Hideo Kojima, reincarnazione PlayStation

Il celebre e celebrato designer videoludico apre un nuovo capitolo della sua già lunga carriera con una partnership con Sony, e un primo gioco realizzato in esclusiva temporanea per console PlayStation. Konami? Una storia finita male

Roma – Dopo mesi di speculazioni sul futuro di Hideo Kojima, è lo stesso designer giapponese a confermare quello che già si sospettava da tempo: il contratto che lo legava a Konami è scaduto il 15 dicembre, e di qui in poi lo sviluppatore lavorerà come indipendente ma sarà legato contrattualmente a Sony Computer Entertainment (SCE).

Kojima-san è la mente creativa che si nasconde dietro la serie Metal Gear Solid, da sempre un’esclusiva del publisher Konami e baciata da un successo costante anche nell’ultima incarnazione (MGS V) recentemente uscita per console di nuova generazione e PC Windows.

Dopo la pubblicazione del nuovo Metal Gear, però, il comportamento di Konami – spesso giudicato come privo di rispetto e considerazione nei confronti del designer a cui tanto deve il publisher nipponico – avevano sollevato mille dubbi sia sul futuro della saga che su quello lavorativo di Kojima. La vicenda si è conclusa piuttosto male con il divieto, imposto al designer dagli avvocati di Konami, di presenziare a una cerimonia di premiazione in occasione di The Game Awards .

In un annuncio congiunto con il presidente e CEO di SCE Andrew House, Kojima ha ora confermato di aver rilanciato Kojima Productions (precedentemente proprietà Konami) come uno studio indipendente e di voler continuare a sviluppare videogiochi innovativi e “nuove serie” per la piattaforma PlayStation. Il suo prossimo titolo arriverà in esclusiva su PS4, e verrà in seguito convertito per PC.

Se Metal Gear sarà ora sospesa in un limbo senza il suo creatore, il futuro di Kojima è oggi più chiaro e può contare sulle performance di mercato delle console di nuova generazione e della PS4 in particolare: la console che ha recentemente superato i 30 milioni di unità vendute ridà fiducia agli sviluppatori di giochi “hardcore” o comunque lontani dalla consunzione un tanto a tocco dei gadget mobile, ha spiegato House , e Kojima può sicuramente essere annoverato fra chi nei videogiochi hardcore ha da sempre investito tutto il suo talento.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    microsoft filantropa? hahahaha
    si, mi immagino le loro iniziative:"Windows 10: gratis per sempre*""Windows 10 l'OS universale""installare Windows 10 in un click"(*) per sempre il primo anno, poi vedi come ti s'inculeremo
Chiudi i commenti