Google: non giocate con Google Play

Denuncia depositata per ottenere un dominio con il nuovo nome del suo negozio di contenuti

Roma – La strada di Mountain View conduce a Google Play, così come la sua strategia per rincorrere iTunes, e l’indirizzo di market.android.com , play.google.com e gli altri siti associati al nuovo nome scelto per rappresentare il cambio di rotta di Google. Tutti tranne googleplay.com .

Nella scelta del nuovo nome , infatti, Mountain View sembra aver sottovalutato (o non considerato), il fatto che il dominio omonimo non fosse libero: appartiene per il momento ad un giapponese.

Così Google ha ora deciso di depositare presso il National Arbitration Forum una denuncia con richiesta di sequestro del dominio contestato, sulla base del fatto che il sito impiega il marchio da essa depositato (il giorno prima della presentazione del nuovo snodo dedicato ai contenuti) e, in generale, fa uso del suo nome altamente riconoscibile. (C.T.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • angiolino marangoni scrive:
    sicurezza pedoni
    non ci sono parole per descrivere quanti anni siete indietro dai miei progetti ....non schezate con gli anziani e ragazzini che attraversano le strade ...contattate ANGIOLINO MARANGONI 337482200.....
  • Undertaker scrive:
    Speriamo che l'airbag Volvo...
    funzioni meglio dei loro abs !
  • zeta scrive:
    Vera Sicurezza
    Meglio la sicurezza attiva, quella che si può mettere in atto prima dell'investimento. Volvo ha già predisposto un regolatore automatico della velocità per non superare i limiti di velocità massimi di 50 e 30 km/h in città e dei 10 km/h nei cantieri stradali? Pensate a quanto potrebbe migliorare la situazione: bastano poche macchine che dettino i limiti ed anche le altre più obsolete ne beneficeranno, inoltre il traffico risulterà sicuro e fluidificato. Poi gli airbag avranno, per fortuna, meno lavoro.
  • Surak 2.0 scrive:
    che boiata
    Buona parte del pericolo è finire sotto la macchina o il colpo del davanti (soprattutto se contro un altro ostacolo) quindi logica vorrebbe che casomai l'airbag creasse una sorta di impedimento morbido sul davanti con sollevamento dell'ostacolo e sua trattenuta visto che l'altro grosso rischio è la ricaduta in terra.Gli stuntman difatti saltano prima dell'impatto in modo da finire sul cofano, poi sanno cadere dall'auto in modo da non farsi male, ma non si può pretendere che lo faccia il comune pedone, quindi la cosa migliore sarebbe che rimanesse sopra.
    • Funz scrive:
      Re: che boiata
      - Scritto da: Surak 2.0
      Buona parte del pericolo è finire sotto la
      macchina o il colpo del davanti (soprattutto se
      contro un altro ostacolo) quindi logica vorrebbe
      che casomai l'airbag creasse una sorta di
      impedimento morbido sul davanti con sollevamento
      dell'ostacolo e sua trattenuta visto che l'altro
      grosso rischio è la ricaduta in
      terra.Devi però avere un sistema che rilevi il pedone prima che venga in contatto con l'anteriore altrimenti è troppo tardi, un accelerometro non basta.
  • il solito bene informato scrive:
    Ma compratevi un SUV...
    Comprate un SUV: quelli sono più sicuri per i pedoni! (... non per le altre auto)Scherzi a parte, complimenti a Volvo: sempre in prima linea sulla sicurezza.
  • il solito bene informato scrive:
    Ma compratevi un SUV...
    Comprate un SUV: quelli sono più sicuri per i pedoni! (... non per le altre auto)Scherzi a parte, complimenti a Volvo: sempre in prima linea sulla sicurezza.
Chiudi i commenti