Grow with Google Milano, tra competenze e cultura

Seminari per diffondere competenze digitali in imprese e istituzioni culturali: l'appuntamento con Grow with Google Milano è a Palazzo Giureconsulti.

Grow with Google Milano, tra competenze e cultura

Diffondere le competenze digitali e le skill legate al digital marketing tra le imprese e le istituzioni culturali delle città: questo l’obiettivo dichiarato di Grow with Google Milano, iniziativa messa in campo da bigG nel capoluogo lombardo che si concretizza con l’inaugurazione di uno spazio fisico (Palazzo Giureconsulti) a due passi dal Duomo. Lì, fino al 7 ottobre (dalle 9:00 alle 18:00), sarà possibile partecipare a seminari gratuiti organizzati con il patrocinio dell’amministrazione meneghina.

Grow with Google Milano

Il programma è rivolto a quegli imprenditori che desiderano far proprie competenze finalizzate ad esempio alla creazione di un sito Web, alla collocazione della propria attività sulle mappe online, al lancio di una piattaforma di e-commerce e a coloro che desiderano beneficiare degli strumenti offerti dall’universo mobile così come dalla promozione attraverso i canali digitali. In concomitanza, le istituzioni culturali possono approfondire la conoscenza di ciò che Google mette a disposizione al fine di far conoscere il proprio museo o la propria associazione.

Alla presentazione sono intervenuti Fabio Vaccarono (Managing Director Google Italy), Roberta Cocco (Assessore a Trasformazione Digitale e Servizi Civici), Filippo del Corno (Assessore alla Cultura), Valeria Gerli (Componente della Giunta della Camera di Commercio Milano Monza Brianza Lodi e Presidente GITEC) e Luisella Mazza (Responsabile Operations di Google Arts & Culture).

Fabio Vaccarono, Managing Director Google Italy

Nell’occasione è accessibile anche il Digital Check-up per sottoporre a un esperto le proprie esigenze e definire insieme la migliore strategia da attuare per l’azienda. La finalità è ben riassunta nel comunicato diffuso da Google.

La priorità è chiara: ascoltare le esigenze degli imprenditori, capire le loro difficoltà nel processo di trasformazione e offrire strumenti capaci di portare un vero miglioramento.

Milano Città d’Arte

Non solo seminari: la Sala delle Colonne del Palazzo Giureconsulti diventa uno spazio interattivo ospitando l’esposizione Milano Città d’Arte in cui è possibile ammirare le collezioni dei musei cittadini attraverso schermi ad altissima risoluzione oppure indossando i visori Cardboard e Daydream per la realtà virtuale. Parte dei contenuti è accessibile all’indirizzo g.co/milanoartlover. Nell’occasione Google mostra anche la Art Camera impiegata per la digitalizzazione delle opere e il Trolley impiegato per l’acquisizione delle immagini destinate a Street View.

Non è tutto: le collezioni di 15 musei milanesi sono ora accessibili mediante la piattaforma Google Arts & Culture. Ecco l’elenco completo: Galleria Civica d’Arte Moderna, Castello Sforzesco, Casa Museo Boschi Di Stefano, Biblioteca Sormani, MUDEC (Museo delle Culture), Museo di Storia Naturale, Museo del Novecento, Hangar Bicocca, Biblioteca Ambrosiana, Associazione Viafarini (Fabbrica del Vapore), Quadrilatero della Bellezza (Gruppo MilanoCard, That’s Contemporary, Ca’ Granda (Ospedale Maggiore Policlinico), Casa Museo Poldi Pezzoli e Rainlab. A questo si aggiungono i 13 tour di Street View in musei come Castello Sforzesco e Hangar Bicocca. Queste le parole di Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura.

La ricchezza del patrimonio artistico milanese ha ora un altro prestigioso canale, digitale e dunque globale, per farsi conoscere dal pubblico di tutto il mondo. Il progetto Grow with Google consente un approccio costruttivo e partecipato ai nuovi media, garantendo una maggiore diffusione della conoscenza, della nostra storia, e di tutta la bellezza che custodiamo.

Uno dei musei milanesi su Google Arts & Culture

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti