Google e Microsoft, baruffa su YouTube

Ennesimo scontro per l'app YouTube dedicata a Windows Mobile. Microsoft se l'è vista bloccare di nuovo: solo a Redmond verrebbe imposta la barriera all'ingresso di HTML5

Roma – Solo poche ore concesse agli utenti Windows Phone per tornare ad apprezzare l’applicazione Microsoft per intrattenersi con YouTube: l’ app , rilasciata nei giorni scorsi, è stata bloccata da Google. Nonostante sia frutto della collaborazione dei due colossi dell’IT, l’app non risponde ai requisiti fissati da Mountain View.

L’applicazione di YouTube per Windows Phone rappresenta un tormentato capitolo della rivalità tra Google e Microsoft. Redmond lamenta da mesi un’operazione di boicottaggio che Google starebbe portando avanti impedendole di accedere alle funzionalità complete di YouTube in ambito mobile. Google, da parte sua, ha bocciato le applicazioni create da Microsoft, che contenevano funzionalità aggiuntive capaci di consentire agli utenti di scaricare i video e di sottrarsi alla pubblicità.


Nonostante Google e Microsoft si siano ripromesse nei mesi scorsi di lavorare insieme per creare un’app completamente basata su HTML5 in grado di offrire un’esperienza d’uso efficace su diversi dispositivi, il risultato è un’applicazione programmata con un linguaggio diverso e, a parere di Mountain View, continua a violare le condizioni d’uso : “Microsoft – ha spiegato un portavoce del Tubo – non ha fatto gli aggiornamenti del browser indispensabili per abilitare una esperienza di YouTube completa di tutte le funzioni”. Per questo motivo è stata rimossa.

Microsoft ha confermato il blocco e, se ha promesso collaborazione con Google con toni compassati nelle note alla stampa, si sfoga con un lungo post sul proprio blog ufficiale, vergato da David Howard, impegnato in questioni antitrust. La Grande M accusa Google di avere consapevolmente innalzato delle “barriere all’accesso impossibili da superare”.

Redmond punta il dito contro la presunta politica di openness sbandierata da Google, incoerente con le motivazioni del blocco dell’app di Microsoft, e si scaglia contro le condizioni svantaggiose poste nei confronti della sola Microsoft : per i dispositivi iOS e Android, nessun vincolo legato ad HTML5. Solo a Microsoft, che ha deciso di non realizzare la propria app in HTML5 perché troppo complesso e dispendioso in termini di tempo, Google contesta questa mancanza rendendo indisponibile l’app.

“Crediamo sia chiaro che Google semplicemente non voglia che gli utenti Windows Phone godano della stessa esperienza d’uso degli utenti Android e Apple – si legge nel post – e le loro contestazioni non sono altro che scuse”. Ma l’impegno di Microsoft per garantire un accesso alla pari ai propri utenti, si precisa, non può che spingere l’azienda a continuare a lavorare insieme a Mountain View per realizzare un’app inattaccabile in un prossimo futuro.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Raffaele Pizzari scrive:
    sea attacca nyt
    Ultimo controllo delle news prima di andare a dormire e mi imbatto in una notizia che mi fa passare il sonno: il #NewYorkTimes sotto attacco hacker da parte del #SEA.Il Syrian Electronic Army ha modificato alcuni dati di registrazione dei domini di Twitter, dellHuffington Post e del New York Times sembrandone in questo modo il proprietario.#siriahttp://raffaelepizzari.com/blog/news/new-york-times-sotto-attacco-hacker-da-parte-del-sea/
  • Sandro kensan scrive:
    Si capisce bene
    che la guerra in Siria è opera degli Stati Uniti D'america. Questi fanno una guerra ogni anno o ogni sei mesi.
    • Kambiz scrive:
      Re: Si capisce bene
      Tutto è opera degli Stati Uniti d'America. La guerra in Siria, ma anche la guerra civile in Egitto, la guerra in Sudan, la guerra civile in Tailandia di alcuni anni fa... Basta identificare il "cattivo", come nei film, e la politica internazionale diventa facile e ovvia come la sceneggiatura di un film western o di una telenovela.
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Si capisce bene
        - Scritto da: Kambiz
        Tutto è opera degli Stati Uniti d'America. La
        guerra in Siria, ma anche la guerra civile in
        Egitto, la guerra in Sudan, la guerra civile in
        Tailandia di alcuni anni fa...

        Basta identificare il "cattivo", come nei film, e
        la politica internazionale diventa facile e ovvia
        come la sceneggiatura di un film western o di una
        telenovela.Non sono solo gli USA ad essere i cattivi di turno ma loro sono proprio cattivissimi.In Siria vorrebbero fare una nofly zone ma per fortuna Putin (altro cattivo di turno) si oppone. In Egitto gli USA danno ogni anno più di un miliardo di dollari in finanziamenti all'esercito egiziano che è un loro battaglione oramai.In Sudan non sono aggiornato ma ci saranno mercenari americani o soldi per destabilizzare lo Stato, forse per via delle amterie prime?Comunque i film USA sono un'altra arma letale americana che rende più difficile alle persone normali credere che gli USA uccidano innocenti per avere il loro oro.Se Putin o Hu Jintao sono dei cattivi allora Obama è il super cattivo.
        • Kambiz scrive:
          Re: Si capisce bene


          Basta identificare il "cattivo", come nei
          film,
          e

          la politica internazionale diventa facile e
          ovvia

          come la sceneggiatura di un film western o
          di
          una

          telenovela.

          Non sono solo gli USA ad essere i cattivi di
          turno ma loro sono proprio
          cattivissimi.Sì sì sì. Tutti all'inferno gli americani, per espiare le gravissime colpe compiute da vivi.Invece ai popoli poveri e oppressi, per parafrasare un film di Elio Petri, "La classe operaia va in paradiso", sono accolti di diritto al settimo cielo.
          In Siria vorrebbero fare una nofly zone ma per
          fortuna Putin (altro cattivo di turno) si oppone.C'è il cattivo col cappello nero, e quello col cappello bianco. Per distinguerli meglio dagli altri.
          In Egitto gli USA danno ogni anno più di un
          miliardo di dollari in finanziamenti all'esercito
          egiziano che è un loro battaglione
          oramai.Ah, hai capito? Un tempo si era cattivi perché si teneva la ricchezza per sé, oggi si diventa cattivi anche a finanziare Paesi non molto ricchi: perché sono paesi con l'esercito, e l'esercito è cattivo.Ricetta per non essere cattivi: finanziate solo gli Stati che non hanno un esercito proprio. :-)
          In Sudan non sono aggiornato ma ci saranno
          mercenari americani o soldi per destabilizzare lo
          Stato, forse per via delle amterie
          prime?Gli americani ci sono <B
          sempre </B
          . Dietro, o anche davanti, o sopra ad ogni avvenimento che non piace. Hanno preso il posto del demonio secondo la visione degli esorcisti.
          Comunque i film USA sono un'altra arma letale
          americana che rende più difficile alle persone
          normali credere che gli USA uccidano innocenti
          per avere il loro
          oro.Tutto quadra. Esportate film americani in giro per il mondo, e tutti chiederanno di diventare membri della Nato. Magari tramite referendum. Che bello combattere per conto degli americani, i popoli non vedono l'ora. E oggi basta così poco...
          Se Putin o Hu Jintao sono dei cattivi allora
          Obama è il super
          cattivo.Perché solo Obama? Anche Washington, anche Lincoln, anche Roosevelt, anche JF Kennedy, per nominare i più famosi.
Chiudi i commenti