Google, strano estremo oriente

I servizi di BigG blocati giovedì notte in Cina. Scattano le ipotesi, silenzio da Pechino e proteste da Mountain View. Ma era tutto un malinteso
I servizi di BigG blocati giovedì notte in Cina. Scattano le ipotesi, silenzio da Pechino e proteste da Mountain View. Ma era tutto un malinteso

Giovedì scorso Google è risultato per qualche ora bloccato in Cina: tanto è bastato per lanciare l’allarme e avviare un susseguirsi di ipotesi sospese tra il temporaneo disservizio tecnico e l’azione offensiva del Governo cinese.

Il motore di ricerca, Immagini, Google News e advertising, sembra infatti che non fossero accessibili dalla Cina e rimandavano ad una versione del sito con base ad Hong Kong. Addirittura bloccati completamente (cioè ad un livello compreso tra il 67 e il 100 per cento) secondo il servizio di monitoraggio di Google.

I rapporti non certo idilliaci tra le due parti in causa non hanno poi permesso di chiarire subito la questione. E alla fine potrebbe essersi trattato solo di un malinteso: Pechino non esprimeva nessun commento, mentre Google dichiarava che i suoi servizi in Cina fossero stati bloccati. Per poi, tuttavia, affermare due ore dopo che non vi era stato nessun blocco totale e che i servizi erano normalmente disponibili.

L’incomprensione, ha poi spiegato Mountain View, dovrebbe essere stata provocata dal sistema di valutazione dei blocchi implementato da Google per monitorare la situazione cinese dopo i fatti di gennaio: “È possibile che abbiamo sovrastimato un piccolo blocco occorso durante la notte”.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti