Google deve svelare il futuro di Android

Mountain View entra in gioco nella causa tra Apple e Motorola: ed è costretta a rivelare i suoi piani per il proprio sistema operativo mobile

Roma – Nella causa che vede Apple contrapposta a Motorola le carte in tavola sono decisamente cambiate con l’avvicendamento di Google nella proprietà di quest’ultima: si trova a dover fare i conti con le richieste processuali di Cupertino.

In particolare, sembrerebbe che Google sia stata obbligata a mostrare i suoi prossimi piani relativi allo sviluppo della piattaforma Android : ad interessare la causa, i progetti di Mountain View relativi al recente acquisto di Motorola Mobility che forniscono l’impalcatura entro cui arricchire il suo impianto mobile di risorse per la produzione hardware.

Lo scontro Motorola-Apple è iniziato nel 2010, quando Cupertino ha depositato una denuncia per violazione di brevetti. Come ogni caso del genere, Motorola ha controdenunciato Apple e la vicenda è proseguita a suon di appelli.

Con l’ approvazione dell’accordo Motorola-Google da parte delle autorità europee e statunitensi, la questione ha portato Mountain View in prima fila nella battaglia brevettuale dichiarata da Apple (e Microsoft) contro Android: per questo Cupertino ha colto l’occasione per chiedere di essere informata a proposito dei piani di Mountain View e dei dettagli sul suo acquisto da 12,5 miliardi di dollari di Motorola.

Motorola ha cercato di respingere al mittente tale richiesta, affermando che si tratta di informazioni relative a Google, non soggetto della causa: il giudice sembra tuttavia aver dato ragione a Cupertino e ha chiesto a Google di fornire le informazioni su Android.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Silvio scrive:
    Non era nel framework la vulnerabilità
    Gli sviluppatori di Github non avevano sanitificato il mass assignent degli attributi utente, cosa permessa di default dal framework.
    • Internet Hate Machine scrive:
      Re: Non era nel framework la vulnerabilità
      Rello is that you?
    • bubba scrive:
      Re: Non era nel framework la vulnerabilità
      - Scritto da: Silvio
      Gli sviluppatori di Github non avevano
      sanitificato il mass assignent degli attributi
      utente, cosa permessa di default dal
      framework.mi sa che hai ragione... essendo (a leggere..) contorta la gestione degli attr, probabilmente è una buona occasione per rendere il (possible) problema piu' evidente e semplice da gestire...
Chiudi i commenti