Google Foto: personalizzazione dei ricordi grazie all'AI

Google Foto: personalizzazione dei ricordi grazie all'AI

Su Google Foto è in arrivo una nuova funzione che consente di personalizzare i contenuti generati nella sezione Ricordi sfruttando l'AI.
Google Foto: personalizzazione dei ricordi grazie all'AI
Su Google Foto è in arrivo una nuova funzione che consente di personalizzare i contenuti generati nella sezione Ricordi sfruttando l'AI.

Google Foto, il noto servizio di “big G” grazie al quale si possono archiviare, sincronizzare, modificare e gestire foto e video salvati sul proprio account e che su molti device Android rappresenta la galleria predefinita, si prepara ad accogliere una piccola ma tanto gradita novità che sfrutta l’AI.

Google Foto: intelligenza artificiale per i ricordi

Ben presto, infatti, Google Foto consentirà di generare ricordi costituiti da brevi video che riassumono le giornate andando a sfruttare l’intelligenza artificiale.

I ricordi sono in realtà una feature già disponibile, come sicuramente ben sapranno coloro che fanno uso assiduo di Google Foto, ma agisce in maniera del tutto automatica e non vi è possibilità di personalizzazione da parte dell’utente.

La cosa è comoda, perché non richiede alcuno sforzo da parte del fruitore, ma può rivelarsi al tempo stesso noiosa poiché non sempre vengono selezionati contenuti adatti. Con l’impiego dell’intelligenza artificiale, invece, il problema viene risolto egregiamente.

Grazie all’AI gli utenti potranno creare da zero dei ricordi sotto forma di brevi filmati, semplicemente accedendo alla sezione “Ricordi” nella schermata principale dell’app di Google Foto, definendo i vincoli per la ricerca delle immagini, come ad esempio persone presenti, luoghi, attività ecc., e attendere che la selezione degli scatti avvenga in base ai criteri determinati.

Una volta generato il video sarà possibile personalizzarlo andando a tagliarlo, riorganizzare le immagini in esso presenti o sostituirle con altre.

Da tenere presente che la nuova funzione è in distribuzione, ma come di consueto accade in queste circostanze potrebbe non essere immediatamente disponibile per tutti.

Fonte: Google
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 25 ott 2023
Link copiato negli appunti