Hillary Clinton fragga i videogame violenti

La senatrice di New York presenta una legge che vieterà la vendita dei videogiochi violenti ai minori di 17 anni, istituirà un nuovo ente di rating e darà poteri di supervisione alla Federal Trade Commission


Washington (USA) – Giro di vite nel settore dell’intrattenimento videoludico. Il moralismo politico sta per inaugurare una nuova campagna di “intimidazione” nei confronti del settore economico più redditizio degli ultimi anni. I senatori Hillary Clinton e Joseph Lieberman, martedì scorso, hanno anticipato che il 12 dicembre, quando il Senato statunitense riprenderà i lavori, verrà depositata una proposta di legge federale – da inserire nel Family Entertainment Protection Act – che vieterà la vendita dei videogiochi più violenti ai minori e istituirà nuove restrizioni.

La notizia non giunge inaspettata, soprattutto dopo le polemiche che quest’estate avevano posto al centro dell’attenzione l’ultima edizione di Grand Theft Auto , accusata di essere violenta e diseducativa , quindi successivamente bollata con la tripla X, normalmente apposta ai contenuti per adulti. L’elemento catalizzatore fu la circolazione di una patch che, inserita nel gioco, permetteva di stravolgerlo e trasformarlo in un soft-porno in stile Leisure Suit Larry , con scene di sesso simulato.

“Le famiglie dovrebbero essere certe che i propri bambini non siano in grado di poter acquistare giochi con contenuti violenti e pornografici”, ha dichiarato Hillary Clinton , senatore Democratico di New York. Il momento scelto per l’annuncio non è casuale: proprio ora il National Institute on Media and the Family , l’organizzazione non profit che vigila sui media, ha pubblicato il suo annuale rapporto sul settore videoludico. La MediaWise Video Game Report Card ha evidenziato lacune nel sistema di rating dei giochi, la mancanza di supervisione da parte dei genitori e le responsabilità dei distributori nonché degli sviluppatori nella vigilanza sui contenuti espliciti.

Sebbene si tratti ancora di una bozza di legge, sul sito ufficiale di Hillary Clinton è presente un documento che descrive a grandi linee gli obiettivi. Possono essere riassunti in: divieto di vendita e noleggio di videogiochi con rating M e RP (ancora sotto valutazione di rating) ai minori di 17 anni; controllo dei rating da parte di un’organizzazione super partes e indipendente; controllo da parte della Federal Trade Commission ( FTC ) dei rating errati; gestione da parte della Bureau of Consumer Protection ( BCP ) delle eventuali segnalazioni provenienti dai consumatori; controllo annuale, a campione, da parte della FTC sulla legalità delle vendite. Ogni documentazione raccolta dovrà poi essere sottoposta all’attenzione del Congresso.

“Vi sono stati progressi negli ultimi dieci anni, ma i videogiochi violenti continuano a finire nelle mani dei più giovani. L’ ESRB – il sistema di rating – è gestito dalla stessa industria videoludica, mentre dovrebbe essere riformato e affidato a organizzazioni esterne. Concordo anche sull’ipotesi di vietare la vendita dei giochi violenti ai minori. L’istituzione dei prodotti con marchio M (Mature) non ha funzionato. Secondo le statistiche, un bambino di 9 anni è in grado di effettuare acquisti di questo genere nel 42% dei casi”, ha dichiarato David Walsh, presidente e fondatore di NIMF.

Il settore si sente accerchiato e non basta l’integrazione delle tecnologie di “parental control” sulle nuove console . La reazione della politica ai tentativi di autoregolamentazione dei produttori e dei distributori continua ad essere dura.

“La proposta Clinton-Lieberman non solo non è necessaria, ma incostituzionale. Se fosse approvata si creerebbe un conflitto con l’attuale legislazione statali. In questo modo le famiglie non sarebbero protette da nulla fino al pronunciamento della Corte Suprema”, ha dichiarato a Cnet Douglas Lowenstein, presidente della Entertainment Software Association ,

Va detto che ESRB già dispone di un sistema di rating complesso, che molti operatori ritengono del tutto funzionale, che si sviluppa su sette livelli. Proprio il National Institute on Media and the Family aveva peraltro collaborato alla loro elaborazione. Non stupisce, dunque, che certe malelingue di Washington vedano in questa proposta di legge un abile mossa della senatrice Clinton per guadagnare punti “conservatori” sul campo. Una veste troppo “liberal” potrebbe creare qualche problema per un’eventuale corsa alla Casa Bianca. Ecco pronto il “salva-famiglie”: se ne ricorderanno gli elettori?

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mr. Hyde scrive:
    In Italia c'è questo
    Visto il thread, magari può interessare questo sito che spiega alcune cose interessanti: http://www.telefonosottocontrollo.com/
  • Anonimo scrive:
    Basta....
    non usare il telefono.... ditemi che non ci avevate pensato.... hi hi hi hi hi hi hi ! ! ! ! ! !
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta....
      - Scritto da: Anonimo
      non usare il
      telefono....
      ditemi che non ci avevate
      pensato....
      hi hi hi hi hi
      hi hi ! ! ! ! ! !Usero' il piccione viaggiatore. Esiste anche un vero RFC a proposito.
  • Anonimo scrive:
    ma non verificate le notizie?
    ma verificare prima le notizie pare brutto su punto informatico? Lo studio si basa su UNA (vecchia tra l'altro) delle modalita' di intercettazione e vale in parte SOLO per le linee americane. Ci sono molteplici modi per intercettare le chiamate e questo trucco funzionera' si e no per lo 0.005% delle intercettazioni. Al momento attuale la gran parte delle intercettazioni avviene sui cellulari tra l'altro...
  • Anonimo scrive:
    TL, un grande.
    la qualità dei tuoi articoli e del messaggio che riesci, SEMPRE, a far passare, è altissima.Sei un grande e spero che continuerai sempre a lavorare a PI.Complimenti! :)
  • Anonimo scrive:
    E se fosse una trappola?
    Ma si, immaginatevi che quel tal Matt Blazer é in realtà un agente in incognito dell'FBI e che diffonde una falsa notizia, un'intossicazione, per far si che i cattivi pensino che possono parlare impunemente al telefono del prossimo attentato contro Bush o della partita di dieci tonnellate di cocaina in arrivo dalla Colombia.Allora i cattivi costruiscono il ronzatore infame, parlano dei loro affari e... PATAPUNFETE!! gli arrivano in casa due dozzine di poliziotti armati fino ai denti. 8) Coi tempi che corrono, non dobbiamo stupirci di nulla.
    • Anonimo scrive:
      Re: E se fosse una trappola?
      Bhè che prendano il trafficante o il musulmano pazzo a me fa solo piacere...
      • Anonimo scrive:
        Re: E se fosse una trappola?
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Bhè che prendano il trafficante o il musulmano

        pazzo a me fa solo piacere...

        Ma sì, ma sì... intanto negli USA già si discute
        di proibire foto e filmati di sesso con animali e
        con cadaveri.Mi sembra cosa giusta per una società civile, solo a pervertiti sessuomani come te preoccupa questa cosa...curati! :(
      • Anonimo scrive:
        Re: E se fosse una trappola?
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Bhè che prendano il trafficante o il musulmano

        pazzo a me fa solo piacere...

        Ma sì, ma sì... intanto negli USA già si discute
        di proibire foto e filmati di sesso con animali e
        con cadaveri.
        Cacchio, e adesso come faccio??? *fiiiiiiii* Fuffi, mi dispiace, non si gioca più!Ahahahahahahaha
        • Anonimo scrive:
          Re: E se fosse una trappola?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Bhè che prendano il trafficante o il musulmano


          pazzo a me fa solo piacere...



          Ma sì, ma sì... intanto negli USA già si discute

          di proibire foto e filmati di sesso con animali
          e

          con cadaveri.



          Cacchio, e adesso come faccio??? *fiiiiiiii*
          Fuffi, mi dispiace, non si gioca più!

          AhahahahahahahaIo sotto casa avevo un bel pollaio dove svagarmi :'( .
          • Ubu re scrive:
            Re: E se fosse una trappola?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            Bhè che prendano il trafficante o il
            musulmano



            pazzo a me fa solo piacere...





            Ma sì, ma sì... intanto negli USA già si
            discute


            di proibire foto e filmati di sesso con
            animali

            e


            con cadaveri.






            Cacchio, e adesso come faccio??? *fiiiiiiii*

            Fuffi, mi dispiace, non si gioca più!



            Ahahahahahahaha

            Io sotto casa avevo un bel pollaio dove svagarmi
            :'( .Non vi preoccupate, sono proibite le foto e i filmati, non il sesso con gli animali e con i cadaveri.
    • abbasso scrive:
      Re: E se fosse una trappola?
      - Scritto da: Anonimo

      Ma si, immaginatevi che quel tal Matt Blazer é in
      realtà un agente in incognito dell'FBI e che
      diffonde una falsa notizia, un'intossicazione,
      per far si che i cattivi pensino che possono
      parlare impunemente al telefono del prossimo
      attentato contro Bush o della partita di dieci
      tonnellate di cocaina in arrivo dalla Colombia.Magari TU sei un agente in incognito.
      Allora i cattivi costruiscono il ronzatore
      infame, parlano dei loro affari e...
      PATAPUNFETE!! gli arrivano in casa due dozzine di
      poliziotti armati fino ai denti. 8) Visto che sei TU l'agente allora i delinquenti dicono: "cacchio questo trucco non funziona" e così le intercettazioni contiunuano.
      Coi tempi che corrono, non dobbiamo stupirci di
      nulla.Già neanche dei post sui forum di PI.
  • Anonimo scrive:
    Scrambler telefonici...
    Chi vuole rendere la vita difficile a coloro i quali si dedicano all'intercettazione telefonica, può sempre ricorrere a scrambler telefonici (ad esempio questo: http://www.spyitaly.it/index.html?target=p_111.html&lang=it ). Ovviamente non garantisce la riservatezza assoluta, ma quantomeno "dall'altra parte" si dovranno impegnare di più :D In definitiva, ormai lo sanno tutti che le indagini si basano quasi sempre su intercettazioni telefoniche. Meglio una bella chiacchierata "faccia a faccia". Al limite meglio una frequenza radio UHF, a casaccio (ahivoglia a cercare fra 300 e 3000 MHz...).
    • Anonimo scrive:
      Re: Scrambler telefonici...
      Ho provato a visitare quella pagina, ma ho ottenuto soltanto:This page contains the source code to power theshopping cart software solutions ofyour secure e-commerce solution.Do NOT change this page. It is NOT visible to customers.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scrambler telefonici...
      Al limite meglio
      una frequenza radio UHF, a casaccio (ahivoglia a
      cercare fra 300 e 3000 MHz...).Con un analizzatore di spettro per trovarti se usi una frequenza del genere ci mettono qualche secondo...Se lo sa fare un investigatore, credo che abbiano mezzi e tecnici un po' piu' preparati....
      • Anonimo scrive:
        Re: Scrambler telefonici...
        - Scritto da: Anonimo
        Al limite meglio

        una frequenza radio UHF, a casaccio (ahivoglia a

        cercare fra 300 e 3000 MHz...).

        Con un analizzatore di spettro per trovarti se
        usi una frequenza del genere ci mettono qualche
        secondo...

        Se lo sa fare un investigatore, credo che abbiano
        mezzi e tecnici un po' piu' preparati....Difatti non si usa mai la stessa, altrimenti il gioco è troppo facile... Poi anche in quel caso, esistono scrambler radio (anche digitali, e lì il gioco si fa difficile...).Non usare un cellulare, comporta, per chi investiga, non poter disporre dei dati di posizione del telefono, delle persone contattate, del contenuto delle conversazioni...Ad esempio alcuni delitti commessi negli anni in cui l'uso del cellulare non era ancora diffuso (via Poma a Roma) ancora non hanno avuto soluzione. Fosse stato commesso dieci anni più tardi, la persona sarebbe già stata condannata (almeno in 1° grado...).
    • Anonimo scrive:
      Re: Scrambler telefonici...
      - Scritto da: Anonimo
      Chi vuole rendere la vita difficile a coloro i
      quali si dedicano all'intercettazione telefonica,
      può sempre ricorrere a scrambler telefonicianche criptando completamente le comunicazioni comunque si sa "chi ha parlato con chi" e questo è già tanto (non per niente Beppe "Grande Fratello" Pisanu ha chiesto che venissero conservati i dati di mittente e destinatario delle e-mail, in barba alla Costituzione e alla riservatezza della posta).
    • Anonimo scrive:
      Re: Scrambler telefonici...
      - Scritto da: Anonimo
      Chi vuole rendere la vita difficile a coloro i
      quali si dedicano all'intercettazione telefonica,
      può sempre ricorrere a scrambler telefonici (ad
      esempio questo:
      http://www.spyitaly.it/index.html?target=p_111.htm

      In definitiva, ormai lo sanno tutti che le
      indagini si basano quasi sempre su
      intercettazioni telefoniche. Meglio una bella
      chiacchierata "faccia a faccia". Al limite meglio
      una frequenza radio UHF, a casaccio (ahivoglia a
      cercare fra 300 e 3000 MHz...).Vedo che te ne intendi, Terrorista o Mafioso?intanto che ci siamo.. hai qualche consiglio riguardo che acido usare per sciogliere i corpi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Scrambler telefonici...

      cercare fra 300 e 3000 MHz...). 10 minuti di scanner? Meglio che la chiacchierata duri poco.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scrambler telefonici...
      Dalla tua affermazione si nota che possiedi una profonda cultura nel campo delle ricetrasmissioni via etere ... !! BRAVISSIMO !- Scritto da: Anonimo
      Chi vuole rendere la vita difficile a coloro i
      quali si dedicano all'intercettazione telefonica,
      può sempre ricorrere a scrambler telefonici (ad
      esempio questo:
      http://www.spyitaly.it/index.html?target=p_111.htm

      In definitiva, ormai lo sanno tutti che le
      indagini si basano quasi sempre su
      intercettazioni telefoniche. Meglio una bella
      chiacchierata "faccia a faccia". Al limite meglio
      una frequenza radio UHF, a casaccio (ahivoglia a
      cercare fra 300 e 3000 MHz...).
    • AnyFile scrive:
      Re: Scrambler telefonici...
      - Scritto da: Anonimo
      Chi vuole rendere la vita difficile a coloro i
      quali si dedicano all'intercettazione telefonica,
      può sempre ricorrere a scrambler telefonici (ad
      esempio questo:
      http://www.spyitaly.it/index.html?target=p_111.htm
      Non ho capito esattamnete come funzioni, ma mi pare di capire che non ci siano password o cose simili. Si puo' scegliere solo tra 9 modi di codifica.Sbaglio o basta che l'intercettatore abbia lo stesso apparecchio e la criptazione salta?
  • Anonimo scrive:
    Tono-C speciale... si certo...
    ... se e' quello DTMF che puo' essere generato dal chippettino contenuto in tutti i telefoni non lo vedo tanto "speciale".I DTMF non sono solo i 12 "classici" della tastiera del telefono (0-9, *, #), ma anche A B C D.Per realizzare un generatore di tono-C, bastano 5volt, un pulsante, 5 saldature (magari qualcuna in piu' se ci vogliono delle resistenza), il chippettino famoso (googlate DTMF generator e lo trovate) ed un altoparlantino (tipo quelli mignon dei PC) che verra' appoggiato al mic della cornetta telefonica:)EB
    • Anonimo scrive:
      Re: Tono-C speciale... si certo...
      ancora più semplice e non necessita di saldature:http://www.numerix-dsp.com/siglib/examples/gen_dtmf.coppure cerca i .wav dei toni DTMF già fatti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Tono-C speciale... si certo...
        - Scritto da: Anonimo
        ancora più semplice e non necessita di saldature:

        http://www.numerix-dsp.com/siglib/examples/gen_dtm

        oppure cerca i .wav dei toni DTMF già fatti...Preferisco il vecchio Unlimited Access Dialer.....generava tutti e 16 toni del DTMFperò non so se l'Amiga parte ancora ... sigh.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Tono-C speciale... si certo...
      Se si sapessero le frequenze in HZ del Tono-C descritto nell'articolo (onestamente do poco credito a questo nome...), potrebbe tranquillamente essere riprodotto anche con i più antichi programmi di bluebox che i phreakers usavano un tempo (anche in Italia), con i quali è possibile impostare le multifrequenze in hertz per riprodurre il tono voluto.- Scritto da: Anonimo
      ... se e' quello DTMF che puo' essere generato
      dal chippettino contenuto in tutti i telefoni non
      lo vedo tanto "speciale".
      I DTMF non sono solo i 12 "classici" della
      tastiera del telefono (0-9, *, #), ma anche A B C
      D.

      Per realizzare un generatore di tono-C, bastano
      5volt, un pulsante, 5 saldature (magari qualcuna
      in piu' se ci vogliono delle resistenza), il
      chippettino famoso (googlate DTMF generator e lo
      trovate) ed un altoparlantino (tipo quelli mignon
      dei PC) che verra' appoggiato al mic della
      cornetta telefonica
      :)

      EB

      • AnyFile scrive:
        Re: Tono-C speciale... si certo...
        - Scritto da: Anonimo
        Se si sapessero le frequenze in HZ del Tono-C
        descritto nell'articolo (onestamente do poco
        credito a questo nome...), potrebbe
        tranquillamente essere riprodotto anche con i più
        antichi programmi di bluebox che i phreakers
        usavano un tempo (anche in Italia), con i quali è
        possibile impostare le multifrequenze in hertz
        per riprodurre il tono voluto.Le frequenze si sanno. Forse il mio vecchio modem lo faceva direttamente quel tono, senza dover far nulla di particolare (cosi' come faceva gli altri 12 toni). In ogni caso sul libretto d'istruzione le frequenze c'erano scritte. In ogni cso sono pubbliche (perlomento sono scritte nel "Blue Book", ma immagino che in giro per intenret ci siano).Se mi ricordo correttamente in realta' si tratta di due souni in contemporanea (cioe' un suono di due frequenze) come per tutti i suoni DTMF (D sta per dual o doubble)
        • pheudo scrive:
          Re: Tono-C speciale... si certo...
          Ricordo che nel programma Goldwave c'era un generatore di funzioni.E all'interno anche i preset per generare i DTMF.
  • Anonimo scrive:
    tono per disattivare...
    Ma scusate... stiamo parlando di una cosa nota da almeno 20 anni!!! e dubito che usino ancora questi mezzi (registrano in analogico....... non hanno il VAR (voice activated recording))...
    • Anonimo scrive:
      probabilità...
      Ma comunque dichiarazioni come "Chiunque può avvalersi di queste contromisure devastanti che annullano il lavoro delle forze dell'ordine", sembrano un po' "ottimistiche" considerato che poi si dice "La falla di sicurezza scoperta da Blaze interessa il 10% delle intercettazioni telefoniche".Il che vuol dire che anche emettendo tale tono prima di iniziare una conversazione, si ha comunque il 90% di probabilità di essere intercettati...
      • Anonimo scrive:
        Re: probabilità...
        - Scritto da: Anonimo
        Ma comunque dichiarazioni come "Chiunque può
        avvalersi di queste contromisure devastanti che
        annullano il lavoro delle forze dell'ordine",
        sembrano un po' "ottimistiche" considerato che
        poi si dice "La falla di sicurezza scoperta da
        Blaze interessa il 10% delle intercettazioni
        telefoniche".

        Il che vuol dire che anche emettendo tale tono
        prima di iniziare una conversazione, si ha
        comunque il 90% di probabilità di essere
        intercettati...beh sempre meno del 100% :)
        • Anonimo scrive:
          Re: probabilità...
          - Scritto da: Anonimo

          Il che vuol dire che anche emettendo tale tono

          prima di iniziare una conversazione, si ha

          comunque il 90% di probabilità di essere

          intercettati...

          beh sempre meno del 100% :)Va be', ma non la definirei una "contromisura devastante".
    • Anonimo scrive:
      Re: tono per disattivare...
      Infatti.. Poteva funzionare quando o' maresciallo con i baffoni e la cuffietta si piazzava nel tombino o nel furgone della sip con un enorme registratore a bobine.. Adesso i codici DTMF non vengono nemmeno considerati...
      • Anonimo scrive:
        Re: tono per disattivare...
        - Scritto da: Anonimo
        Infatti.. Poteva funzionare quando o' maresciallo
        con i baffoni e la cuffietta si piazzava nel
        tombino o nel furgone della sip con un enorme
        registratore a bobine..
        Adesso i codici DTMF non vengono nemmeno
        considerati...Forse qualcuno conta sul fatto che il burosauro medio impara magari da giovane, magro, col baffo e il capello impomatato, a usare il registratore a bobine, poi al crescere della panza e del baffo e al calare dei capelli la voglia di imparare cose nuove cala inesorabilmente.
Chiudi i commenti