Google Plus e gli invitati indesiderati

Mountain View apre la caccia allo pseudonimo. E non mancano i danni collaterali
Mountain View apre la caccia allo pseudonimo. E non mancano i danni collaterali

Si tratta ancora solo di un esperimento, una versione in beta testing del servizio con cui Mountain View vuole lanciare la sfida finale a Facebook per la conquista del settore dei social network, eppure Google+ sta vivendo un successo di pubblico e attenzione indubbio. E che porta con sé i primi problemi di equilibrio e le contraddizioni di un controllo centralizzato.

I primi casi di account Google+ bloccati o censurati erano stati pubblicizzati da una frangia del gruppo di hacktivisti Anonymous: proprio l’oscuramento subito da alcuni suoi membri avrebbe spinto gli hacker a lanciare l’idea di un loro social network, Anonplus.

Ora, tuttavia, sembrerebbe che siano stati decisamente di più gli account colpiti dall’epurazione di Google, anche perché Google+ raggiunge ora un pubblico che ha toccato i 20 milioni di visitatori unici.

L’unico messaggio ricevuto dai proprietari degli account bloccati dice: “Dopo aver verificato il vostro profilo, abbiamo stabilito che il nome da voi fornito viola gli standard della nostra Community”. Niente dettagli, insomma, o l’indicazione precisa della violazione.

Tuttavia non si tratta di nulla di inaspettato: Google, come Facebook, vuole nomi e persone reali e non fake e nickname dietro cui potrebbe nascondersi chiunque. Per questo ha semplicemente iniziato a procedere contro chi non si attiene a questa regola. Regola che, peraltro, non è detto che in futuro, proprio come nel caso di Facebook, non venga in parte modificata.

Il problema, tuttavia, è anche che nel momento in cui un account Google+ viene bloccato, l’utente, in alcuni casi , sembra venir escluso anche dagli altri servizi Google cui è iscritto, rischiando di danneggiare il suo lavoro se usa quegli strumenti.
Inoltre Google sembra aver bloccato anche account con login multipli.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti