Google mischia gli assi

Scambio di ruolo al vertice di Mountain View. Page (ri)diventa CEO, Schmidt presidente. Una ristrutturazione in vista dell'impegno mobile sempre più massicio?

Roma – Ristrutturazione ai piani alti del Googleplex: dal 4 aprile Eric Schmidt non sarà più CEO di Google, ruolo che verrà occupato da Larry Page; rimarrà a Mountain View come presidente esecutivo, mentre Sergey Brin si occuperà dei nuovi prodotti.

“Quando nel 2001 ho iniziato a far parte di Google non avrei mai immaginato, neanche nei miei sogni più sfrenati, che saremmo arrivati così lontano e così velocemente”, ha scritto Schmidt nel blog ufficiale di Google, come a voler fare un bilancio di questi quasi 10 anni. Anche Page ha sottolineato quanto fatto finora da Schmidt in una decade di crescita: “I risultati parlano da soli. Non c’è nessun CEO al mondo che sia riuscito a tenere due fondatori così cocciuti ancora profondamente coinvolti nel lavoro. È un fantastico leader da cui ho avuto innumerevoli lezioni”.

A spiegare l’avvicendamento al vertice è proprio il CEO dimissionario: “Con la crescita di Google, gestire gli affari è diventato più complicato. Così Larry, Sergey e io abbiamo parlato a lungo su come semplificare il management aziendale e velocizzare il processo decisionale e durante le vacanze abbiamo deciso che fosse il momento giusto per fare qualche cambiamento alla struttura organizzativa”. Ha quindi spiegato come si sono svolte in questi ultimi 10 anni le cose ai piani alti del Googleplex: una sorta di triumvirato con i due fondatori e l’esperto manager ugualmente coinvolti in tutte le decisioni, un processo che ha portato ad un reciproco arricchimento ma che con le grandi dimensioni raggiunte necessità ora di una ristrutturazione.

Il bisogno principale è quello di limitare alle questioni più importanti il triumvirato, dividendo per tutte le altre questioni le competenze tra i tre per campo di competenza : per delineare una linea di comando più diretta con un unico vertice e responsabilità ben chiarite. Dando poi un altro motivo alla decisione, Schimdt ha scritto ironicamente in un tweet che “la supervisione quotidiana di un adulto non è più necessaria”.

Larry Page si occuperà dello sviluppo di prodotti e strategie tecnologiche, diventando dal 4 aprile CEO di Google ; Sergey Brin si occuperà (con il titolo di “cofondatore”) dei progetti strategici (in particolare concentrandosi cioè sui nuovi prodotti); Schmidt, da parte sua, diventerà presidente esecutivo: oltre a fungere da consulente interno per i due fondatori, si occuperà del rapporti esterni (con altre aziende, ma anche con governi, con cui BigG si è recentemente trovata spesso ad interagire). Intanto Schmidt ha manifestato l’intenzione di vendere più di mezzo milione di azioni della compagnia (per un valore totale – secondo le valutazioni attuali – di circa 335 milioni di dollari), operazione che gli permetterà comunque di mantenere il 2,7 per cento di Google e il 9,1 percento di potere di voto.

Il cambio di ruoli, pur non essendo del tutto sconvolgente dato che i tre restano sempre le teste pensanti di Google, ha comunque preso in contropiede numerosi osservatori . Qualcuno ipotizza anche che Page rappresenti una soluzione transitoria in vista dell’arrivo di un nuovo volto per ricoprire il ruolo di CEO. Per altri , invece, è il ruolo di Schmidt come portavoce e volto esterno di Mountain View a preoccupare: al CEO dimissionario non vengono riconosciute, da questi, quelle doti diplomatiche necessarie al svolgere il ruolo. E gli vengono rinfacciate, in particolare, delle dichiarazioni fatte sulla privacy e sulla capacità di Google di raccogliere dati sui netizen.

La borsa ha comunque bene accolto la notizia a sorpresa: le azioni hanno guadagnato l’1,3 percento negli scambi immediatamente successivi. Anche perché anche la nuova trimestrale fa sorridere gli azionisti, abbagliati da un fatturato di 8,44 miliardi di dollari solo per l’ultimo quarto 2010 , con una crescita del 26 percento rispetto al corrispondente periodo 2009.

La ristrutturazione servirà soprattutto a focalizzare al meglio l’azienda sui nuovi obiettivi, visto che viene considerata ora una priorità a Mountain View, dopo aver conquistato una posizione dominante come motore di ricerca e per l’advertising online, il mercato mobile . Ai primi posti per gli sviluppi futuri del settore secondo Schmidt vi sono: la necessità di reti più veloci (una questione infrastrutturale non direttamente legata a BigG); lo sviluppo di introiti mobile (e l’accenno è soprattutto al mobile banking a cui Google ha già dimostrato di essere interessata); e l’incremento di disponibilità di smartphone a buon mercato per i paesi più poveri. E Brin, a quanto pare già calatosi nel ruolo di responsabile dei nuovi prodotti, nel corto dell’ultima conferenza ha parlato “di assi nelle maniche” in arrivo. Dimostrando che a Mountain View non si sono fermati anche mentre decidevano la rivoluzione ai piani alti.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fabio scrive:
    uff
    che palle!
  • poiuy scrive:
    Crittografia unidirezionale
    Ma usare le funzioni di crittografica "one-way" per le password non va più di moda?
    • peppe vincenti scrive:
      Re: Crittografia unidirezionale
      Ciao, cosa intendi per crittografia one way?
      • Gasogen scrive:
        Re: Crittografia unidirezionale
        Hash
      • gente comune scrive:
        Re: Crittografia unidirezionale
        Che sul server non salvano le pwd, ma solo l'hash (o codifica) della pwd.E' il motivo per cui le pwd possono solo essere resettate. Roba da abc... :-(
      • poiuy scrive:
        Re: Crittografia unidirezionale
        http://it.wikipedia.org/wiki/Funzione_unidirezionaleIn breve si cifra la password con una funzione difficile da invertire. Cosa si intende per "difficile da invertire"?Ti faccio un esempio esplicativo:E' facile dati N numeri primi grandi, farne il prodotto e ottenere un numero che chiameremo "codifica" di questi numeri primi.Dato questo numero (codifica) è computazionalmente oneroso trovare i numeri che lo hanno creato.
    • ZioSilvio scrive:
      Re: Crittografia unidirezionale
      Genio, anche se usi quel sistema ci sono delle vulnerabilità per chi utilizza password semplici.Se uso una password stupida come "hello", il suo hash sarà:AAF4C61DDCC5E8A2DABEDE0F3B482CD9AEA9434DMa se ho un dizionario di hash che corrispondono a password stupide, facendo il confronto riesco a capire in poco tempo le password di molti account (perché è confermato statisticamente che molti account hanno password semplici!)
      • A s d f scrive:
        Re: Crittografia unidirezionale
        Genio, se non uso hash ma un algoritmo mio, il dizionario puoi ruzzartelo su per i naso.Hash era solo un esempio.
      • Valeren scrive:
        Re: Crittografia unidirezionale
        Hai presente che puoi fare l'hash dell'hash?Ripetendolo più o meno tutte le volte che vuoi?Quindi con la rainbow table ottieni... Nulla.Hai voglia a farle girare.
      • poiuy scrive:
        Re: Crittografia unidirezionale
        Hai mai sentito parlare di "salt"?Prima di dare del "genio" a qualcuno, sincerati di quello che dici.
        • poiuy scrive:
          Re: Crittografia unidirezionale
          Ti segnalo un link, va... così magari capisci anche tu.http://en.wikipedia.org/wiki/Salt_(cryptography)
Chiudi i commenti