HelbizGo, il monopattino si paga con Telepass Pay

Telepass Pay consente di noleggiare scooter elettrici tra le strade di Milano: l'app sblocca il monopattino ed abilita il pagamento.

HelbizGo, il monopattino si paga con Telepass Pay

I monopattini elettrici HelbizGo, “una soluzione di trasporto cittadino free-floating integrata all’interno della piattaforma Helbiz“, potranno essere ora noleggiati a pagamento sfruttando l’app di Telepass Pay. La novità prende il via tra le strade di Milano, dove il servizio di sharing sarà maggiormente accessibile proprio grazie alla collaborazione con Telepass ed alla sua già ampia rete di account attivi.

Lanciata nel 2018, HelbizGo offre a tutte le persone che si muovono all’interno delle città europee un’alternativa più rapida, semplice ed ecologica rispetto ai mezzi tradizionali come autobus, treni o taxi. Attraverso l’app, i riders possono vedere tutti i monopattini presenti nelle vicinanze, sbloccarli per € 1 e andare fino a 24 km/h per soli € 0,15 al minuto.

Il funzionamento è semplice: sfruttando l’app ed il QR Code disponibile sul monopattino sarà possibile dare il via al noleggio, abbandonando quindi il mezzo ove possibile lasciandolo sul marciapiede.

Monopattino elettrico Helbiz

Obiettivo comune delle due società“, spiega il comunicato ufficiale, “è quello di favorire lo sviluppo delle opzioni di intermodalità nei centri urbani“. Il servizio sarà presto disponibile anche in altre città italiane, offrendo al marchio Telepass un ingrediente aggiuntivo per la propria ricetta di intermodalità negli spostamenti:

con un unico account Telepass gli utenti milanesi e delle altre città in cui il servizio sarà presto disponibile, potranno entrare in auto nelle ZTL, pagare la sosta sulle strisce blu e noleggiare un monopattino Helbiz per completare il cosiddetto ultimo miglio.

Il valore dell’iniziativa sta tutto nella facilità di accesso ai vari servizi in ottica di smart mobility: un solo account, una sola app ed un solo metodo di pagamento consentono pieno accesso alle varie modalità di viaggio, facilitando la metabolizzazione da parte dell’utenza dell’insieme di tali opportunità. Se non c’è integrazione, infatti, l’intermodalità non potrà mai esser tale: l’auspicio di Telepass è che sfruttando un sistema univoco si possa coinvolgere un maggior numero di utenti su un maggior numero di spostamenti. A prescindere dal mezzo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti