimo!!!
    David Kernell!!!!SPETTACOLO! :D
Chiudi i commenti