Google e tracciamento Safari, interviene la politica

I rappresentanti di Capitol Hill scrivono alla FTC affinché si interessi delle pratiche di tracciamento messe in atto da Mountain View

Roma – L’ennesima questione che coinvolge Google e le sue pratiche in materia di privacy e tracciamento online degli utenti si fa seria: uno sparuto gruppo di Rappresentati al Congresso statunitense ha ufficialmente scritto alla Federal Trade Commission (FTC) affinché metta sotto esame lo sfruttamento di un baco sul browser Safari per l’ installazione di cookie traccianti senza l’autorizzazione dell’utente.

Scrivono alla FTC i repubblicani Cliff Stearns (Florida) e Joe Barton (Texas), assieme al democratico Edward Markey (Massachusetts), esortando la commissione federale a rendere pubblici eventuali piani di investigazione (o a intraprenderne qualora non ce ne fossero ancora) in merito alla nuova violazione di Google dell’accordo con le autorità.

Mountain View e FTC avevano infatti già raggiunto un’intesa per regolarizzare le discusse pratiche in materia di privacy e tracciamento online, e la commissione potrebbe a questo punto aprire l’ennesima indagine dopo l’abuso del bug di Safari reso noto dal Wall Street Journal.
Google continua a difendersi ribadendo come il WSJ abbia fatto molto rumore per nulla, descrivendo come tracciamento non autorizzato quello che in realtà era solo l’utilizzo di una “nota funzionalità di Safari per fornire servizi che gli utenti Google avevano abilitati”.

In attesa di rispondere alle richieste della politica, la FTC ha comunque già dato il benservito a EPIC (Electronic Privacy Information Center): l’associazione pro-diritti digitali aveva trascinato la commissione davanti alla giustizia per bloccare l’entrata in vigore della nuova policy sulla privacy di Google. EPIC non ha il diritto di mettere becco nelle nostre indagini, ha risposto piccata la Commissione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Scola scrive:
    Questa non la sapevo...
    "L'uso di chip RF digitali, rispetto ai classici modelli analogici"...Ma va la'? prima il wifi era analogico? interessante....
Chiudi i commenti