Google e Facebook: non siamo custodi del web indiano

I giganti del web rivendicano il proprio ruolo da intermediari. Impossibile monitorare il continuo flusso dei contenuti postati dagli utenti. Ma l'Alta Corte di Nuova Delhi ha già minacciato blocchi in stile Cina

Roma – Erano stati bacchettati dall’Alta Corte di Nuova Delhi, accusati di aver permesso la proliferazione online di materiale osceno, diffamatorio, contrario ai principali credo religiosi . I vertici di Google, Microsoft, Facebook e Yahoo! – insieme ad altre 17 aziende operative sul web – dovranno presentarsi in aula entro la metà del prossimo marzo, nel tentativo di dimostrare la propria estraneità a certe condivisioni blasfeme sul web.

I rappresentanti legali della divisione indiana di BigG sono ora intervenuti davanti al giudice, rimarcando ancora una volta il ruolo da semplice intermediario interpretato dal colosso di Mountain View. Un motore di ricerca come quello gestito da Google si limiterebbe a reindirizzare gli utenti verso un determinato sito, non affatto responsabile delle attività condotte dagli utenti o dai vari webmaster .

Gli avvocati di Google India hanno inoltre sottolineato come il blocco dei siti web rischi seriamente di coinvolgere contenuti perfettamente legali . Ad esempio eliminando la parola sesso , spesso presente in documenti come liste elettorali e passaporti. Una visione condivisa dai vertici di Facebook: il social network in blu non potrebbe monitorare le attività degli iscritti sulla base delle rispettive fedi religiose.

In sostanza, gli intermediari della Rete hanno ancora una volta rivendicato il proprio ruolo da traghettatori delle masse dei netizen. Le autorità indiane hanno invece minacciato “blocchi in stile Cina”, data la presenza continua di contenuti pornografici e soprattutto contrari ai principi dell’Induismo, dell’Islam, del Cristianesimo.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti