Google Glass ricomincia da zero

Gli occhialini della realtà aumentata verranno completamente stravolti, dicono le indiscrezioni, e il pubblico non ne avrà sentore almeno fino a cose fatte. Il nuovo boss di Glass vuole così
Gli occhialini della realtà aumentata verranno completamente stravolti, dicono le indiscrezioni, e il pubblico non ne avrà sentore almeno fino a cose fatte. Il nuovo boss di Glass vuole così

Google Glass è stato “promosso” da prodotto sperimentale di Google X a gadget che merita l’attenzione di una divisione interna del colosso di Mountain View, e a quanto pare la promozione coincide con la scomparsa degli occhialini dedicati alla realtà aumentata dalla pubblica piazza per chissà quanti anni a venire.

Tony Fadell, responsabile domotica di Google a cui sono state affidate le cure del prodotto “rivoluzionario”, non avrebbe alcuna intenzione di mostrare al pubblico le future iterazioni di Glass.

Degli occhialini con schermo e connessione Internet integrati si tornerà a parlare pubblicamente solo quando Glass sarà diventato un prodotto “perfetto”, dicono i bene informati, e il raggiungimento di questo presunto stadio di perfezione include la necessità di riprogettare l’eyewear hi-tech da cima a fondo.

Addio quindi ai piani futuri già annunciati da Google, le partnership con Intel per l’uso dei chip SoC x86 e i nuovi design Luxottica che avrebbero dovuto fornire appeal a un prodotto che ha stentato a conquistare il pubblico.
D’ora in poi, lo sviluppo di Glass sarà solo un affare interno a Mountain View.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 02 2015
Link copiato negli appunti