Anonplus, social network contro il potere

Un social network per Anonymous. Senza censure, verso la rivoluzione

Anonymous, o comunque qualcuno che sembra collegato con il gruppo di hacktivisti e ne impiega il nome, ha annunciato il prossimo arrivo di una sua idea di social network: anonplus.com .

Assonante più con la nuova iniziativa di Mountain View, Google+ , che con Facebook, Anonymous promette una piattaforma che possa rappresentare un passo verso la “Rivoluzione”, un social network “senza paura… censura… blackout… od ostacoli”.

La citazione di censura e blocchi si riferisce ad un episodio particolare: sembra che Google+ abbia estromesso alcuni accpunt legati ad Anonymous a causa di alcuni contenuti da loro pubblicati.

Per il momento si tratta solo di una homepage e di un forum dedicato agli sviluppatori.

Filosoficamente, e più specificatamente dal punto di vista della scienza sociale, l’eventuale esordio di un gruppo che si definisce anarchico e senza leadership nel settore dei social network avrebbe importanti spunti di riflessione: in fondo questi rappresentano una forma, seppur digitale e semplificata, di società.

Anche se non avessero dunque “successo”, rappresentato in questo caso dal numero di utenti e dalla capacità di gestirli, nel nuovo progetto vedere le disposizioni (minime, scarne, essenziali, ma comunque qualche regola è probabile che ci sia…) di un’ideologia anarchica peculiare come quella di Anonymous rappresenterebbe in ogni caso un esperimento degno di nota.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti