Google Plus accoglie tutti

Dopo l'attenzione richiamata dalla prima versione di prova, il social network di Google è atteso dalla prova del grande pubblico connesso

Roma – Difficile non accorgersene: l’home page di Google oggi mostra un freccione colorato che punta chiaramente all’angolo in alto a sinistra della sua barra superiore. Il posto riservato a Google Plus, che fa il suo esordio pubblico .

Dopo la fase di testing durata 12 settimane, che ha visto la piattaforma ospitare solo gli utenti dotati di inviti, il nuovo esperimento di social network di Google apre così ufficialmente i battenti al grande pubblico.

Per iniziare a recuperare terreno su Facebook, che domina il settore con più di 750 milioni di utenti, Google dovrà dimostrare di riuscire a mantenere fra le platee connesse la stessa attrattiva che ha accompagnato il suo esordio.

Fondamentali per il social network di Google potrebbero essere Hangout e Huddle : le funzionalità di videochiamate e messaggistica di gruppo che permettono un utilizzo efficace del servizio di Mountain View anche per la produttività. E, a differenza di Facebook, Google Plus ha i “Circoli” che offrono agli utenti un metodo diretto per gestire i propri contatti e una stretta integrazione con il motore di ricerca di Google.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Menestrello scrive:
    Le ultime novità
    Qui è stato fatto uno spaccato sulle ultime novità della piattaforma: http://www.bitsandchips.it/13-mobile/1575-tegra-3-la-tecnologia-della-piattaforma-mobile-quad-core-di-nvidia
  • moncler dimensioni scrive:
    http://www.cheapestmonclerjackets.com/mo
    Within complete, vitality is the central in a cooler winter, previous to start to your great duration, after all of a sudden remove his or her personalised aside from that formal. Cold weather is about the a large amount of maddening mixture off pronounced top of the particulars veste moncler homme a must with respect to boost the have an understanding of related to tactic, scarf joint frequently disguised rrn regards to the shoulder a few of sense of style
  • Tok scrive:
    Mica male
    Sembra molto interessante, un passo per migliorare la durata della batteria e' sempre una gran cosa.
    • malto scrive:
      Re: Mica male
      - Scritto da: Tok
      Sembra molto interessante, un passo per
      migliorare la durata della batteria e' sempre una
      gran
      cosa.Prova a tenerlo spento... :D
  • mmmm scrive:
    tegra 2
    finchè non è sul mercato non mi faccio false speranze. Attualmente la tegra 2 che è quasi ovunque ha diverse limitazioni: niente neon, niente decodifica H264 high...Penso costi poco, quello si...
  • AlphaAXP scrive:
    secondo voi
    mi sbaglio oppure è la risposta ai core asincroni degli utlimi qualcomm snapdragon?
  • mimmo scrive:
    anche OMAP si affida a core eterogenei
    http://focus.ti.com/general/docs/wtbu/wtbuproductcontent.tsp?templateId=6123&navigationId=12864&contentId=103103negli OMAP5 i cortex a15 si occuperanno dei carichi più importanti, mentre i cortex m4 gestiranno i compiti meno impegnativistessa cosa è stata fatta negli ultimi OMAP4 (in uscita a inizio 2012), rispettivamente con i cortex a9 e i cortex m3...sono soluzioni interessanti permesse dalla scalabilità e flessibilità dell'architettura ARM, visto che i cortex M sono stati progettati per i sistemi embedded e i microcontroller, quindi tutt'altro campo di gioco... vedremo come vanno!
    • Dinox PC scrive:
      Re: anche OMAP si affida a core eterogenei
      bene significa che assisteremo ad una bella lotta
      • mimmo scrive:
        Re: anche OMAP si affida a core eterogenei
        - Scritto da: Dinox PC
        bene significa che assisteremo ad una bella
        lottami chiedo se sarebbe possibile e se avrebbe senso una simile integrazione in un soc con core intel... per esempio un i7 ad alte prestazioni con un atom, o anche con un altro i7 ULV
        • Dinox PC scrive:
          Re: anche OMAP si affida a core eterogenei
          Questa si che è una bella domanda! Sinceramente non credo sia poco interessante ma al contempo non penso sia utile mettere assieme Core + Atom (Atom è tutto sommato realizzato con la stessa tipologia di tecnologia produttiva)
    • Scola scrive:
      Re: anche OMAP si affida a core eterogenei
      Nella soluzione Nvidia i core non sono diversi, non hanno un'implementazione eterogenea.
      • max scrive:
        Re: anche OMAP si affida a core eterogenei
        - Scritto da: Scola
        Nella soluzione Nvidia i core non sono diversi,
        non hanno un'implementazione
        eterogenea.sono eterogenei a livello di clock, anche se il proXXXXXre è lo stesso.
        • Scola scrive:
          Re: anche OMAP si affida a core eterogenei
          - Scritto da: max
          sono eterogenei a livello di clock, anche se il
          proXXXXXre è lo
          stesso.eterogenei a livello di clock in un'epoca in cui la frequenza si adatta automaticamente non ha molto senso. Al limite sono eterogenei a livello di process (inteso come tipo di transistors utilizzati), ma il mio "non sono eterogenei" era riferito alla eterogeneita' degli OMAP.
          • max scrive:
            Re: anche OMAP si affida a core eterogenei
            - Scritto da: Scola
            - Scritto da: max

            sono eterogenei a livello di clock, anche se
            il

            proXXXXXre è lo

            stesso.

            eterogenei a livello di clock in un'epoca in cui
            la frequenza si adatta automaticamente non ha
            molto senso.sì mi sono espresso male. sono eterogenei livello di proXXXXX costruttivo, diciamo "performance optimized" e "power optimized".ceeto non allo stesso livello degli OMAP, i cui core presentano differenze anche architetturali (pur essendo parte della "famiglia"cortex)
  • Anonimo scrive:
    Copyright
    Ma Kal-EL è il nome Kriptoniano di Superman, mi sa che fra poco tempo sentiremo parlare di una causa legale....
  • eleirbag scrive:
    TPD
    Soluzione molto interessante.Sarebbe bello riuscire ad avereanche un TPD variabile per i coreprimari, così da vere una vera epropia architettura a scalare inbase al carico di lavoro.Praticamente in base alle esigenzedel software che sta girando nel OSsi avrebbe un consumo di energia sempreproporzionale al carico di lavororichiesto.Credo che tra non molto tempo avremmoSoC con prestazioni tali da poter fargirare senza grossi problemi programmimolto esigenti in termini di risorsehardware.Mi sa che Nvidia aveva visto giustoquando ha spostato una buona fetta dellasua produzione su sistemi embedded.
  • bubba scrive:
    a quando un Mxyzptlk ?
    la cpu piu cacofonica del pianeta :)
  • Michele Montanari scrive:
    Ma IBM...
    Già che c'è... non è che acchiappa nVidia, le fa vedere Cell, e chiede le royalties?
    • mimmo scrive:
      Re: Ma IBM...
      - Scritto da: Michele Montanari
      Già che c'è... non è che acchiappa nVidia, le fa
      vedere Cell, e chiede le
      royalties?non esageriamo... ci sono delle similitudini ma non è la stessa architettura
      • Michele Montanari scrive:
        Re: Ma IBM...
        Infatti è su ARM e non su POWER.Ma Arm non significa "Advanced RISC Machine"?L'implementazione è diversa (core selettivi), ma trovo tante, tantissime similitudini con Cell...
        • MacGeek scrive:
          Re: Ma IBM...
          - Scritto da: Michele Montanari
          Infatti è su ARM e non su POWER.
          Ma Arm non significa "Advanced RISC Machine"?Penso che l'"Advanced" ce l'abbiano messo dopo. Prima era ACORN Risc Machine.Non è che fosse molto "avanzato" all'inizio. Era forse il più semplice e basilare dei RISC quando uscì, anche se aveva lo stesso prestazioni superiori ai CISC dell'epoca (Intel e Motorola 68k).I RISC "seri" all'epoca erano i MIPS (Silicon Graphics), ALPHA (Digital), SPARC (Sun), POWER (IBM) e PA-RISC (HP).
    • Scola scrive:
      Re: Ma IBM...
      - Scritto da: Michele Montanari
      Già che c'è... non è che acchiappa nVidia, le fa
      vedere Cell, e chiede le
      royalties?No, sono due cose completamente diverse.In un Cell hai un PPE che e' un core completo che serve a comandare le 8 SPE che sono dei core "castrati", ottimizzati per elaborare dati.In questo qua invece hai 5 core identici tranne che per il fatto che uno e' stato realizzato in una tecnologia low-power (essenzialmente i transistor hanno l'ossido di gate piu' spesso per limitare i leakage, cosa che impone dimensioni maggiori e dunque frequenze di funzionamento inferiori). In mancanza di carico di lavoro e' il solo core low-power che gira, mentre gli altri sono spenti. Dal momento che il carico aumenta, accendono 1 o + core high-preformance e spostano il carico su quelli.Come ho detto, sono due cose completamente diverse.
Chiudi i commenti