HP-Compaq, la nuova roadmap dei prodotti

In tempi record la nuova HP, frutto della fusione con Compaq, ha rilasciato una roadmap dettagliata sul futuro delle vecchie e nuove linee di prodotti del neo colosso


Palo Alto (USA) – Lo stendere una roadmap quanto più completa sul futuro dei prodotti targati Compaq e HP è stato uno degli obiettivi prioritari del colosso che emerge dalla fusione delle due storiche firme. Il messaggio è chiaro: rassicurare i propri clienti e garantire la protezione dei loro investimenti.

“Abbiamo dovuto prendere alcune difficili decisioni circa i prodotti da tenere e quelli da ritirare – recita un comunicato di HP – ma il risultato è il miglior portafoglio di prodotti e soluzioni nell’industria”.

La nuova roadmap dei prodotti rilasciata da HP fornisce dunque una buona panoramica sull’impatto che la fusione avrà sul destino di certi prodotti e tecnologie e sul relativo marketing.

Nel settore dei prodotti server a 32 bit, la linea Netserver di HP verrà rimpiazzata dalla linea di server ProLiant di Compaq, mentre verrà conservata, come offerta di fascia bassa, la famiglia di server tc2210 e tc2100 di HP.
Nel segmento dei server “blade” (ultradensi) le famiglie di prodotti di Compaq e HP coesisteranno: la prima destinata ai data center e l’altra al mercato delle telecomunicazioni.

Per quanto riguarda la linea di server e workstation basata sui processori Itanium, il nuovo colosso manterrà la roadmap di HP integrandola con le migliori funzionalità mutuate dalla famiglia di server ProLiant IA-64 di Compaq. Com’era già stato annunciato nel giugno dello scorso anno, Compaq si è impegnata con Intel ad unificare, entro il 2004, la sua intera architettura a 64 bit con quella IA-64. Grazie allo scambio di brevetti che ci fu tra Intel e Compaq, le prossime generazioni di Itanium conterranno al loro interno un cospicuo numero di elementi derivati dai chip Alpha.

Nel segmento Unix/RISC, HP manterrà sostanzialmente inalterata la sua precedente roadmap integrandola con quella di Compaq. I sistemi PA-RISC si affiancheranno dunque alla linea di AlphaServer. HP continuerà lo sviluppo dei processori PA-8800 e PA-8900, come anche dei processori Alpha EV7 ed EV79: entrambe le linee di prodotti saranno primariamente focalizzate a garantire la continuità con la base installata e, nel caso degli Alpha, anche ad equipaggiare i sistemi ad alte prestazioni (fra i quali i supercomputer).

Dal lato del sistema operativo, HP continuerà ad offrire sia il proprio Unix HP-UX che il Tru64 di Compaq: a lungo termine, il primo diverrà progressivamente la piattaforma standard per i server Unix di HP e, nel tempo, mutuerà da Tru64 diverse funzionalità avanzate, fra cui il clustering e il file system. Per quanto riguarda l’OpenVMS di Compaq, un sistema operativo utilizzato da una stretta ma importante nicchia di mercato composta da grosse aziende ed enti militari, HP ha intenzione di continuarne lo sviluppo ed iniziarne il porting verso Itanium.

HP si è poi detta interessata in egual modo a Unix, Windows e Linux, supportando, a livello di soluzioni middleware, sia J2EE che MS.NET.


Nel settore dei personal computer per il mercato consumer, HP ha deciso di mantenere il brand Compaq e affiancare alla linea Presario di quest’ultima quella Pavilion di HP. Per quanto riguarda invece il mercato aziendale, la migrazione della linea di PC desktop e notebook verso la piattaforma di Compaq avverrà, secondo quanto dichiarato da HP, nel giro di 9-12 mesi. In questa migrazione verranno abbandonati i PC della serie HP Vectra e i notebook HP Omnibook.
Nel segmento PC consumer, HP ha dunque ritenuto più proficuo far coesistere il marchio HP con quello Compaq per “minimizzare la confusione fra i clienti” e continuare ad offrire il meglio dei due mondi.

Così non sarà invece nel segmento dei computer hand held, dove HP conserverà, con il proprio marchio, la popolare famiglia di PockePC iPaq di Compaq, mentre manderà in pensione la sua linea di PDA Jornada. Il meglio dell’attuale tecnologia di questi ultimi verrà integrata nella piattaforma hand held di Compaq.

Stesso copione per il mercato dell’home e del wireless networking, dove HP manterrà, commercializzandola col proprio marchio, l’attuale linea di prodotti di Compaq.

Come leader di questo mercato, HP ha conservato tutta la propria linea di stampanti ink-jet, all-in-one e di scanner, scartando invece quei pochi prodotti che venivano offerti da Compaq. Diversa la scelta per quel che concerne i proiettori digitali, dove il nuovo colosso sembra intenzionato a mantenere anche buona parte dell’offerta di Compaq.

Per quanto riguarda lo storage, un mercato in cui sia HP che Compaq vantano un cospicuo portafoglio di prodotti, verranno per lo più integrate le offerte di entrambi i marchi: in particolare, la piattaforma StorageWorks di Compaq convivrà con quella OpenView di HP.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Linux Sucks !
    "Linux is being promoted by IBM, so it has to fail, just like OS/2 did"non è mia, ma è tratta dal sito http://www.linuxsucks.com.Fateci un giro se avete un attimo, davvero divertente !
  • Anonimo scrive:
    fottuta paura
    Ma quelli della Microsoft stanno sempre a sparare cazzate contro linux e il mondo open-source? Hanno una fottuta paura del cazzo! Ma che cazzo gliene frega dell'open-source? Pensassero a vedere i loro prodotti senza cagare il cazzo a nessuno! Stronzi
  • Anonimo scrive:
    hanno tanta ma tanta paura.!!!!
    Il vero motivo delle varie "sparate"di zio bill & Co. contro Linux e l'OpenSourcee' che ne hanno una gran fifa, perche' nonriusciranno mai a controllarlo ne' a distruggerlo (come loro prassi nei confronti della concorrenza).Ciao.
  • Anonimo scrive:
    mah
    haha... ogni giorno sono sempre più convinto che quando tre anni fa ho buttato nel cesso un noto sistema operativo commerciale ho fatto la migliore cosa che potessi fare!Chissà come mai il mio PC che è 100% GPL va sempre alla grande e invece il PC di mio fratello (100% software commerciale) è una merda... e si che l'hardware è lo stesso, cambia solo il software :)W l'open source! W gli sviluppatori di Open Source [*]! W Linus, W la GPL, a morte M$!
  • Anonimo scrive:
    Occore trovare metodi per gerare ritorni economici
    Altrimenti in un ipotetico mondo in cui tutto e' free, non ci sara' nessuno che progetta e che scrive software, visto che i soldi per vivere qualcuno deve pur darglieli.In ogni caso, credo che sia giusto che una fetta di mercato sia occupata dall'Open Source, ma da qui ad inneggiarlo come unico modello possibile (come molti fan di linux, che credono di saper programmare solo loro) mi sembra eccessivo.Pace e prosperita'
    • Anonimo scrive:
      Re: Occore trovare metodi per gerare ritorni econo

      Altrimenti in un ipotetico mondo in cui
      tutto e' free, non ci sara' nessuno che
      progetta e che scrive software, visto che i
      soldi per vivere qualcuno deve pur
      darglieli.hai detto in un mondo dove tutto e free...quindi anche il cibo ecc...un mondo cosi non sarebbe male...dove i bisogni di base (casa cibo vestiti) fossero soddisfatti e la gente si potrebbe dedicare ai suoi interessi...bhe forse fra qualche centinaio o migliaio d'anni...o forse prima...chissa...chiusa la parentesi in un mondo cosi non ci sarebbero tanti che si dedicano alla programmazzione si...ma ci sarebbero ancora i programmi comunque...
      In ogni caso, credo che sia giusto che una
      fetta di mercato sia occupata dall'Open
      Source, ma da qui ad inneggiarlo come unico
      modello possibile (come molti fan di linux,
      che credono di saper programmare solo loro)
      mi sembra eccessivo.mi pare che anche microtost dice la stessa cosa...o con me o .... o no ????
      Pace e prosperita'speriamo bene...
    • Anonimo scrive:
      Re: Occore trovare metodi per gerare ritorni econo
      - Scritto da: Pomy
      Altrimenti in un ipotetico mondo in cui
      tutto e' free, non ci sara' nessuno che
      progetta e che scrive software, visto che i
      soldi per vivere qualcuno deve pur
      darglieli.La maggior parte del software del mondo viene scritto perche' qualcuno ne ha bisognio e lo richiede. Vedila in questo modo, per questo un mondo di solo open source non avrebbe problemi.Sinceramente non credo che convenga cambiare cosi` radicalmente modello economico pero` alcune categorie di software dovrebbero essere open source (per esempio i driver) e comunque sarebbe tanto bello se qualcuno si decidesse ad obbligare tutte le software house a rendere pubblici protocolli e formati di file. In questo modo il mercato del software diventerebbe un po' migliore...
  • Anonimo scrive:
    Riconosciuta l'INNOVAZIONE della GPL
    Dedicato a tutti quelli che si chiedono se davvero il software sotto GPL porta davvero innovazione:Il 7 Maggio Samba 2.2 (che, ricordo, è sotto GPL) e' stato riconosciuto il migliore software dell'anno nella categoria Enterprise di Innovation in Infrastructure (i3) da eWeek e PC Magazine. Gli altri finalisti erano Sun Microsystems Java 2 Platform Standard Edition Version 1.4 e Bea Systems WebLogic Server 7.0. ecco i link:http://www.eweek.com/article/0,3658,s=25420&a=26153,00.aspe l'annuncio della vittoriahttp://lists.samba.org/pipermail/samba/2002-May/072316.htmlEcco un buon motivo per non credere alle fandonie intere$$ate dell'unico nemico dell'open source: il monopolio microsoft.
  • Anonimo scrive:
    L`informatica e` importante?
    Le discussioni MS vs Linux si sviluppano tutte da 2 visioni del mondo: geek e yuppies (molto anni 80 sti termini 8-)...La questione e` se l'informatica e' o meno importante per la Societa' e per il benessere di tutti o e' `solo` un businness; quindi decidere cosa e' meglio per ottenere cosa...e non quale categoria di persone soddisfa. Se l`informatica fosse solo un mercato autoreferenziale senza implicazioni altre la discussione non si porrebbe (la ms ha contribuito a portare i PC dove propio sarebbe meglio non ci stessero...8-) ed ha creato un indotto spaventoso). Secondo me senza ms si sarebbe molto piu' avanti con lo sviluppo di soluzioni informatiche funzionanti performanti e con una qualita' degli operatori superiore (adesso agli operatori non interessa sapere come funziona un web server..sigh) ma sarebbe molto piu' limitato in quanto mercato (e le fiere di informatica con molto meno fig..gliole discinte). Saluti e rispondete che altrimenti ho perso un 10 minuti per niente
    • Anonimo scrive:
      Re: L`informatica e` importante?
      - Scritto da: ciro
      Le discussioni MS vs Linux si sviluppano
      tutte da 2 visioni del mondo: geek e yuppies
      (molto anni 80 sti termini 8-)...
      La questione e` se l'informatica e' o meno
      importante per la Societa' e per il
      benessere di tutti o e' `solo` un businness;
      quindi decidere cosa e' meglio per ottenere
      cosa...e non quale categoria di persone
      soddisfa. Se l`informatica fosse solo un
      mercato autoreferenziale senza implicazioni
      altre la discussione non si porrebbe (la ms
      ha contribuito a portare i PC dove propio
      sarebbe meglio non ci stessero...8-) ed ha
      creato un indotto spaventoso). Secondo me
      senza ms si sarebbe molto piu' avanti con lo
      sviluppo di soluzioni informatiche
      funzionanti performanti e con una qualita'
      degli operatori superiore (adesso agli
      operatori non interessa sapere come funziona
      un web server..sigh) ma sarebbe molto piu'
      limitato in quanto mercato (e le fiere di
      informatica con molto meno fig..gliole
      discinte). Saluti e rispondete che
      altrimenti ho perso un 10 minuti per nientele "PINGUINE" sono meglio delle "SCIACQUETTE" che vi propina il DRAGA.
  • Anonimo scrive:
    Quante chiacchere!!!
    Credo che questo tipo di discussioni stia tra l'accademico (e quindi non praticamente utile)e il futile.Sono un sistemista certificato Ms, sono il responsabile it di un'azienda partner Ms che sviluppa prodotti su piattaforme Ms per clienti che hanno sistemi Ms. (solo per fare il quadro della situazione, senza scopi autoelogiativi, per carità...)Il fatto di dire che i prodotti Ms non funzionano o sono porcate e Linux (e simili) è una meraviglia, lo trovo notevolmente sciocco e mi fa venire in mente l'ormai noiosa diatriba tra i sostenitori del Pc e gli ultrasnob "Macintoshari".E' innegabile che i prodotti Ms potrebbero funzionare meglio, questo è vero, ma i problemi che si riscontrano in che parte sono dovuti a bug e in che parte sono dovuti al fatto che agiamo secondo la nostra logica e istinto senza conoscere *a fondo* dinamiche e funzionamento dei software?Voi potreste dire..."con i sorgenti conoscerei ogni virgola del software". Vero, ma quanti sviluppatori o sistemisti hanno interesse a conoscere nel dettaglio il funzionamento di un server Web o di un server postale?Attualmente il segmento di mercato dove opero richiede Ms, io ho competenze Ms e quindi lavoro con prodotti Ms. Il mercato riterrà opportuno spostarsi verso Open Source? Bene, mi farò competenze in quel senso e sposterò le mie attività verso altre piattaforme. Punto.Scaldarsi l'animo strillando che questo è migliore di quello è aria fritta (e soprattutto facilmente opinabile: io non so quanti di voi che avete scritto abbiano profonde conoscenze su entrambi i sistemi per poter giudicare con la necessaria competenza...)Marketing piratesco? Monopolio? Può darsi, a me sinceramente non interessa nulla: io sto dove ci sono opportunità di lavoro, le cose per cui mi batto nella vita sono un po più importanti di una qualunque filosofia tecnologica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quante chiacchere!!!
      - Scritto da: Paolo

      Marketing piratesco? Monopolio? Può darsi, a
      me sinceramente non interessa nulla: io sto
      dove ci sono opportunità di lavoro, le cose
      per cui mi batto nella vita sono un po più
      importanti di una qualunque filosofia
      tecnologica.Benissimo Paolo, non sto a rispondere a tutta la tua filippica che mi sembrano le lacrime e il grido dei fede di un santo PRETORIANO, e mi limito alla tua ultima frase.Quindi incomincia a imparare a implementare SW su LINUX se ti interessa solo la pagnotta.Ce ne sarà in abbundantiam.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quante chiacchere!!!
        - Scritto da: Alien


        - Scritto da: Paolo




        Marketing piratesco? Monopolio? Può
        darsi, a

        me sinceramente non interessa nulla: io
        sto

        dove ci sono opportunità di lavoro, le
        cose

        per cui mi batto nella vita sono un po più

        importanti di una qualunque filosofia

        tecnologica.

        Benissimo Paolo, non sto a rispondere a
        tutta la tua filippica che mi sembrano le
        lacrime e il grido dei fede di un santo
        PRETORIANO, e mi limito alla tua ultima
        frase.

        Quindi incomincia a imparare a implementare
        SW su LINUX se ti interessa solo la
        pagnotta.
        Ce ne sarà in abbundantiam.
        Caro Alien, dalla tua risposta e dai toni di tuoi altri post, mi sembra di intuire che tu sia molto più integralista di me.La tua annotazione purtroppo non mi fa nè migliorare nè peggiorare, in sintesi un intervento inutile e alquanto fantasioso: hai la palla di vetro per dire che tra poco saremo invasi da Linux o pensi che solo perchè tu lo ritieni fantastico le aziende correranno a sostituire i sistemi Windows? Magari avverrà, ma da quello che vedo e sento quotidianamente non così velocemente e facilmente come speri.Comunque, grazie per aver risposto...e complimenti per il latinorum...!
        • Anonimo scrive:
          Re: Quante chiacchere!!!
          - Scritto da: Paolo


          - Scritto da: Alien





          - Scritto da: Paolo







          Marketing piratesco? Monopolio? Può

          darsi, a


          me sinceramente non interessa nulla: io

          sto


          dove ci sono opportunità di lavoro, le

          cose


          per cui mi batto nella vita sono un po
          più


          importanti di una qualunque filosofia


          tecnologica.



          Benissimo Paolo, non sto a rispondere a

          tutta la tua filippica che mi sembrano le

          lacrime e il grido dei fede di un santo

          PRETORIANO, e mi limito alla tua ultima

          frase.



          Quindi incomincia a imparare a
          implementare

          SW su LINUX se ti interessa solo la

          pagnotta.

          Ce ne sarà in abbundantiam.


          Caro Alien, dalla tua risposta e dai toni di
          tuoi altri post, mi sembra di intuire che tu
          sia molto più integralista di me.
          La tua annotazione purtroppo non mi fa nè
          migliorare nè peggiorare, in sintesi un
          intervento inutile e alquanto fantasioso:
          hai la palla di vetro per dire che tra poco
          saremo invasi da Linux o pensi che solo
          perchè tu lo ritieni fantastico le aziende
          correranno a sostituire i sistemi Windows?
          Magari avverrà, ma da quello che vedo e
          sento quotidianamente non così velocemente e
          facilmente come speri.

          Comunque, grazie per aver risposto...e
          complimenti per il latinorum...!caro Paolo, superfluo dire che sarei felicissimo se nelle Aziende si usasse LINUX, fosse solo per la nuova aria che si respirerebbe, ma sono convinto che i più felici sarebbero i Titolari delle Aziende (leggi risparmio) ed anche gli impiegati che avranno modo di imparare finalmente qualcosa di utile.Consigliandoti di apprendere anche LINUX mi sembrava fossew un buon consiglio se non altro per arricchimento personale, e non solo di portafoglio anche se non è da disdegnare quest'ultimo.Quindi vedi che un miglioramento intrinseco nel mio consigli c'è in modo incontrovertibile.Ciao.Alien
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante chiacchere!!!
            Paolo, devi capire che su questo forum è pieno di 15enni a cui come regalo di compleanno è stato fatto un pc supernuovo con windows installato, poi siccome questi 15enni sono un po' repressi o magari qualche sabato non vanno in discoteca a rincitrullirsi, allora da qualche loro amico o su internet sentono nominare linux, allora lo installato (ovviamente installano mandrake 8.0), poi usano rigorosamente kde, e fanno partire linux con x all'avvio, se gli dici di usare la console non sanno manco che è, però loro siccome si sono installati linux, e siccome hanno il codice sorgente, sono degli esperti in informatica e hanno le competenze necessarie per dire che linux è meglio perché c'è il codice (che poi il 90% di queste persone manco saprà scrivere due righe di codice in C, al massimo vb sotto windows ma si vergognano a dirlo), comunque, per fortuna che queste cose succedono solo in italia, dato che è il paese dove le mode vanno di più, molti utenti linux stranieri sono abbastanza competenti per poter iniziare un discorso inteligente e costruttivo con loro, cosa che purtroppo in italia non si può fare, dato che se uno vuole iniziare un discorso su linux o confrontarlo con win, le uniche frasi che si sentono sono queste: "winsux" (andava di moda qualche tempo fa)"winzoz" (va di moda adesso, mi raccomando seguite le mode così siete molto fighi)"linux è meglio perchè c'è il sorgente""il pinguino è meglio" (questa va di moda adesso)"io uso solo software libero perché sono libero""bill è monopolista"quindi, paolo se vuoi discutere in maniera civile con VERI esperti di sistemi operativi, purtroppo ti tocca parlare con gente straniera, che in italia è difficile trovare qualcuno competente disposto a discutere in maniera civile
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante chiacchere!!!
            ...e purtroppo mi trovo d'accordo con ciò che dici.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante chiacchere!!!
            aggiungo

            Per tornare a noi, se ci fossero tante

            piattaforme software a disposizione, in

            quante versioni dovrei scrivere e
            compilare

            il mio programma per abbracciarle tutte?

            in una sola, usando librerie e toolkit cross
            platform. o forse vorresti dirmi che non sei
            capace di fare un lavoro di un singolo
            universitario (peraltro geniale) come szymon
            stefanek, il cui client irc (btw: mirc e'
            una merdata al confronto.... l'esercizietto
            della domenica) nato su linux compila anche
            su solaris e win XP ?www.kvirc.netqueste sono le immaginihttp://www.kvirc.net/?id=screenaltro esempio: www.python.orgThe Python implementation is portable: it runs on many brands of UNIX, on Windows, DOS, OS/2, Mac, Amiga... If your favorite system isn't listed here, it may still be supported, if there's a C compiler for it. Ask around on comp.lang.python -- or just try compiling Python yourself. altro esempio: www.gimp.org/win32/

            assenza di standard=no diffusione di massa

            credo che oggi ci sia un vcr e un lettore cd
            in ogni casa...e credo che ci sia un telefonino gsm in ogni tasca... ci sono diverse marche di cellulare, diversi fornitori di accesso telefonico, in un regime di concorrenza che ha fatto abbassare i prezzi (ricordi i prezzi quando c'era solo tim, con la tariffa gialla e quella rossa, con le sue 1950 lire +iva al minuto ?) rendendo l'oggetto cellulare alla portata di tutti, e oggi e' un oggetto con diffusione di massa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante chiacchere!!!
            Aggiustiamo un pò i tiri, sia miei che tuoi: regola primaria: non dare giudizi sul lavoro degli altri se non sai bene in che consiste! Non usiamo frontpage, i problemi li abbiamo con cose abbastanza semplici tipo stylesheet e frame, che vengono gestiti in maniera leggermente diversa dai due browser.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante chiacchere!!!
            - Scritto da: Paolo
            software, non dei vhs (in questo caso
            sarebbe errata, no?!?)si parla di prodotti, di beni. La tua "riduzione" al solo software è arbitraria e illogica
            2) sentenziare che la mia opinione è
            completamente errata solo perchè la pensi
            diversamente è solo indice di arroganza e
            presupponenza. Non è così: il tuo interlocutore ha espresso argomenti chiarissimi riguardo il concetto di standard condivisi da TUTTI, mentre tu ti sei arroccato su posizioni limitanti della concorrenza perché basate su standard CHIUSI e legate al PRIVILEGIO di una sola azienda.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quante chiacchere!!!
            - Scritto da: Paolo
            Io parlavo esclusivamente del concetto di
            standard, non delle marche che lo hanno
            adottato, ma mi sembra che il discorso si
            possa estendere al software:
            standard Vhs=Philips, sony, sharp....
            standard windows=Office, corel, staroffice...
            stabdard windows=photoshop,paintshop...gia' ma non mi risulta che lo standard vhs o gsm sia di proprieta' di una sola azienda.. il tuo discorso e' dire che nokia e' l'unica entita' che produce e puo' produrre un telefonino gsm che puo' andare con tutti gli operatori, ma in ogni caso se vuoi un cellulare devi per forza acquistare nokia, ai prezzi che vuole lei. Pensi che oggi il cellulare sarebbe di tutti? forse... ma sicuramente ad un prezzo molto piu' alto.
            scelta delle altre persone... complimenti.


            Il tono della discussione, inizialmente
            corretto, comincia a diventare seccante!
            Negligenza? Incomptenza? (vedi regola
            primaria di cui sopra...) Qualunque azienda
            non investirebbe in un'area di mercato non
            remunerativa.qualsiasi azienda pero' dovrebbe attenersi a degli standard.
            Non ha senso aumentare i costi
            di produzione per far piacere a 1 persona su
            100.questo va bene almeno finche' la tua scelta e' in regime di concorrenza. Chi compra puo' scegliere e ha liberta' e possibilita' di scelta.E cmq, se l'azienda rispettasse gli standard farebbe contenta anche quella persona senza aumento di costi...
            Se vogliono continuare ad usare Mac
            liberissimi di farlo, al massimo sul mio
            sito non torneranno (ma chi se ne
            accorgerebbe...?).il problema e' proprio questo...cmq.. tu puoi anche aprire un negozio e fare il disonesto con un cliente... lui non tornera' e avrai perso un cliente, ma tanto ce ne saranno altri.. cio' non toglie che tu quale negoziante sei un disonesto. Ora, dato che chi piu' chi meno tutti si sono trovati in questa situazione almeno una volta nella vita, magari dovresti iniziare a far funzionare qualche meccanismo mentale che ti fa attuare una serie di ragionamenti per i quali deduci che questo atteggiamento e' male. Se poi te ne freghi perche' te ne va del portafoglio, bene, ma quando qualcun altro fara' la stessa cosa a te, poi te ne starai zitto.
            Ti faccio notare un'altra
            cosa, fino a qualche tempo fa i vari
            prodotti su cd che si trovavano in edicola
            erano multipiattaforma, ora non più. Anche
            gli editori sono negligenti e incompetenti?il discorso non c'entra... le riviste mettono software per la maggior parte della gente che prende quelle riviste. Se prendi una rivista per windows, non puoi pretendere di trovare software per linux o per mac o per os/2. Al contrario, sul cd di Linux&c troverai ben poco software per windows...
            di fare un lavoro di un singolo
            universitario (...)


            Altra deroga alla regola primaria...! Io non
            sviluppo applicazioni, sviluppo soluzioni su
            piattaforme esisti e di grande diffusione...ho come l'impressione che il tu impersonale per te sia una regola linguistica sconosciuta. nel mio post quindi tu dovresti essere sviluppatore di siti web, sviluppatore di software, manager, negoziante... ad ogni modo, se ti riconosci in tutti, complimenti, ma devo comunque evidenziare che il fatto che ti senti toccato in prima persona evidentemente la cosa ti scoccia.
            Per concludere due cose:
            1) l'equazione era applicata al campo del
            software, non dei vhs (in questo caso
            sarebbe errata, no?!?)e che c'entra? forse il software non e' un prodotto? oltretutto e' un prodotto per il quale il costo di riproduzione e' nullo. Spendi praticamente lo stesso a fare una copia o 10.000 copie dello stesso prodotto.
            2) sentenziare che la mia opinione è
            completamente errata solo perchè la pensi
            diversamente è solo indice di arroganza e
            presupponenza.la dimostrazione del fatto che lo e' sta nel fatto che ti ho portato esempi concreti a riguardo. Al contrario, a parte windows, non vedo tue concrete prese di posizione.
            Al di là dei concetti che hai
            espresso e di cui cmq prendo atto senza
            giudicare, ti consiglio di affinare la tua
            tecnica comunicativa per rendere più
            piacevole agli altri la lettura delle tue
            opinioni.le opinioni non servono a niente, dato che al termine di questa discussione tu resti della tua idea e io della mia. Ti ho solo fatto presente che nel mondo del domani in cui tutto sara' dominato dall'informatica, io e molte altre persone non hanno alcuna voglia di avere un solo referente (di cui abbiamo gia' importanti esempi sulla condotta e l'atteggiamento verso chiunque tenti di contrastarlo o di proporre prodotti alternativi) per l'avanzamento tecnologico. Se a te questo piace perche' fa guadagnare dei soldi, ti dico bravo, ma non ti rispetto, perche' comunque tutta la situazione e' lesiva della liberta' di scelta di chi quei soldi te li da' (e di chi non te li da' ma e' comunque obbligato a darli inutilmente ad un sacco di altre persone perche' per esigenze di compatibilita' e' costretto nella scelta)sono sempre piu' convinto che se le regole dell'informatica venissero applicate ai prodotti di tutti i giorni, la gente ci penserebbe 1000 volte prima di fare certi acquisti (che poi non fa, dato che pirateggia). Il problema e' che la maggior parte della gente non capisce niente di computer e si limita ad usare le impostazioni di default, i formati di default, i programmi precotti piazzati sul desktop, i servizi piazzati sul desktop, imponendo la loro scelta inconsapevole a chi magari ha trovato qualcosa di migliore... e io se permetti non ho alcuna intenzione di farmi imporre una scelta unireferenziale commerciale solo perche' la gente non capisce una ceppa di q
  • Anonimo scrive:
    sap e open anche se non free
    io lavoro su sap che e' un gestionale.il software applicativo e' disponibile tuttoa livello di sorgente e i clienti sono felici.il software di sistema no e infatti e' semprecon quello che si perde piu' tempo...
  • Anonimo scrive:
    Ti faccio notare...
    Che Microsoft è sotto processo perche, con il suo monopolio, va contro alla regola basilare del CAPITALISMO, cioè la LIBERA CONCORRENZA!Quanti posti di lavoro ha distrutto mangiando o facendo fallire piccole e medie aziende concorrenti?Quanti ottimi progetti ha fagocitato o distrutto, solo perchè coi soldi ha potuto offrire una alternativa, magari pessima, ma sottocosto o integrata in Windows (vedi IE vs. Netscape)?Il monopolio è molto più simile al COMUNISMO che al CAPITALISMO!Riguardo all'open s. c'è sicuramente una componente ideologica dietro al movimento, ma definirla comunista è stupido oltre che riduttivo e banale.
  • Anonimo scrive:
    .......
    Notizie del genere non meritano neanche di essere discusse, ma hanno solo una risposta:Ma andate a caaghèrrr.........:)
  • Anonimo scrive:
    m$ condannata per PIRATERIA
    Ecco, questa è per tutti i super TROLL che ci sono qui su PI:http://newsforge.com/newsforge/02/05/07/2234251.shtml?tid=3
  • Anonimo scrive:
    insisti Bill !!!!
    nessuno obbliga Microsoft a passare i propri prodotti alla licenza GNU (anche se, magari, sarebbe un bel modo per migliorare l'affidabilità dei suoi software), sbaglio? Sopno davvero caduti in basso...
  • Anonimo scrive:
    ECCO COME UN PARLAMENTARE PERUVIAVO DEMOLISCE WIN
    La risposta a Microsoft Perù.Azz......dappertutto si sono ficcati.http://www.gnu.org.pe/resmseng.html
    • Anonimo scrive:
      Re: ECCO COME UN PARLAMENTARE PERUVIAVO DEMOLISCE
      - Scritto da: alien
      La risposta a Microsoft Perù.
      Azz......dappertutto si sono ficcati.

      http://www.gnu.org.pe/resmseng.htmlL'ho scaricata da LinuxValley e me la leggerò con calma.Ti rispondo perché volevo sollevare una questione:"Ma perché perdiamo tempo a parlare di M$?"Lasciamo che sia Guglielmino Cancelli a spendere il fiato contro l'Open Source.Se lui ne parla tanto significa che non è quel fuoco di paglia che vorrebbe far credere che sia.Ti scrivo in privato per alcuni consigliCiaofnc
  • Anonimo scrive:
    l'opensource è solo un covo di comunisti
    vogliono rubare le fonti agli altri e farlo legalmente e poi sbandierare che fanno sviluppo!invece microsoft non si nasconde dietro ai falsi ideali ... fa commercio, come qualsiasi commerciante e produce ciò che vende.un prodotto che va anche parecchio ed ha avvicinato tutto il mondo alla tecnologia, all'informatica fornendo risorse (SOLDI) per lo sviluppo ulteriore, creando lavoro e sviluppo tecnologico anche annesso.chi non ce la fa a mangiarci perché non è abbastanza, allora si lamenta e vuole la pappetta pronta
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
      E' fantastico !!! hai usato, con grande originalità, la parola "comunisti" per definire chi mette a disposizione del progresso tecnologico le proprie conoscenze e chiede (credimi lo fa) di esser pagato "solo" per il tempo impiegato a scrivere il codice, codice che poi verrà messo a disposizione di tutti quelli che vogliono migliorarlo oppure semplicemente vedere se ci sono "sorprese" al suo interno...Mi piacerebbe indicarti siti e discorsi che potrebbero chiarirti cosa vuol dire opensource in modo tale che tu possa postare messaggi,nel tuo pienissimo diritto, contro l'opensource ma con cognizione di causa...ma non lo farò perchè alcune possibilità, come quelle della informazione e della conoscenza, vanno date a chi ha l'intenzione di apprendere ed una persona che apre il suo post con "l'opensource è solo un covo di comunisti" non ha, evidentemente, questa sete.Con rispettoMarco
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
      te confondi lo SHARING del sapere con l' immagine deleteria del comunismo.Tipica operazione di svuotati.Chi sopravviverà vedrà.- Scritto da: Joker

      vogliono rubare le fonti agli altri e farlo
      legalmente e poi sbandierare che fanno
      sviluppo!

      invece microsoft non si nasconde dietro ai
      falsi ideali ... fa commercio, come
      qualsiasi commerciante e produce ciò che
      vende.

      un prodotto che va anche parecchio ed ha
      avvicinato tutto il mondo alla tecnologia,
      all'informatica fornendo risorse (SOLDI) per
      lo sviluppo ulteriore, creando lavoro e
      sviluppo tecnologico anche annesso.

      chi non ce la fa a mangiarci perché non è
      abbastanza, allora si lamenta e vuole la
      pappetta pronta

      • Anonimo scrive:
        Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
        - Scritto da: alien
        te confondi lo SHARING del sapere con l'
        immagine deleteria del comunismo.
        Tipica operazione di svuotati.
        Chi sopravviverà vedrà.Scusa, ma è una tua personalissima opione.Meglio: "te confondi la condivisione del sapere con l'immagine *per me* deleteria del comunismo".Ti invito a leggerti la definizione di comunismo sul vocavolario.
    • Anonimo scrive:
      Re: ECCO COME UN PARLAMENTARE PERUVIAVO DEMOLISCE
      - Scritto da: Joker

      vogliono rubare le fonti agli altri e farlo
      legalmente e poi sbandierare che fanno
      sviluppo!Come a fatto M$ quando ha speso milioni di dollari per creare IE con il solo scopo di distruggere Netscape
      invece microsoft non si nasconde dietro ai
      falsi ideali ... fa commercio, come
      qualsiasi commerciante e produce ciò che
      vende.Vedi sopra. Ha speso e regalato IE solo per imporre il suo Browser
      un prodotto che va anche parecchio ed ha
      avvicinato tutto il mondo alla tecnologia,
      all'informatica fornendo risorse (SOLDI) per
      lo sviluppo ulteriore, creando lavoro e
      sviluppo tecnologico anche annesso.Quale prodotto? Windows - Dos - Office?Fammelo sapere che ti rispondo dettagliatamente.
      chi non ce la fa a mangiarci perché non è
      abbastanza, allora si lamenta e vuole la
      pappetta prontaE' esattamente la posizione di M$ nei conforonti dell'Open Source.E non venirmi a dire che aziende come IBM - SUN e similari vogliono la pappetta pronta.fnc
    • Anonimo scrive:
      Re: microsoft è solo un covo di monopolisti
      - Scritto da: Joker
      invece microsoft non si nasconde dietro ai
      falsi ideali ... fa commercio, come
      qualsiasi commerciante e produce ciò che
      vende.Erroe: microsoft è stata condannata per aver fatto commercio in modo scorretto, e per questo non è COME TUTTI gli altri.
      un prodotto che va anche parecchio ed ha
      avvicinato tutto il mondo alla tecnologia,errore: lo ha "costretto" alla sola possibile: quella del monopolio
      all'informatica fornendo risorse (SOLDI) per
      lo sviluppo ulteriore, creando lavoro e
      sviluppo tecnologico anche annesso.errore: ogni monopolio che sia mai esistito su questa terra ha sempre impedito l'inovazione. Che anche il monopolio microsoft lo abbia fatto è una verità processuale che tu non cambierai
      chi non ce la fa a mangiarci perché non è
      abbastanza, allora si lamenta e vuole la
      pappetta prontaerrore: questo sarebbe vero se il mercato cui ti riferisci non fosse dominato da un monopolio COLPEVOLE di ABUSI, come microsoft.Coloro che sono stati defraudati della libertà di mercato hanno tutto il diritto di ottenere giustizia, come sta succedendo e come succederà.Liberiamoci del monopolio e otterremo un mercato LIBERO
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
      Ho un problema, non risco più a distinguere gli interventi seri da quelli ironici ... ditemi che questo è ironico ... vi prego ...Cla
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
      - Scritto da: Joker

      vogliono rubare le fonti agli altri e farlo
      legalmente e poi sbandierare che fanno
      sviluppo!

      invece microsoft non si nasconde dietro ai
      falsi ideali ... fa commercio, come
      qualsiasi commerciante e produce ciò che
      vende.

      un prodotto che va anche parecchio ed ha
      avvicinato tutto il mondo alla tecnologia,
      all'informatica fornendo risorse (SOLDI) per
      lo sviluppo ulteriore, creando lavoro e
      sviluppo tecnologico anche annesso.

      chi non ce la fa a mangiarci perché non è
      abbastanza, allora si lamenta e vuole la
      pappetta pronta

      Io sono un commerciante, Io vivo e mangio anche grazie a l'OpenSource! Ma scusa, forse sono io che mi sbaglio, ma non erano i regimi comunisti ad essere per il monomercato? Tu sei un liberale, vero? Dunque sei contro il monopolio, giusto! Perche' se non l'avessi capito e di quello che stiamo discutendo, qui, adesso. Rileggiti un attimino l'articolo, che mi sa che e' meglio. Ciao, da un commerciante ... Libero!
    • Anonimo scrive:
      Re: metticelo un po' di tabacco nella prossima...
      ... o magari accendi il cervello ed evita di premere i tastini della tua tastiera a caso...
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
      - Scritto da: Joker

      vogliono rubare le fonti agli altri e farlo
      legalmente e poi sbandierare che fanno
      sviluppo!...Mi piace che ogni tanto salta fuori qualcuno che non capisce un cazzo di informatica, non sa nulla di nulla (neppure che il sw Microsoft integra svariato codice open source, e sembra che in qualche caso neppure troppo regolarmente..) ma pretende di dare giudizi sugli altri...
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
      - Scritto da: Joker

      vogliono rubare le fonti agli altri e farlo
      legalmente e poi sbandierare che fanno
      sviluppo!

      invece microsoft non si nasconde dietro ai
      falsi ideali ... fa commercio, come
      qualsiasi commerciante e produce ciò che
      vende.

      un prodotto che va anche parecchio ed ha
      avvicinato tutto il mondo alla tecnologia,
      all'informatica fornendo risorse (SOLDI) per
      lo sviluppo ulteriore, creando lavoro e
      sviluppo tecnologico anche annesso.

      chi non ce la fa a mangiarci perché non è
      abbastanza, allora si lamenta e vuole la
      pappetta pronta

      Anche tu meriti una risposta foorte e chiara:Ma va a caaghèrrr.......:)
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti

      Scritto da: Joker

      vogliono rubare le fonti agli altri e farlo
      legalmente e poi sbandierare che fanno
      sviluppo!

      invece microsoft non si nasconde dietro ai
      falsi ideali ... fa commercio, come
      qualsiasi commerciante e produce ciò che
      vende.

      un prodotto che va anche parecchio ed ha
      avvicinato tutto il mondo alla tecnologia,
      all'informatica fornendo risorse (SOLDI) per
      lo sviluppo ulteriore, creando lavoro e
      sviluppo tecnologico anche annesso.

      chi non ce la fa a mangiarci perché non è
      abbastanza, allora si lamenta e vuole la
      pappetta prontahihihihihihihihihihihihihihihi....giuro, sto sul pavimento a ridere, non esistono parole per esprimere quanto sei indicibilmente ignorante...Vergognati. Vergognati tu e Microsoft, arrossite possibilmente fino ad accendervi per autocombustione. Ma d'altra parte, oh indecoroso ignorantello, sono convinto che niente possa aiutarti ad uscire da questa condizione di nullità e pochezza informatica nella quale sguazzi con compiacimento.Complimenti, complimenti davvero.
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti

      vogliono rubare le fonti agli altri e farlo
      legalmente e poi sbandierare che fanno
      sviluppo!E lo stack TCP/IP degli ultimi Windows?Lo hanno proprio fatto tutto quelli della microsoft?A me non risulta
      invece microsoft non si nasconde dietro ai
      falsi ideali ... fa commercio, come
      qualsiasi commerciante e produce ciò che
      vende.In maniera un po' bassa ma è proprio come dici tu.(non ho nulla contro il commercio, sono anche io un commerciante, ma se non funziona qualcosa dei miei prodotti rispondo)
      un prodotto che va anche parecchio ed ha
      avvicinato tutto il mondo alla tecnologia,
      all'informatica fornendo risorse (SOLDI) per
      lo sviluppo ulteriore, creando lavoro e
      sviluppo tecnologico anche annesso.Qui ho i miei dubbi
      chi non ce la fa a mangiarci perché non è
      abbastanza, allora si lamenta e vuole la
      pappetta prontaSempre quando scoprirai da dove viene lo stack TCP/IP degli ultimi windows scoprirai che hai detto una stupidaggine
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
      - Scritto da: Jokersono un mito.ho pompato questo thread al massimo!
      :-]he he he!!!QUESTO è il vero trollismo!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opensource è solo un covo di comunisti
      prima di cedere all'evidente provocazione stile amricana-berlusconiana di chi si sogna Stalin che gli arriva da dietro da un momento all'altro e si serve del buco posteriore (mi vedrai senz'altro + avanti con un po' di crocette rosse) vorrei farti notare che se parli di qualità.... è evidente che non sai di cosa parli.... quindi prova!e se parli di pappetta pronta...beh! credo che quella sia proprio windows!solo che fa cagare!ciao
  • Anonimo scrive:
    COSA DIRE BASTA leggere senza preconcetti
    e capire che il tutto non fa una grinza.
  • Anonimo scrive:
    La paura
    Secondo me la Microsoft si sta rendendo conto che l'Open Source è un grande pericolo per i suoi prodotti. Il software opensource sta prendendo sempre piu piede, anche nelle scuole e governi... speriamo continui cosi...Saluti Merlux
    • Anonimo scrive:
      Re: La paura
      - Scritto da: mErlux
      Secondo me la Microsoft si sta rendendo
      conto che l'Open Source è un grande pericolo
      per i suoi prodotti. Il software opensource
      sta prendendo sempre piu piede, anche nelle
      scuole e governi... speriamo continui
      cosi...
      Saluti MerluxAbile & Arruolato.Alien.
  • Anonimo scrive:
    Il problema è la qualità
    Secondo il mio modesto parere il problema delle incazzature degli utenti stà nella qualità del prodotto che acquistano.Penso che se chi acquista un SO concepito dalle supermenti di M$ (almeno quello che fanno credere) lo compra pensando che vada da benissimo invece scopre che fa + o - cagare a seconda della versione, poi scopri che a costo 0 hai sicuramente di meglio.Se compro una Ferrari non voglio aprire il cofano e trovarci dentro il motore del fiat bravo o peggio penso di conprare un ferrari e mi consegnano una fiat verniciata di rosso !!Se poi pensi che chi ha sviluppato Linux spesso lo ha fatto con mezzi economici e paragoni la potenza economica di M$ ecco che ti incazzi ancora di +.Programmo da molti anni, anche se sono al livello di scrivere SO, credo che M$ farebbe meglio a dimostrare di avere prodotti Top che poi i programmatori cerchino di eguagliare piuttosto che fare delle schifezze e poi dire che i prodotti migliori non producono reddito xchè qualcuno diffonde il proprio talento fuori dal normale business.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema è la qualità
      Ora basta: possibile che parliate di cose che non avete la minima base di sapere cosa siano ?Visto che sei così furbo -dimmi un po'- cosa è la Qualità ?E' un prodotto che non si rompe mai ? Naaa.E' un prodotto che è fatto artisticamente bene ? Naaa.E' un prodotto di cui hai tutta la documentazione ? Naaa.Se è un software, dentro ci sono tanti bei commmenti ? Naaa.Se è un software, le variabili hanno bei nomi ed il tutto è scritto con eleganza ? Naaa.Se è un software, disporre del codice sorgente ? Naaa.Se è un software, significa che non si crasha mai ? Naaa.Se è un software, significa che è sicurissimo ? Naaa.Ma allora che è la qualità ?Allora, visto che non ci chiappi una seg@, sarà meglio che ti dia una delucitata io:LA QUALITA' E' NE' PIU' NE MENO QUELLO CHE VUOLE, SOLO, SOLTANTO ED ESCLUSIVAMENTE IL CLIENTEMetti al centro il tuo cliente e capisci quali sono le sue esigenze ... e di lì ti progetti il prodotto che gli vuoi vendere (ci sono molte tecniche/tecnologie per riuscire ad arrivare a questo).E questo è il SOLO ED UNICO MODO per fare un prodotto volontariamente di Qualità (e che faccia percepire l'innovazione -di ergonomia, tecnologica, ecc.- ai clienti).Purtroppo gli Windows, il MacOS X, il defunto BeOS, il PalmOS, qualche unix ed il resto della sarabanda commerciale implementata dopo gli anni 90 è stata fatta sicuramente con questi metodi.Invece unix (per non parlare di Linux), benchè sia di alta qualità per i clienti accademici, per sistemisti & co. (anche se ciò non è frutto di uno studio di Qualità ma un fatto accidentale) è di qualità inferiore a Windows per l'utente normale.Tutto qui.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il problema è la qualità
        - Scritto da: furbix
        LA QUALITA' E' NE' PIU' NE MENO QUELLO CHE
        VUOLE, SOLO, SOLTANTO ED ESCLUSIVAMENTE IL
        CLIENTEProbabilmente, visto il crescente interesse per l'open source e Linux, incominciano ad esserci clienti che hanno altri parametri di giudizio rispetto a quelli presi da Microsoft nell'indirizzare il suo operato.Se, come dici te, linux non e' di buona qualita' per chi non ci chiappa nulla di PC e non ci vuole chiappare nulla diviene interessante per chi ha un po' di basi oppure pur senza basi ha voglia di imparare. (mie amiche che non hanno mai acceso un pc in vita loro non ci hanno messo poi molto ad impratichirsi con l'uso di linux, certo non si configurano sendmail da sole, ma questo e' un altro paio di maniche)Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Il problema è la qualità
        - Scritto da: furbix
        Visto che sei così furbo -dimmi un po'- cosa
        è la Qualità ?

        E' un prodotto che non si rompe mai ? Naaa.
        E' un prodotto che è fatto artisticamente
        bene ? Naaa.SI, INVECE
        E' un prodotto di cui hai tutta la
        documentazione ? Naaa.SI, INVECE
        Se è un software, dentro ci sono tanti bei
        commmenti ? Naaa.SI, INVECE
        Se è un software, le variabili hanno bei
        nomi ed il tutto è scritto con eleganza ?
        Naaa.SI, INVECE
        Se è un software, disporre del codice
        sorgente ? Naaa.POTREBBE ANCHE ESSERE
        Se è un software, significa che non si
        crasha mai ? Naaa.MAGARI FOSSE COSì ...
        Se è un software, significa che è
        sicurissimo ? Naaa.SI, INVECE
        Ma allora che è la qualità ?

        Allora, visto che non ci chiappi una seg@,
        sarà meglio che ti dia una delucitata io:

        LA QUALITA' E' NE' PIU' NE MENO QUELLO CHE
        VUOLE, SOLO, SOLTANTO ED ESCLUSIVAMENTE IL
        CLIENTEI tuoi sono solo discorsi Pseudo-Marketing generati da uno pseudo cervello che pensa di avere degli pseudo pensieri ...Cla
  • Anonimo scrive:
    Le preoccupazioni di MS...
    Possono comprendersi visto il successo di certi concorrenti che hanno impostato la loro strategia sull'open source:http://www.business2.com/articles/mag/print/0,1643,39361,FF.htmlIl titolo dell'articolo e': "How a former has-been kicked its old habits, got open-source religion, and regained its status as one of the biggest, baddest tech companies on earth"E poi, interessante anche: "Instead of trying to lock in customers with proprietary technology, it now tries to lock them in with irreplaceable IT services . Open-source technologies are the fountain that feeds that strategy, and they are leading IBM back to a position it enjoyed during its glory days: high-tech domination"Cosa vogliano dire con irreplaceable IT services on l'ho capito. Sicuro, ho capito come le scelte fatte da IBM negli ultimi tempi abbiano pagato, al contrario di quanto sostiene MS. Evidentemente l'open source, gli standard aperti e cosi' via, riescono a funzionare.A questo punto avanzo un'ipotesi: non e' che tutte quelle aziende legate all'open source che hanno avuto problemi, hanno pagato principalmente per l'inesperienza?
    • Anonimo scrive:
      Re: Le preoccupazioni di MS...
      - Scritto da: FDG
      E poi, interessante anche: "Instead of
      trying to lock in customers with proprietary
      technology, it now tries to lock them in
      with irreplaceable IT services . Open-source
      technologies are the fountain that feeds
      that strategy, and they are leading IBM back
      to a position it enjoyed during its glory
      days: high-tech domination"

      Cosa vogliano dire con irreplaceable IT
      services on l'ho capito.
      Sicuro, ho capito
      come le scelte fatte da IBM negli ultimi
      tempi abbiano pagato, al contrario di quanto
      sostiene MS.Hai capito male. C'è scritto (letteralmente):Le tecnologie Open-Source sono la fontana che alimenta quella strategia (la strategia di IBM è sempre stata -se mi permetti- del connettore fisico/elettrico copyrighttato) e stanno rilanciando indietro IBM in una posizione che l'ha fatta contenta nei suoi giorni di gloria: la dominazione del (mercato -leggendo l'articolo- del) High-Tec (cioè il ritorno ai tempi di gloria degli anni '80 quando era lei il monopolista, grazie al connettore).
      Evidentemente l'open source,
      gli standard aperti e cosi' via, riescono a
      funzionare.Per campare funzionano già ora (non occorre scomodare IBM per vederlo), ma per fare i soldi grossi, l'unica strada (percorribile solo se non si fa solo software) è aumentare in qualche modo la propria fetta di mercato hw che si possiede unilizzando brevetti e copyright hw ... come ci dimostrava negli anni 80 IBM con i suoi hw chiusi e la sua potenza monopolistica.Hai mai visto dispositivi attaccati ad un twinax(o altro connettore IBM) che non fossero IBM (o di un suo parthner sublicenziatario) ?

      A questo punto avanzo un'ipotesi: non e' che
      tutte quelle aziende legate all'open source
      che hanno avuto problemi, hanno pagato
      principalmente per l'inesperienza?No.L'Open-Source (come dice RMS) ti può dare da vivere ma difficilemente (dico difficilmente perchè non si sà mai, ma le probabilità sono quasi nulle) ti fa fare i soldi grossi ... se rispetti in pieno l'ideologia (guadagni sull'assistenza e servizi, metti a disposizione di tutti la tua proprietà intellettuale) e non unisci il tuo OpenSoftware a dell'hardware tuo di cui hai tutti i diritti il software.
      • Anonimo scrive:
        Re: Le preoccupazioni di MS...

        L'Open-Source (come dice RMS) ti può dare da
        vivere ma difficilemente (dico difficilmente
        perchè non si sà mai, ma le probabilità sono
        quasi nulle) ti fa fare i soldi grossi ...
        se rispetti in pieno l'ideologia (guadagni
        sull'assistenza e servizi, metti a
        disposizione di tutti la tua proprietà
        intellettuale) e non unisci il tuo
        OpenSoftware a dell'hardware tuo di cui hai
        tutti i diritti il software.mica siamo tutti milliardari cosi com'e oggi...almeno in questo modo mangiano un po tutti...
  • Anonimo scrive:
    Come al solito chi non ha argomenti tecnici...
    ... si difende con FUD !AHAHAHGente della M$, siete patetica !!!Il fatto è che vi brucia il deretano sempre di più, e non sapete più che pesci pigliare per non affondare !D'altronde quando uno produce software scadente, di bassa qualità e soprattutto CHE NON FUNZIONA non ha un gran futuro davanti a se !AHAHAHCHe pena !
  • Anonimo scrive:
    MICROSOFT CONDANNATA PER PIRATERIA INFORMATICA!!
    http://newsforge.com/newsforge/02/05/07/2234251.shtml?tid=3
  • Anonimo scrive:
    M$ ha paura
    Continua a sentenziare sull' OP solo perchè ha paura.
    • Anonimo scrive:
      Re: M$ ha paura oppure vuole aiutarvi a non fare
      un madornale errore. - Scritto da: DevNull
      Continua a sentenziare sull' OP solo perchè
      ha paura.
      • Anonimo scrive:
        Re: M$ ha paura oppure vuole aiutarvi a non fare
        - Scritto da: error
        un madornale errore. BALLE!microsoft ci campa sugli errori dei clienti, e vuole che essi continuino nel solito errore: usare SOLO robba M$ E' pur sempre uno sporco monopolio, e non ha certo interessi umanitari
        - Scritto da: DevNull

        Continua a sentenziare sull' OP solo
        perchè

        ha paura.
        • Anonimo scrive:
          Re: M$ ha paura oppure vuole aiutarvi a non fare
          - Scritto da: zap


          - Scritto da: error

          un madornale errore.

          BALLE!

          microsoft ci campa sugli errori dei clienti,
          e vuole che essi continuino nel solito
          errore: usare SOLO robba M$

          E' pur sempre uno sporco monopolio, e non ha
          certo interessi umanitari


          meno male che c'e gente che non ha dato il cervello all' ammasso
    • Anonimo scrive:
      Re: M$ ha paura
      http://zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=1214&ar2=stampa&numero=999leggi qui e poi dimmi se hanno paura...ciao
  • Anonimo scrive:
    Viva Microsoft!
    Non capite niente, solo Microsoft ci può dare quello di cui abbiamo bisogno e cioè sistemi operativi con una grafica sempre nuova e service pack in abbondanza.L'Open Source è il vile attacco del maligno!Abbasso l'Open Source, che toglie il meritato pane dalla meritevole bocca di Microsoft!Abbasso voi maledetti utenti di Linux che siete ignoranti e non capite la bellezza di Windows!Abbasso voi programmatori opensource che spu**anate in pubblica piazza le arti magiche richieste per fare un OS.Viva Microsoft, il bene trionferà!
  • Anonimo scrive:
    I TRIPPONI MICROSOFT LASCINO STARE LINUX
    E' inutile che blaterate contro LINUX, fareste bene a pensare alla vostra gabbana.Anche gli UTONTI che non vogliono più essere UTONTI si sono stufati di mettere mano al portafoglio per farsi DRAGARE fino all' ultimo Euro per installare (manco comprare) aria fritta.Girate al largo di LINUX razza di TRIPPONI debordanti. Se non ne volete parlare bene non parlatene neppure male, siete andati tanto al lardo che ci avete lasciato lo zampino.
  • Anonimo scrive:
    MS CONDANNATA PER PIRATERIA
    "Questions of intellectual property fall outside the scope of this bill, since they are covered by specific other laws. The model of free software in no way implies ignorance of these laws, and in fact the great majority of free software is covered by copyright. In reality, the inclusion of this question in your observations shows your confusion in respect of the legal framework in which free software is developed. The inclusion of the intellectual property of others in works claimed as one's own is not a practice that has been noted in the free software community; whereas, unfortunately, it has been in the area of proprietary software. As an example, the condemnation by the Commercial Court of Nanterre, France, on 27th September 2001 of Microsoft Corp. to a penalty of 3 million francs in damages and interest, for violation of intellectual property (piracy, to use the unfortunate term that your firm commonly uses in its publicity)."http://newsforge.com/newsforge/02/05/07/2234251.shtml?tid=3
  • Anonimo scrive:
    E grazie al ca**o !
    Andate a chiedere al diavolo cosa ne pensa dell'acqua santa e vi stupite della risposta ?
  • Anonimo scrive:
    MICROSOFT.
    FA SOLO BENE ALL'INFORMATICA.
    • Anonimo scrive:
      Re: MICROSOFT = NECROSOFT
      - Scritto da: IL PRETORIANO
      FA SOLO BENE ALL'INFORMATICAsuainfatti è stata condannata per ABUSO sul mercato come MONOPOLISTA SCORRETTA.In breve microsoft è la NECROSI del sistema economico, che beneficia solo pochi pesciolini legali e molti pirati. L'esito del processo (la colpevolezza) e la piaga che sta prendendo il suo epilogo ne sono una dimostrazione ben chiaraLiberiamoci del monopolio. Liberiamoci di chi rappresenta un TAPPO al LIBERO sviluppo della concorrenza.
      • Anonimo scrive:
        Re: MICROSOFT = NECROSOFT
        Torniamo indietro alla NASA di 40 anni fa.Noi: "Ehi, noi nel 2000 abbiamo un computer con chip a 1000 Mhz, 128Mb di RAM e 30 Gb di Disco".NASA: "bello, e cosa ci fate? ricerca sulle particelle? Ricerche farmaceutiche? Fluidodinamica spaziale?"Noi: "Ehm, no ci scriviamo le letterine, ma ogni tanto si blocca perché il sistema operativo si ciuccia tutta la memoria."
  • Anonimo scrive:
    Bla bla bla
    brava M$, al posto di blaterare pensa a fare delle vere innovazioni tecnologiche e non propinare agli utenti la solita minestra riscaldata!
  • Anonimo scrive:
    vorrei potervelo mimare...
    non dico nulla di nuovo, lo so!ma vorrei descrivervi l'immagine che ho di tutta questa faccenda: Tutti gli omini Microsoft su un enorme superfice vetrata speculare posta su un'immenso cratere fumane che lentamente ed inesorabilmente si sta inclinando...al momento attuale sta già sui 45° ed essi rossi paunazzi sia per la sciolta che vorrebbero nascondere ai loro stessi colleghi, che per la il caldo cocente sottostante e la fatica via via più inutile di sfuggirgli, fanno movimenti goffi nel vano tentativo di sfuggire all'inevitabile.Alcuni, i più scaltri, sono già nei pressi di quello che sarà il bordo superiore dell'enorme specchio, ma i colleghi intuiscono il loro disegno, con il risultato che si troveranno in molti (quello che ce la faranno) a condividere uno spazio ridotto, a cavallo di una cosa, che essendomela inventa io, è una pura astrazione geometrica, ovvero ha uno spessore infinitersimo...e in quanto tale.... *terribilmente* affilata! ....ma loro non lo sanno ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: vorrei potervelo mimare...
      bella questa immagine, mandala a quelche regista di film dell' orror.Oppure facci un' immagine che la uso come sfondo.- Scritto da: CERCHIO
      non dico nulla di nuovo, lo so!
      ma vorrei descrivervi l'immagine che ho di
      tutta questa faccenda:
      Tutti gli omini Microsoft su un enorme
      superfice vetrata speculare posta su
      un'immenso cratere fumane che lentamente ed
      inesorabilmente si sta inclinando...
      al momento attuale sta già sui 45° ed essi
      rossi paunazzi sia per la sciolta che
      vorrebbero nascondere ai loro stessi
      colleghi, che per la il caldo cocente
      sottostante e la fatica via via più inutile
      di sfuggirgli, fanno movimenti goffi nel
      vano tentativo di sfuggire all'inevitabile.
      Alcuni, i più scaltri, sono già nei pressi
      di quello che sarà il bordo superiore
      dell'enorme specchio, ma i colleghi
      intuiscono il loro disegno, con il risultato
      che si troveranno in molti (quello che ce la
      faranno) a condividere uno spazio ridotto,
      a cavallo di una cosa, che essendomela
      inventa io, è una pura astrazione
      geometrica, ovvero ha uno spessore
      infinitersimo...
      e in quanto tale.... *terribilmente*
      affilata!
      ....ma loro non lo sanno ;)
  • Anonimo scrive:
    La proprieta' intellettuale secondo M$
    "E i termini della GNU General PublicLicence (il cuore dell'open source, NdR) rendono impossibile per gli sviluppatori proteggere la loro proprietà intellettuale".Cioe' se uno decide di rilasciare il suo codice "free" deve per forza permettere che swhouse come Microsoft possano liberamente usarlo come fosse proprio con la possibilita' che possano modificarlo senza a loro volta rilasciarlo pubblicamente?E' proprio il CONTRARIO, la GPL TUTELA che decide di rilasciare pubblicamente il proprio codice....
    • Anonimo scrive:
      Re: La proprieta' intellettuale secondo M$ (!!!)
      - Scritto da: SoSe
      E' proprio il CONTRARIO, la GPL TUTELA che
      decide di rilasciare pubblicamente il
      proprio codice....Infatti, come si legge su NewsForge:"Questions of intellectual property fall outside the scope of this bill, since they are covered by specific other laws. The model of free software in no way implies ignorance of these laws, and in fact the great majority of free software is covered by copyright. In reality, the inclusion of this question in your observations shows your confusion in respect of the legal framework in which free software is developed. The inclusion of the intellectual property of others in works claimed as one's own is not a practice that has been noted in the free software community; whereas, unfortunately, it has been in the area of proprietary software. As an example, the condemnation by the Commercial Court of Nanterre, France, on 27th September 2001 of Microsoft Corp. to a penalty of 3 million francs in damages and interest, for violation of intellectual property (piracy, to use the unfortunate term that your firm commonly uses in its publicity)."http://newsforge.com/newsforge/02/05/07/2234251.shtml?tid=3Ma come, non sono loro i difensori della proprieta' intellettuale? E invece, mi vengono condannati perche' rubano il codice agli altri!
      • Anonimo scrive:
        Re: La proprieta' intellettuale secondo M$ (!!!)
        Questa notizia arriverà secondo voi anche su Punto Informatico ?Sarebbe un bello spu&&anamento per M$ in Italia !
        • Anonimo scrive:
          Re: La proprieta' intellettuale secondo M$ (!!!)
          - Scritto da: Memo Remigi
          Questa notizia arriverà secondo voi anche su
          Punto Informatico ?

          Sarebbe un bello spu&&anamento per M$ in
          Italia !Mi pare che gia' ci sia a meno che non considerei questo forum meno di niente
  • Anonimo scrive:
    LA piu grossa balla
    ----------------- "La produzione open source potrebbe anche finire come i molti diversi Unix di oggi, con tutti i relativi problemi di interoperabilità". Svantaggi, dunque, che il software proprietario controllato dall'alto non deve scontare... -----------------Prima si tolgano la trave dall'occhio: i prodotti Office in primis.Continuano a rendere incompatibili a ogni versione tale che chi ha una versione precedente non possono piu leggere
    • Anonimo scrive:
      La grossa balla
      " Prima si tolgano la trave dall'occhio: i prodotti Office in primis.Continuano a rendere incompatibili a ogni versione tale che chi ha una versione precedente non possono piu leggere "Ma smettiamola dai!
  • Anonimo scrive:
    E intanto MS pirateggia...
    Leggere qui, plizhttp://www.theregus.com/content/4/24893.htmlBreve estratto:Did you know Microsoft was convicted of software piracy last year by a French court? Not many people do. The Commercial Court of Nanterre fined Microsoft 3 million francs because it illegally included another company's proprietary source code in SoftImage 3D, a top-of-the-line animation package.
    • Anonimo scrive:
      Lo ha sempre fatto
      Se leggete il libro "il rapporto Microsoft" scoprirete che l'ha sempre fatto.Esempi, Avantgo, Stakar, central point utility e altri.Tecnica usata:MS:"Bello il vostro programma, ce lo fate vedere?"MS:"Facciamo una collaborazione per integrarlo con Windows"passano un paio di mesi...MS:"Il vostro programma fa schifo ne faremo uno nostro".ALTRO: "Ehi, ma il vostro programma è uguale al nostro, è differente solo il bollino blu".MS:"che ci frega? Fateci causa, noi siamo già pronti con i nostri avvocati"
      • Anonimo scrive:
        Re: Lo ha sempre fatto
        - Scritto da: NONMIVA
        Se leggete il libro "il rapporto Microsoft"
        scoprirete che l'ha sempre fatto.
        Esempi, Avantgo, Stakar, central point
        utility e altri.
        Tecnica usata:
        MS:"Bello il vostro programma, ce lo fate
        vedere?"
        MS:"Facciamo una collaborazione per
        integrarlo con Windows"
        passano un paio di mesi...
        MS:"Il vostro programma fa schifo ne faremo
        uno nostro".
        ALTRO: "Ehi, ma il vostro programma è uguale
        al nostro, è differente solo il bollino
        blu".
        MS:"che ci frega? Fateci causa, noi siamo
        già pronti con i nostri avvocati"L'ho letto!!! Roba da mettersi le mani nei capelli. Ma vogliamo mettere quando M$ si è rifiutata di mostrare il codice sorgente della loro "chicca" Ms-Dos con CP/M?Ciao
  • Anonimo scrive:
    Il software closed-source non è un male !
    Realizzare software proprietario, senza rilasciare pubblicamente il relativo codice sorgente, e venderlo (ossia ciò che viene fatto da software house come Adobe, Macromedia, Symantec, Borland, Corel, etc.) non è né un reato né moralmente sbagliato ed è stato considerato il modello di business nel campo software più ovvio fino al 1998. Nel 1998 il movimento Open Source è stato fondato (ed il termine "open source" coniato) e si è posto velocemente all'attenzione mondiale. Qualcuno potrebbe controbattere che il movimento Open Source esisteva prima del 1998, in quanto lo sviluppo di Linux è iniziato nel 1991 e la Free Software Foundation che ha sviluppato il tipo di licenza adottata da Torvalds per il suo OS è stata fondata nel 1985. Ma va evidenziato che Stallman e la FSF non hanno mai utilizzato od abbracciato il termine Open Source (che ancora oggi rifiutano), bensì hanno sempre parlato di "free software" (che non è esattamente la stessa cosa che si intende per Open Source).Non è vero che il software proprietario non porta innovazione in campo informatico. Ovviamente è necessario che vi sia una sana concorrenza tra diversi produttori che competono sul mercato. Si pensi ad esempio ad un settore del software come quello della grafica e del Web Publishing dove diversi produttori (Adobe, Macromedia, Corel, ...) si fanno la guerra con i loro prodotti di successo proprietari e rigorosamente closed-source. Lo stesso potrebbe (dovrebbe) avvenire anche nel campo dei sistemi operativi desktop, dove l'utente godrebbe della possibilità di scelta tra diversi sistemi operativi proprietari in base a diversi criteri (prezzo, caratteristiche, qualità, etc.). Purtroppo, oggi un utente non ha l'imbarazzo della scelta e se desidera acquistare un OS commerciale per il suo desktop, per forza di cose sceglierà Microsoft Windows. Quindi, secondo me, il vero problema non è rendere open source Windows o utilizzare esclusivamente sistemi open source (come Linux), bensì bisognerebbe dare a Windows uno o più validi avversari commerciali (come accade lato server, dove diversi OS prodotti da aziende del calibro di Sun, IBM, etc sfidano con successo i prodotti di casa MS). Ovviamente, mi rendo conto che non è facile fare la guerra a Microsoft nel territorio desktop, e una grossa azienda come IBM che qualche anno fa (1994-1995) tentò l'impresa con il suo OS/2 per desktop, fallì miseramente e si ritirò definitivamente da questo tipo di business (concentrandosi come ben sappiamo sul mercato server). Anche in questa occasione si parlò del fatto che Microsoft avesse fatto uso di tattiche di mercato scorrette approfittando della sua posizione dominante per far fuori alla svelta il rivale. Non voglio dilungarmi su questo ultimo aspetto, ma voglio solo sottolineare che è compito della giustizia (statunitense e non solo) stabilire se e quando Microsoft non si sia comportata correttamente ed agire di conseguenza al fine di creare un mercato dove diverse aziende indipendenti possano muoversi liberamente e proporre i loro prodotti agli utenti finali. In sostanza non deve sussistere una condizione di monopolio. Un altro malanno che affligge il software commerciale proprietario sono i cosiddetti brevetti sul software che servono a proteggere la proprietà intellettuale delle aziende sulle tecnologie che hanno sviluppato. Neanche far ricorso ai brevetti costituisce reato o è moralmente sbagliato, ma certe situazioni che si sono verificate in particolare negli Stati Uniti e che Punto Informatico ha puntualmente documentato, hanno veramente del grottesco e costituiscono davvero una minaccia al progresso nel campo dello sviluppo software. In molti casi basterebbe un po più di buon senso nel rilasciare certi brevetti e anche il software commerciale proprietario closed-source protetto da brevetto non costituirebbe una minaccia all'innovazione in campo informatico e potrebbe rappresentare una valida soluzione per l'utente finale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il software closed-source non è un male !
      ti faccio notare pero' che la microsoftnon potrebbe mai adottare quelle tattiche anticoncorrenziali se fosse un 'azienda software opensource ; loro hanno semplicemente sfruttato a fondo le 'potenzialita' offerte dal modello di sviluppo proprietario ( che del resto hanno inventato _loro_ ; hai mai letto la "open letter to hobbysts " che bill gates scrisse nel '76 ? )
    • Anonimo scrive:
      Ad ognuno la sua licenza
      - Scritto da: Mimmo97
      Realizzare software proprietario, senza
      rilasciare pubblicamente il relativo codice
      sorgente, e venderlo (ossia ciò che viene
      fatto da software house come Adobe,
      Macromedia, Symantec, Borland, Corel, etc.)
      non è né un reato né moralmente sbagliato edDaccordo, ma guarda il tutto si puo' riassumere con molte meno parole:Nessun tipo di licenza e' un male finche si puo' scegliere. Ad ognuno la sua.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Il software closed-source non è un male !
      Io penso che nessuno abbia mai detto che realizzare software close source sia male. Il male sta nel calunniare chi produce un software alla pari (se non migliore) perche' mette a disposizione il codice sorgente a chi vuole provare a migliorarlo. E faccio notare che sono anni che Microsoft sfrutta tecnologie sviluppate originariamente dalla comunita' O.S. o comunque in enti accademici (i.e. non profit) nei suoi sistemi. Esempi? Architettura micro-Kernel di WinNT 4, porting di comandi originari di Linux come ipconfig, tracert, etc. Se vogliamo essere proprio pignoli, anche l'utilizzo di TCP/IP e' stato copiato, in quanto realizzato negli anni 70, in contemporanea con UNIX.La richiesta di rilasciare il codice sorgente di win non deriva dalla curiosita' di vedere com'e' fatto, ma da varie ragioni. In principio, MS si dichiaro' favorevole all Open Source (pochi lo sanno), e questo nel periodo in cui si scopri' che c'era la possibilita' che Win98 violasse la legge sulla privacy mandando informazioni ai server MS. Scoperto questo venne chiesto a Gates, come prova che cio' non fosse vero, di rendere pubblici i sorgenti della versione precedente del SO. Gates rifiuto' e la cosa inizio' a puzzare. Come reazione, Gates ripudio' la sua stima nell O.S. e inizio' la campagna diffamatoria. Qualche tempo dopo, i sorgenti di Win98 ed Office furono rubati da qualche hacker e si diffusero su Internet. Cosa scopri' chi li lesse?-Effettivamente il SO violava la legge sulla privacy-Diversi buchi di sicurezza -Backdoor che permetterebbero ai migliori conoscitori del SO (i.e. chi l'ha progettato) di violare il sistema dell utenteOra, questo dalle mie parti si chiama giocare sporco, ma non sorprende perche' e' un business. FOrse e' questa la differenza principale: MS e' un business, Open SOurce un hobby per molti e un dovere morale per molti di meno. La battaglia non e', in realta', fra MS e Open Source: e' fra il business che, come le continue patch rilasciate da MS testimoniano, puo' rifilarti un prodotto scadente ma carino graficamente a 150 euro,e la passione che mira a condividere le scoperte con chiunque ne sia interessato.E noon parliamo della giustizia statunitense: come si fa a condannare uno che ha finanziato la campagna elettorale del presidente? Che finanzia eventi sportivi, mostre, concerti, etc.? Oltre tutto sappiamo bene cosa si fa, in USA, per soldi.Secondo te e' un caso che Linux o l Open Source si sia sviluppato in Europa?Concludo con una storiella strana: C'e' un episodio dei Simpson in cui Homer mette su una sua azienda su Internet che non si sa bene cosa faccia ("e' cosi' in evoluzione che non so bene cosa faccia"). Un giorno alla porta di casa sua suona Gates e dice "Ho sentito parlare della sua azienda e voglio comprarla". Ma il "comprare" di Gates, in quell episodio, consistema nel distruggere la casa di Homer, e cosi' fanno i suoi gorilla. La cosa bella e' che in USA questa puntata e' stata censurata, non hanno potuto trasmetterla. Penso che si commenti da solo.Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il software closed-source non è un male !

      Ma va
      evidenziato che Stallman e la FSF non hanno
      mai utilizzato od abbracciato il termine
      Open Source (che ancora oggi rifiutano),
      bensì hanno sempre parlato di "free
      software" (che non è esattamente la stessa
      cosa che si intende per Open Source).Esatto. Ma quello che non specifichi è che la Free Software Foundation rifiuta l'Open Source perchè, pur avendo a disposizione il codice sorgente, non è *libero*. L'apertura dei sorgenti è solo *una* delle condizioni che rendono *libero* un software.
  • Anonimo scrive:
    Scusate microsoft ha rotto
    e' inutile che parla o il sw lo da a 5 euroo non lo vuuole piu nessunoqui non si tratta di soldi o menodove c'e soldi usano linux come server perche lavora meglio non perche costa 0il punto e che microsoft non vuole la gplha paura per il fatto che l'adozione della gpl non permette di nascondere backdoor o della concorrenzasu linux esistono spyware open source ???vuol dire che m$ ha paura di perdere miliardima se usasse la gpl non mangerebbero piu ?windows in gpl vorrei proprio vederlo e usarloa vedere se mi fa i bsod !!!!! mi riferisco ai 9xo sono le major che vogliono che microsoft comandiin modo da fare i loro sporchi traffici !
  • Anonimo scrive:
    Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
    Dobbiamo pagare.....per avere i progrmmi...solo loro hanno le conoscenze e la capaità di scrivere OS....Noi non possiamo rifugiarci nell'open S.Grazie Dio microsoft di Esistere..ti prego redimi i blasfemi uitilizzatoiri dei Pinguini.Amen
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
      - Scritto da: Gatto Matto
      Dobbiamo pagare.....per avere i
      progrmmi...solo loro hanno le conoscenze e
      la capaità di scrivere OS....
      Noi non possiamo rifugiarci nell'open S.
      Grazie Dio microsoft di Esistere..ti prego
      redimi i blasfemi uitilizzatoiri dei
      Pinguini.

      AmenVenimmo dal profondo del bazaar per mettere a ferro e fuoco le cattedrali, pinguini guerrieri che giunsero parlando il Klingon e cavalcando gnu :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
      The Clash Of Honor CallsWe Will Stand When Others FallOpen Magic Doors...They Will Know The Power Of Our OS !!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
        Hai ragione: non possiamo competere con Microsoft (sono gli inventori dei pc, del resto)...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
          - Scritto da: jahoaann
          Hai ragione: non possiamo competere con
          Microsoft (sono gli inventori dei pc, del
          resto)...Cheeee!?!?!?!? Microsoft NON ha inventato il PC!Il Pc, nelle sue specifiche tecniche, è stato ideato da IBM (versione XT), intendendo con PC l'antenato di quello che adesso sono chiamati PC (ovvero escludendo macchine quali MAC & Co., che forse possono vantare radici un po' più antiche).Dalla MS la IBM comprò il famoso DOS (su come la MS si procurò il DOS c'è chi sostiene diverse argomentazioni, anche se mi sembra che lo comprò da una SWHouse che scrisse un'evoluzione dell'allora PC/M per l'Intel 8080 ).Mi sembra un po' (TROPPO) forzato dire che la MS abbia inventato il PC. Di originale la MS ha fatto ben poco (chi mi sa dire cosa?).Ha avuto una grande capacità commerciale che l'ha portata ad avere il monopolio del SW nel mondo, cosa di per sé gravissima, perché le permette, in mancanza di alternative, di fare il bello ed il cattivo tempo con le fondamenta del sistema economico mondiale: i sistemi informatici tramite i queli si effettua TUTTO!Smettiamola di pensare che la MS è brava e non sfrutterà mai questo potere. E perché non dovrebbe farlo? Visto la politica di assoluto monopolio che sta perseguendo! Essere la compagnia / uomo più ricca/o del mondo forse non è sufficiente... Si sa: la vita senza sfide non è interessante!Ciao a tutti!MU
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
      - Scritto da: Gatto Matto
      Dobbiamo pagare.....per avere i
      progrmmi...solo loro hanno le conoscenze e
      la capaità di scrivere OS....
      Noi non possiamo rifugiarci nell'open S.
      Grazie Dio microsoft di Esistere..ti prego
      redimi i blasfemi uitilizzatoiri dei
      Pinguini.

      Amenno no lasciamoli pure dove sono, nel loro giurassico mondo.per lavorare con i prodotti microsoft son servonodei fanatati ma della gente che sappia produrre.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
        - Scritto da: birillom

        per lavorare con i prodotti microsoft son
        servono
        dei fanatati ma della gente che sappia
        produrre.cosa sono i "fanatati"?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
          - Scritto da: godzilla


          - Scritto da: birillom



          per lavorare con i prodotti microsoft son

          servono

          dei fanatati ma della gente che sappia

          produrre.

          cosa sono i "fanatati"?dei fanatici analfabeti :-))
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
      Chi te l'ha detto che le conoscenze ce le hanno solo loro? Le conoscenze si acquisiscono. Se non hai voglia di acquisirle, allora e' giusto che paghi fior di quattrini per sistemi che ti dicono essere sicuri, efficienti e affidabili mentre quando li usi (professionalmente, intendo) si rivelano pieni di buchi (e lo sappiamo tutti), a volte lenti (anche con un hardware mostruoso) e spesso si piantano (compilando codice C, magari). Ma non avere la presunzione di fare la cosa giusta.Vorrei far anche notare una cosa: lo scopo della comunita' Open Source (di cui, come si sara' intuito, faccio parte) non e' quello di prevalere su Microsoft, ma quello di fornire una valida alternativa al software proprietario. Il messaggio di tale comunita' non e' mai stato "usate il nostro sw perche' Microsoft fa caggare", ma semplicemente "se non volete pagare soldi, provate il nostro sw". La bieca campagna diffamatoria di Microsoft, volta a screditare la comunita' O.S., deriva dal crescente allarmismo derivante dall utilizzo sempre maggiore di sw O.S.Questo significa, tra l'altro, che la gente inizia a ragionare con la propria testa, e non con l'antenna della TV ficcata nel c&%o.- Scritto da: Gatto Matto
      Dobbiamo pagare.....per avere i
      progrmmi...solo loro hanno le conoscenze e
      la capaità di scrivere OS....
      Noi non possiamo rifugiarci nell'open S.
      Grazie Dio microsoft di Esistere..ti prego
      redimi i blasfemi uitilizzatoiri dei
      Pinguini.

      Amen
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
      Mamma mia...uno dei thread più inutili e preoccupantemente sciocchi che abbia mai letto!Per cortesia, ragazzi, non abusate del fatto che internet dà spazio a tutti, ogni tanto qualche stronzata tenetevela al calduccio, eh?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ha ragione la Microsoft!!!!!!!!!
        - Scritto da: Paolo
        Mamma mia...uno dei thread più inutili e
        preoccupantemente sciocchi che abbia mai
        letto!

        Per cortesia, ragazzi, non abusate del fatto
        che internet dà spazio a tutti, ogni tanto
        qualche stronzata tenetevela al calduccio,
        eh?Ehmmm.....ma tu di nome fai "thread???Saluti dal tuo "Gatto Matto"
  • Anonimo scrive:
    bisniz isz biznis...
    lettura interessante...sul mondo del lavoro...http://www.unicam.it/ssdici/Diraut1.htmle su chi ci "lavora" dentro...divertitevi...
  • Anonimo scrive:
    proprieta' intellettuale ...
    http://newsforge.com/newsforge/02/05/07/2234251.shtml?tid=3Did you know Microsoft was convicted of software piracy last year by a French court? Not many people do. The Commercial Court of Nanterre fined Microsoft 3 million francs because it illegally included another company's proprietary source code in SoftImage 3D, a top-of-the-line animation package.
  • Anonimo scrive:
    guardate come si trasforma la verita'
    Stando a quanto raccolto dai magazine locali, Fong ha sottolineato come, anzi, il modello open source rischi di danneggiare le ambizioni tecnologiche del paese che dovrebbe, invece, sostenere la proprietà intellettuale.a me suona come :Stando a quanto raccolto dai magazine locali, Fong ha sottolineato come, anzi, il modello open source rischi di togliere preziosi introiti dalle nostre taske,derivanti dai polli che costretti sia x condizioni di mercato,ke per facilita' d'uso,ke x mancanza di un altra valida alternativa,o per mancanza di conoscenza,sono obbligati a sottostare alle nostre regole,e ke dovrebbero invece affidarsi ancora a noi x essere spennati. visto come si cambiano le carte in tavola ? basta spostare un aggettivo qua e un altro di la. la potenza del marketing.
    • Anonimo scrive:
      Re: guardate come si trasforma la verita'
      sta facendo il suo mestiere.Se tu avessi una attivita', animato da sani principi, consigleresti ai tuoi clienti di spendere i soldi da un'altra parte?La Microsoft, daltronde, non e' una associazione senza fini di lucro come la Caritas.
  • Anonimo scrive:
    Aaaa Finalmente l'hanno ammesso!!!
    A parte le solite frasi di rito sull'OpenSource da parte dei vari portavoce di Microsoft, che tra l'altro si contraddicono una con l'altra. Volevo solo porre la Vs attenzione sull'ultima, bellissima, esternazione di Mr.Alex Fong (riporto fedelmente dall'articolo):Svantaggi, dunque, che il software proprietario controllato "DALL'ALTO" non deve scontare..."Eeeeeeee daiiiiiii tanto ci voleva a dirlo, che solo Voi siete la luce e senza di Voi ... ci sono solo tenebre!!!Per fortuna in tanti, adesso, ci vediamo bene al buio.Fate veramente pena.
    • Anonimo scrive:
      Re: Aaaa Finalmente l'hanno ammesso!!!

      Svantaggi, dunque, che il software
      proprietario controllato "DALL'ALTO" non
      deve scontare..."...lo diceva già ESR in "the cathedral & the baazar"Comunque, io preferisco gli "svantaggi"dal basso. :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Aaaa Finalmente l'hanno ammesso!!!
        - Scritto da: Enzo

        Svantaggi, dunque, che il software

        proprietario controllato "DALL'ALTO" non

        deve scontare..."Secondo me, tutti questi attacchi di Microsoft all'Open Source dimostrano una cosa sola: che se la stanno facendo sotto...Ciao!

        ...lo diceva già ESR in "the cathedral & the
        baazar"

        Comunque, io preferisco gli "svantaggi"
        dal basso. :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Aaaa Finalmente l'hanno ammesso!!!
          Sono d'accordo con il fatto che l'open source possa contribuire ad eliminare il monopolio di Microsoft guadagnato in modo illegittimo. Però non sono a priori contrario al closed source. Lasciamo che il mercato e le abilità personali decidano senza guerre di religione
          • Anonimo scrive:
            Re: Aaaa Finalmente l'hanno ammesso!!!
            - Scritto da: Leviathan
            Sono d'accordo con il fatto che l'open
            source possa contribuire ad eliminare il
            monopolio di Microsoft guadagnato in modo
            illegittimo. Però non sono a priori
            contrario al closed source. Lasciamo che il
            mercato e le abilità personali decidano
            senza guerre di religione Sono d'accordissimo anch'io con il mercato Libero ma deve essere Libero sul serio! Senza monopoli e senza posizioni "Dall'Alto"! Ciao
  • Anonimo scrive:
    e alcuni programmatori opensource malayesiani
    dicono: noi mangiamo sempre...a volte pure troppo...non mi ricordo il link...pero se cercate in giro c'e...
  • Anonimo scrive:
    che noia
    la politica di microsoft...proporre una cosa dieci, cento, mille volte, fino a farla diventare normale e nella testa di tutti...i virus sono una cosa normale, non fanno piu' notizia. li si accettano.le vulnerabilita' sono una cosa normale, non fanno piu' notizia. le si accettanosparare a zero sull'opensource (da cui microsoft stessa attinge, vedi bsd) e' una cosa normale, non fa piu' notizia. la si accetta.e ovviamente, resta da elevare al massimo rango l'affermazione del leccapiedi di turno"Per esempio - ha affermato Fong - da quando Torvalds ha lanciato il kernel di Linux nel 1991 ci sono state poche aziende open source di successo. E i termini della GNU General Public Licence (il cuore dell'open source, NdR) rendono impossibile per gli sviluppatori proteggere la loro proprietà intellettuale".pero' vorrei che il presente leccapiedi rispondesse a queste domande1) quante aziende di sistemi operativi di successo ci sono state da quando esiste microsoft?2) quante societa' potenzialmente di successo sono state estinte dalle politiche anticoncorrenziali di microsoft3) avere il coraggio di dire che la GPL non protegge la proprieta' intellettuale denota solo ignoranza. Prima si legga la licenza, poi venga qui a fare il promoter di marketing da 4 soldi.E per la cronaca, la paragoni con la solida e garantista licenza per la total customer satisfaction che propina la sua carissima azienda
    • Anonimo scrive:
      Re: che noia,munehiro,e' tutto tempo sprecato
      non serve a niente,quello li lavora x ms,dentro di lui crede nell'opensource e detesta ms,ma non puo' affermarlo o perde il posto. scommetto ke a kasa sua usa linux,mi ci giokerei un okkio
    • Anonimo scrive:
      Re: che noia
      - Scritto da: munehiro
      microsoft stessa attinge, vedi bsd) e' unaIllazioni non dimostrate.
      3) avere il coraggio di dire che la GPL non
      protegge la proprieta' intellettuale denota
      solo ignoranza. Prima si legga la licenza,Perché a te magari pare il contrario?
      • Anonimo scrive:
        Re: che noia
        - Scritto da: Opino
        - Scritto da: munehiro


        microsoft stessa attinge, vedi bsd) e' una

        Illazioni non dimostrate.http://userpages.umbc.edu/~jack/ifsm498d/tcpip-intro.htmlhttp://zdnet.com.com/2100-1104-860428.htmlhttp://www.gzip.org/zlib/apps.gz.html
  • Anonimo scrive:
    previsione: a quanti mes. arriveremo qui?
    io dico almeno 150.forse 200.a domani sera.
    • Anonimo scrive:
      Re: previsione: a quanti mes. arriveremo qui?
      Tanti... tanti...- Scritto da: elmer fudd
      io dico almeno 150.
      forse 200.


      a domani sera.
    • Anonimo scrive:
      Re: previsione: a quanti mes. arriveremo qui?
      non lo so. personalmente sto cominciando a stancarmi, tanto ripeto sempre le stesse cose e sempre alle stesse persone (80% troll, 15% ignoranti, 5% gente seria). alla fine... chi me lo fa fare? che i difensori del monopolio Microsoft si cuociano nel loro brodo!se ci riuscirò, domani sarò solo uno spettatore. per la gioia di tanti e il dispiacere di pochi.ciao a tuttigodz
      • Anonimo scrive:
        Re: previsione: a quanti mes. arriveremo qui?

        80% di troll, 15% ignoranti, 5% gente seria. Le percentuali da Te, qui espresse, credo si possano riferire a qualsiasi argomento e in generale a qualsiasi cosa nella vita! Non ti abbattere dai. ;-)
        ciao a tutti Grazie, e contraccambio.
      • Anonimo scrive:
        Re: previsione: a quanti mes. arriveremo qui?
        - Scritto da: godzilla
        non lo so. personalmente sto cominciando a
        stancarmi, tanto ripeto sempre le stesse
        cose e sempre alle stesse persone (80%
        troll, 15% ignoranti, 5% gente seria). alla
        fine... chi me lo fa fare? che i difensori
        del monopolio Microsoft si cuociano nel loro
        brodo!

        se ci riuscirò, domani sarò solo uno
        spettatore. per la gioia di tanti e il
        dispiacere di pochi.

        ciao a tutti
        godzTe lo ricordi l'aneddoto di quando Berlusca comincio' a creare le sue televisioni?Avevano gli uffici in piazza Duomo.Riunione con i top manager di allora.Li invita ad affacciarsi alla finestra a guardare tutta le gente.E poi dice:"Le vedete tutte quelle persone? Di tutta quella gente solo il 20% è intelligente.Bene, noi dobbiamo lavorare per tutti gli altri!"Mi sembra che corrisponda alla tua percentuale :-)))
      • Anonimo scrive:
        Re: previsione: a quanti mes. arriveremo qui?
        - Scritto da: godzilla
        non lo so. personalmente sto cominciando a
        stancarmi, tanto ripeto sempre le stesse
        cose e sempre alle stesse persone (80%
        troll, 15% ignoranti, 5% gente seria). alla
        fine... chi me lo fa fare? che i difensori
        del monopolio Microsoft si cuociano nel loro
        brodo!Da questo messaggio si deduce che usi un OS sotto GPL... non dall'ultima frase, ma dal calcolo delle percentuali.Uno che utilizzava Excel avrebbe detto qualcosa del tipo: 79%, 14%, 4%. E il restante 3% ????Semplice, usa Excel e ha il buco e quindi il conteggio è sbagliato :)
Chiudi i commenti